Mafia, sequestratofamoso caffè-ristorantedietro Piazza Duomo

La Gdf ha sequestrato anche un hotel in Costa Smeralda e un bar ad Olbia. Le indagini vertono sul reimpiego di capitali illeciti intestati a prestanome

La Gdf di Milano, nell’ambito dell’inchiesta della Dda sulla presunta cosca mafiosa dei D’Agosta con al centro l’intestazione fraudolenta di beni per 5 milioni di euro, ha sequestrato lo storico bar-ristorante milanese "Samarani Caffè", in piazza Diaz, a due passi dal Duomo. Nell’ambito delle indagini sul reimpiego di capitali illeciti, i finanzieri del nucleo di polizia tributaria hanno messo i sigilli anche all’hotel "Il Faro Molarotto" in Costa Smeralda e ad un altro bar in provincia di Olbia.

Gli accertamenti della Finanza hanno riguardato, in particolare, due presunti appartenenti a una cosca mafiosa di Vittoria (Ragusa), Carmelo e Gianfranco D’Agosta, già condannati a vario titolo per associazione mafiosa e traffico di droga. Stando alle indagini, coordinate dal pm Claudio Gittardi, sarebbero emerse delle anomalie nel rapporto tra i redditi dichiarati dai due e i beni intestati a loro o a presunti prestanome. Ipotesi che ha fatto scattare il sequestro preventivo, deciso dal gip di Milano Anna Maria Zamagni, in base alle norme sull’intestazione fittizia di beni relative a soggetti già condannati per associazione mafiosa.

Ieri nel capoluogo lombardo era stato sequestrato anche il bar "Gran Caffè Sforza", nell’ambito di un’inchiesta della Procura di Napoli sulla camorra cutoliana del clan Belforte.

Commenti

ke giornale

Gio, 05/07/2012 - 13:28

lombardia.....sicilia.......sempre più simili!!!

ciciao1950

Gio, 05/07/2012 - 14:10

Perchè non si sentono mai notizie simili sull'Austria, la Svizzera,la Slovenia, ecc? Semplice:perchè non sono stati italiani.Lo stato italiano è un bidone inefficente:costa un sacco di soldi in tasse e non riesce a fare il proprio dovere di stato.Nella fattispecie non è in grado di impedire che la malavita organizzata si trasferisca dal sud al nord.La Lombardia deve mollare questo stato del... razzo e darsi leggi proprie, propri poliziotti e propri magistrati e vedrete che il fenomeno malavitoso verrà controllato meglio.

xenon

Gio, 05/07/2012 - 14:42

come dimenticare le parole della moratti: "a milano la mafia non esiste"

Ritratto di scandalo

scandalo

Gio, 05/07/2012 - 14:53

#2 ciciao1950... pienamente d'accordo , il problema che SAN NAPOLITANO DA POZZUOLI non pare della stessa idea !! comunque devo dire che in quel bar facevano un espresso eccezziùnale veramente ....che sia stato caffè colombiano ??

Antonio8700

Gio, 05/07/2012 - 15:12

ciciao1950, guarda che la mafia al nord non ci è arrivata con il "confino" come vogliono farci credere ma con la complicità della politica locale (sopratutto della lega) come è stato dimostrato ultimamente...anche se la lombardia avrà uno stato a parte, le cose non cambieranno, la lotta alla mafia la fanno all'80% i cittadini onesti e il restante 20% i poliziotti, magistrati ecc...

Ritratto di scandalo

scandalo

Gio, 05/07/2012 - 15:42

#5 Antonio8700....sono d'accordo quindi dalle regioni da cui le proviene l'80 % di persone oneste non esistono proprio visto che da sempre siete governati dalla mafia , camorra e ndrangheta ... azzardo siete soltanto l'8% di onesti ??

ciciao1950

Ven, 06/07/2012 - 08:45

Antonio 8700.Che mi dici di Al Capone, di Johnny Stompanato, di John Gotti e di tutta la gentaglia che ha infettato il mondo?Venivano dal Nord Italia per caso? Fra un po' scopriremo che la mafia è nata a Bozen? E' che lo stato italiano è in fallimento perchè è un fallimento in tutte le attività che svolge e quindi va buttato a mare.Uno stato più efficiente riesce a contenere meglio il fenomeno malavitoso.E se dici che con uno stato a parte le cose non cambieranno, che soluzione proponi? Quella di lasciare le cose come stanno? Guarda che se il Nord riuscisse finalmente a secedere da questo bidone di stato, il Sud sarebbe libero, ripeto "libero" di organizzarsi come crede.E' questo che spaventa?