La madre di Fabrizio Corona: "Ha distrutto le nostre vite"

Oggi l'ex fotografo dei vip davanti al Riesame: "Sono un lavoratore forsennato, non un criminale". E la madre Gabriella lo difende in tv

"Ha fatto tanti errori e ha distrutto la sua vita e in parte anche la mia". Eppure Gabriella Corona difende il figlio Fabrizio Corona in tv.

"Ma lui non è un criminale", ha detto a Pomeriggio Cinque la madre dell'ex fotografo dei vip, "Sono preoccupata per lui perché il carcere non gli giova: ha bisogno di essere seguito e curato perché ha problemi psichici. Lui ha la testa un po' così, ma gli starò sempre vicino e lo giustificherò sempre, perché sono sua mamma".

Proprio questa mattina Corona è apparso davanti al tribunale del Riesame, che dovrà decidere se scarcerarlo. "Non sono un criminale", avrebbe detto ai giudici secondo quato racconta il suo legale, l'avvocato Ivano Chiesa, "Sono un lavoratore forsennato e non ho mai percepito un euro in modo illecito. L'unica persona a cui chiedo scusa è il magistrato di sorveglianza Giovanna Di Rosa a cui ho mancato di rispetto". Corona è in carcere a San Vittore dal 10 ottobre scorso, quando è stato arrestato insieme alla sua collaboratrice Francesca Persi per intestazione fittizia dei beni. Fino ad allora era in affidamento in prova ai servizi sociali.

Commenti
Ritratto di ottimoabbondante

ottimoabbondante

Gio, 27/10/2016 - 23:45

Per avere frodato il fisco resta in carcere per chissá quanto tempo. C'é gentaglia diversamente bianca che stupra, aggredisce, fa i suoi porci comodi e lo graziano con una pacca sulle spalle. Ha ragione Ostellino a scrivere: l'Italia non é piú la patria del diritto, bensí quella del rovescio.

il sorpasso

Ven, 28/10/2016 - 07:12

Caro Corona in galera non ci sono solo i criminali ma chi truffa, chi spaccia droga e denaro falso ecc.ecc. quindi c'è posto anche per te che una santone non sei mai stato.

guerrinofe

Ven, 28/10/2016 - 07:15

Si vanta di tutto,ora paghi.

Ritratto di Giano

Giano

Ven, 28/10/2016 - 08:07

Nelle linee di produzione industriale, c’è un controllo manuale per verificare pezzi difettosi da scartare. Per quanto la produzione, quasi completamente robotizzata e standard, possa garantire uniformità di qualità e caratteristiche, c’è sempre qualche pezzo che riporta piccoli difetti. Sono incidenti nella catena di produzione. Anche nella linea dell’evoluzione della specie umana, ogni tanto si verificano errori e ci sono dei prodotti difettosi: Corona è uno di questi prodotti difettosi, un errore nell’evoluzione umana.

lento

Ven, 28/10/2016 - 08:32

Fabrizio Corona ,va studiato nelle Universita'! Una macchina da soldi come i Benetton.

ermeio

Ven, 28/10/2016 - 08:48

Insomma un bravo ragazzo dai. Poverino. Gli 1,7 milioni di euro trovati nel controsoffitto probabilmente sono piovuti dal cielo. Non riuscite proprio a non difendere un criminale eh? Siete talmente abituati. Padrone docet.

ziobeppe1951

Ven, 28/10/2016 - 09:44

ermeio...08.48....che giornale stai leggendo?....l'Unita dei pirla o il maninfesto

Ritratto di gianky53

gianky53

Ven, 28/10/2016 - 09:52

Povera donna, quanto dolore e angoscia. Il figlio fatelo lavorare, in modo che la sera sia stanco con il solo desiderio di un giaciglio per dormire, così da riprendere il lavoro il giorno dopo. Senza interruzioni e vacanze, fino a completa guarigione.

Ritratto di rapax

rapax

Ven, 28/10/2016 - 10:27

questo triste figuro (a cui viene data un importanza mediatica senza pari da fininvest e rai...roba da pazzi) deve stare in galera per aver truffato parecchie persone, oltre che ricattate, la questione fiscale è relativa, uno in casa non può aavere soldi in contanti?? se lo si deve punire è per la provata, se provata esportazione di capitali all'estero(in Autria UE eee??) e comunque sommati ai gravi reati di cui sopra

Ritratto di Rames

Rames

Ven, 28/10/2016 - 10:29

Non occorre essere un criminale per finire in carcere.

sparviero51

Ven, 28/10/2016 - 10:35

SOTTOPRODOTTI DELL'ERA MODERNA !!!

ermeio

Ven, 28/10/2016 - 12:58

ziobeppe1951, è un articolo apparso sul TUO giornale, non su l'unità o sul manifesto