L'Ungheria chiede soldi a Ue Scontro sui migranti con l'Italia

Il minsitro degli Esteri dell'Ungheria ha attccato il goevrno italiano: "Non rispetatte le regole". Gentiloni: "Nessuna lezione da Budapest"

"Con muri e referendum Ungheria ha sempre rivendicato di violare regole europee su migrazioni. Ora almeno eviti di dare lezioni all’Italia". Così, il ministro degli Esteri, Paolo Gentiloni, ha risposto oggi con un tweet al ministro degli Esteri ungherese, Peter Szijjarto, che ieri aveva attaccato Matteo Renzi. Il premier italiano, aveva affermato il capo della diplomazia magiara, "critica i Paesi dell’Europa centrale, che seguono le regole comuni europee, mentre l’Italia non riesce ad adempiere ai doveri di Schengen. Se l’Italia riuscisse a proteggere i suoi confini - aveva aggiunto Szijjarto - la pressione dei migranti sull’Ue sarebbe minore". Poi il ministro ungherese ha rincarato la dose: "I paesi centroeuropei - prosegue Szijjarto - con la loro adesione all'Unione europea, hanno aperto i propri mercati interni alle imprese dell'Europa occidentale, fra cui anche quelle italiane, che hanno realizzato così profitti notevoli". Insomma il braccio di ferro tra Italia e Ungheria potrebbe durare a lungo. Il tema dei migranti è un tema chiave che in sede comunitaria pesa anche sul bilancio Ue da approvare. Su questo punto il premier Renzi era stato molto chiaro durante la sua intervista a porta a Porta: "Se Ungheria o Slovacchia ci fanno la morale sui migranti e non ci danno una mano", l'Italia potrebbe "mettere il veto" sul bilancio comunitario.

Commenti
Ritratto di MLF

MLF

Gio, 27/10/2016 - 17:54

Szijjarto ha ragione da vendere. E le ripicche di Renzi sono un'ulteriore vergogna.

Ritratto di bandog

bandog

Gio, 27/10/2016 - 18:21

DICIAMO CHE L'UNGHERIA NON HA TUTTI I TORTI

Ritratto di AlleXpert

AlleXpert

Gio, 27/10/2016 - 23:30

Ecco la replica dell'Ungheria con mille ragione.

ILpiciul

Ven, 28/10/2016 - 00:03

Risultato: statisti (magiari) 10, politicanti (tagliani) 0. Trattasi di cappotto. Beati i popoli che hanno i loro leader che pensano al loro (dei popoli) bene.

ESILIATO

Ven, 28/10/2016 - 01:34

Gli ungheresi hanno ragione......noi andiamo a prenderceli a dieci miglia dalla loro costa quindi.......teniamoceli, perche gli ungheresi dovrebbero prenderli....mica e' andata la loro marina a prenderli in Libia........

mila

Ven, 28/10/2016 - 05:21

Vero, l'Italia dovrebbe proteggere i suoi confini, pero' allora dovrebbe poter fare una guerra.

albertoelvio

Ven, 28/10/2016 - 05:27

il premier Renzi non e' in grado di fare la morale a nessuno, e' insieme responsabile e fautore solerte ed attivo dell' incremento esponenziale dell'aumento enorme dell'invasione scientificamente organizzata. Si deve solo vergognare.

Ritratto di franco-a-trier_DE

franco-a-trier_DE

Ven, 28/10/2016 - 05:56

Ungheria boicotta i prodotti italiani.

Iacobellig

Ven, 28/10/2016 - 06:11

HA RAGIONE L'UNGHERIA, L'ITALIA DEVE PROTEGGERE I SUOI CONFINI E TUTELARE LA SUCUREZZA DEGLI STESSI CITTADINI ITALIANI. QUESTO GOVERNO STA SPINGENDO VERSO UNA GUERRA CIVILE IL POPOLO ITALIANO CHE NON NE PUÒ PIÙ!

Ritratto di bergat

bergat

Ven, 28/10/2016 - 08:05

Renzi e il suo governo dovrebbe capire che la solidarietà non è un 'obbligatorietà e l'Ungheria ha ragione da vendere.

Ritratto di Jedi

Jedi

Ven, 28/10/2016 - 08:18

Diciamo che l'Ungheria ha tutte le ragioni.

timoty martin

Ven, 28/10/2016 - 08:24

L'Ungheria da applaudire! L'Italia NON doveva dare inizio a questa accoglienza di massa, sopratutto andando a prendere i profughi praticamente a casa loro; Szijjarto ha ragione e fa benissimo a dirlo. L'Italia NON puo' imporre all'UE le conseguenze di una sua scelta. I popolo italiano paga le conseguenze di scelte fatte senza lungimiranza.

gpl_srl@yahoo.it

Ven, 28/10/2016 - 08:43

L' Ungheria ha gia avuto nel 56 l' occasione di conoscere i sopprusi di invasioni allora definibili barbariche: non sente oggi il bisogno di dover ripetere in nome del liberalismo preteso da Renzi e da Alfano invasioni che ritiene ingiustificate sia per colpa di ingiustificate decisioni militari occidentali (USA , Francesi ed Inglesi)in tutto il medio oriente e nel nord africa e sia per la cattiva politica economica occidentale in tutti i paesi africati e medio orientali: tale politica purtroppo non consente investimenti ed obbliga molte nazioni ad accettare una politica di migrazione verso il nord del mondo alla ricerca di cibo e tranquillità.

Ritratto di liberopensiero77

liberopensiero77

Ven, 28/10/2016 - 08:50

Diciamo che l'Ungheria ha una posizione di comodo nell'UE, ricevendo grossi finanziamenti, ma nulla dando in cambio. Mentre noi ci dibattiamo in grossi problemi economici e di occupazione, e la Commissione europea ci fa le pulci sul nostro bilancio, l'Ungheria, unitamente ad altri Paesi europei dell'Est, cresce al ritmo di c.ca il 3% all'anno, grazie ai fondi europei. Mentre l'Italia ha un saldo passivo annuo di c.ca 4 miliardi di euro rispetto al bilancio UE, l'Ungheria ha un saldo attivo di c.ca 6 miliardi. Insomma, l'Ungheria cresce molto grazie anche ai nostri soldi, mentre noi ci dibattiamo in grossi problemi economici. E si permette pure di dire che noi non rispettiamo le regole europee. Diciamo che invece hanno una posizione di comodo, non hanno coste e il problema dei migranti lo lasciano a noi, giusto? E qualcuno dice pure che hanno ragione. Puro masochismo politico.

gpl_srl@yahoo.it

Ven, 28/10/2016 - 08:54

sara il caso che Renzi cominci a pensare a ridurre i costi cosi come avviene nelle famiglie dove gli intriti non permettono stravaganze assurde ed inutili: se in una casa non entrano soldi, di certo, il capo famiglia ricorre ad eliminare le spese e non pensa di ricorrere alle ruberie ed ai furti per poter continuare a spendere e spandere. Anche i migranti sono oramai un costo assurdo ed ingiustificato agli occhi di tanti italiani costretti a vivere con pensioni da fame. l' UNGHERIA EVIDENTEMENTE NON VUOLE INCORRERE IN UGUALI SITUAZIONI.

Giulio42

Ven, 28/10/2016 - 08:57

Che bello, le nostre aziende si sono trasferite con grandi profitti per loro e per le Nazioni che li hanno accolti e a noi, i disoccupati, i rom e gli immigrati. Questa è la tanto decantata UE, bisognava essere ciechi per non capire quello che sarebbe successo.

Maretz

Ven, 28/10/2016 - 12:08

@liberopensiero77: "ma non da nulla in cambio" -> guarda che l'Ungheria (come gli altri paesi dell'Est) ha aperto il proprio mercato alle aziende italiane, che hanno realizzato profitti enormi su questi mercati praticamente vuoti. In cambio i paesi dell'Est ricevono una porzione di questo profitto economico in forma di fondi strutturali. Parli di "grossi finanziamenti Ue"... ma lo sai che il 90% di questi finanziamenti viene restituito alle grandi multinazionali occidentali nell'ambito degli appalti pubblici? Pur non avendo coste, in Ungheria sono arrivati quasi mezzo milione di migranti durante l'anno scorso. Gli ungheresi si sono impegnati, e hanno fermato l'invasione. Punto e basta. Invece noi italiani facciamo i buonisti, e poi ci pretendiamo pure che altri si prendano quelli che facciamo entrare... Alla fine: chi ha distrutto la Libia? Chi ha rimosso Gaddafi, bombardato le sue forze armate, consegnando il paese ai jihadisti? Sicuramente non l'Ungheria...

Maretz

Ven, 28/10/2016 - 12:09

Orban ha già detto chiaramente cosa si dovrebbe fare: costruire grandi campi profughi sulle coste libiche, sotto la protezione militare dell'Ue. E fermarli tutti lì. In pochi mesi il flusso si fermerebbe... perchè nessuno penserebbe di partire dalla Nigeria, se al massimo più arrivare ad un campo profughi in Libia, ma non in Europa. Invece Renzie fa il buonista per sostenere le mafie dell'accoglienza, e pretendere concessioni da Bruxelles sui conti pubblici, che dopo 8 anni di crisi ancora non tornano. Una vergogna.

Ritratto di liberopensiero77

liberopensiero77

Ven, 28/10/2016 - 16:34

@Maretz, ma Lei ci è o ci fa? Ci mancherebbe che l'Ungheria, che appartiene all'UE e ha aderito a Schengen, non facesse entrare le aziende italiane sul suo territorio. La cosa si traduce comunque in un vantaggio, non solo per le imprese che vanno in Ungheria, ma anche per la stessa Ungheria, che sta avendo il PIL più alto di tutta l'UE, e disoccupazione al 6,5% (quant'è da noi?). E se quei fondi invece di darli agli ungheresi ce li tenessimo in Italia per finanziare le nostre opere pubbliche e - indirettamente - le nostre imprese? L’anno scorso sono arrivati mezzo milione di migranti in Ungheria? Già, e poi? Sono stati tutti, o bloccati al confine serbo, oppure fatti transitare e mandati in altri Paesi UE (in barba agli accordi di Dublino), i quali hanno chiesto sanzioni per l’Ungheria, che ha bassissimo numero di rifugiati, ma altissimo numero di richiedenti asilo.

seccatissimo

Ven, 28/10/2016 - 17:37

In casa mia io apro le porte e le finestre per farle prendere aria e faccio entrare solo chi voglio io ! Chi tenta di entrare in casa mia di prepotenza, contro il mio volere, o anche "autorizzato" da qualcuno delle cosiddette autorità che crede di avere titoli per comandare su tutto e poter imporre ovunque i suoi diktat, io gli sparo in bocca ! Punto e basta ! Italiani, adeguatevi anche voi ! Solo coerenti ed uniti si ripristina l'ordine naturale delle cose !