Il maltempo sferza il Nord. Trombe d'aria in Liguria. Nubifragi a Genova e Milano

Bomba d'acqua su Genova. Voli dirottati. Esonda il fiume Lambro a Milano

Il maltempo sferza il Nord. Tre voli dirottati su Pisa, uno su Milano Malpensa e uno su Torino a causa di una "bomba d’acqua" caduta su Genova. Ritardi per i voli in partenza dallo scalo ligure. Il maltempo ha colpito in particolare il ponente genovese: il torrente Cerusa è esondato, senza creare problemi alle persone. A Sampierdarena è stato chiuso un sottopassaggio causa allagamento. Lo stesso è avvenuto a Pegli. Anche il traffico ferroviario ha risentito dell’ondata di pioggia e la linea ferroviaria è stata sospesa dopo le 12,20 fra Genova Voltri e Sestri Ponente. Aurelia chiusa tra Arenzano e Genova.

Due trombe d’aria hanno colpito il Ponente genovese in mattinata. La prima si è abbattuta su Arenzano causando danni e scoperchiando tetti, ma senza provocare feriti. La seconda ha colpito la località di Multedo, provocando detriti che hanno costretto alla chiusura del tratto di ferrovia fra Voltri e Sestri levante. Allagamenti si sono verificati fra Voltri e Pegli. La Capitaneria di porto di Genova ha lanciato un appello alla cautela ad avvicinarsi alle zone costiere soprattutto nell’area colpita dall’ondata di forte maltempo di questa mattina.

Stato di pre-allarme per il fiume Lambro a Milano che ha esondato, a causa delle forti piogge, nell’area dell’omonimo parco e nel parco Monluè. Gli agenti della polizia locale e il personale della Protezione civile stanno monitorando l’andamento del fiume. Non si registrano particolari disagi per quanto riguarda la circolazione nè per quanto riguarda le persone. Rientrato, invece, poco dopo le 9 l’allarme esondazione per il Seveso. Fin dalle prime ore del mattino, polizia locale e protezione civile comunale hanno tenuto sotto controllo il fiume che, per via delle abbondanti piogge, con la fase acuta intorno alle 7, aveva superato la seconda soglia di allarme. Le pattuglie dei vigili sono impegnate a regolare la circolazione nella zona, mentre i tecnici di Metropolitana Milanese hanno aperto i tombini in modo da evitare allagamenti.