Maltrattava e picchiava la compagna, arrestato alla Vigilia di Natale

La donna veniva legata, poi l'uomo le spegnava sigarette sulle braccia. Dopo anni la 51enne ha deciso di denunciare

Vagava per strada nella notte della Vigilia. Era in stato di agitazione e il volto tumefatto dalla botte.

La donna, una 51enne, residente a Rho, è stata aggredita per l'ennesima volta dal convivente. Questa volta l'uomo l'ha colpita in faccia con un mestolo da cucina. Stanca dalle continue violenze la signora ha chiamato la polizia e denunciato il compagno. Il convivente, pregiudicato, è stato trovato dagli agenti in casa ubriaco e molto agitato. È stato arrestato in flagranza di reato per maltrattamenti in famiglia, minacce e lesioni aggravate e condotto nel carcere di San Vittore.

La donna è stata portata al pronto soccorso, dove è stata medicate e dimessa con una prognosi di 23. Condatta in seguito in commissariato per denunciare l'aggressore, ha raccontato di aver subito abusi e violenze negli ultimi due anni. Sarebbe stata più volte legata a una sedie e il fidanzato le avrebbe spento sigarette sulle braccia e in altre parti del colpo. Inoltre, ha raccontato anche che l'uomo le avrebbe urinato addosso. Alla domanda per quale motivo non avesse ancora denunciato l'uomo, ha spiegato che subiva anche molte minacce. Il compagno le aveva promosso la morte se avesse detto qualcosa in giro.