"Manifesto razzista in stazione": rimosso dalle Ferrovie

Una foto che ha scatenato una vera e propria bufera. Si tratta di un'immagine che è apparsa nei cantieri di Grandi Stazioni a Firenze a Santa Maria Novella

Una foto che ha scatenato una vera e propria bufera. Si tratta di un'immagine che è apparsa nei cantieri di Grandi Stazioni a Firenze a Santa Maria Novella. Di fatto per coprire la zona in cui vanno avanti i lavori per l'installazione dei tornelli, è stata posta questa grande immagine che mostra un uomo di colore bloccato proprio mentre prova ad entrare in stazione. Immediatamente la foto ha suscitato diverse polemiche e così sono dovute intervenire le Ferrovie dello Stato per rimuovere il manifesto: "Non era intenzione da parte dell'azienda offendere nessuno, ci scusiamo se abbiamo urtato la sensibilità delle persone. L'immagine sarà rimossa immediatamente dai cantieri della stazione di Santa Maria Novella".

"E' una campagna razzista schifosa - ha scritto su Facebook il consigliere comunale di Sinistra Italia Tommaso Grassi - è indegna e solletica la pancia della gente". "Foto di un ragazzo con un borsone, tipica iconografia del venditore abusivo, tenuto fuori dalla porta. Lì si entra solo con il biglietto. Meglio se bianchi? Meglio italiani?".

Commenti

maria angela gobbi

Mer, 02/08/2017 - 00:10

alle domande finali,risposte SI.SI

lupo1963

Mer, 02/08/2017 - 00:25

Sempre piu' convinto di andarmene da questo GHETTO . Sara ' un piacere assistere da lontano a quando si dovranno SCANNARE tra loro le risorse ed i catto-comunisti . Popcorn e birra gelata .

Dordolio

Mer, 02/08/2017 - 06:15

Più che un manifesto razzista è un manifesto sgradevole. In altri contesti artistici verrebbe definito iperrealista, magari di pregio. Illustra una realtà orribile, che non piace a chi ne è responsabile e per questo lo tolgono, non per la solita menata del razzismo. Vi si vede infatti un uomo che pensava di avere una vita migliore, che non è in grado di conseguire a casa sua, ed ha finito col fare qui il miserabile. Ma molti si ingrassano con questo stato di cose. Che sono proprio quelli che protestano e si indignano, ipocriti e criminali.

Ritratto di mircea69

mircea69

Mer, 02/08/2017 - 06:50

I popoli non sono uguali tra loro. Esistono differenze a livello spirituale, morale, culturale e genetico. Del resto se fossimo tutti uguali tutto il pianeta sarebbe progredito allo stesso modo, no?

Aegnor

Mer, 02/08/2017 - 08:04

No,meglio se muniti di biglietto idiota biddino

Ritratto di oldpeterjazz

oldpeterjazz

Mer, 02/08/2017 - 08:08

Di imbecilli ne ho conosciuti tanti, ma come i komunisti mai!

occhiodifalco

Mer, 02/08/2017 - 08:09

Ma scherziamo o siamo seri se tutta questa pletora di saprofiti resta fuori dalle stazioni e quindi non può delinquere impunemente è un bene ma bisogna mettere dei manifesti perché certi elementi che insorgono indignati siano ricoperti di ridicolo

Ritratto di Pajasu75

Pajasu75

Mer, 02/08/2017 - 08:18

No consigliere! Non meglio bianchi e italiani, ma SOLO bianchi e Italiani (la "I" maiuscola non è un errore di battitura) se si vuole ridare dignità agli spazi pubblici di questo paese ormai allo sbando. La colpa? Vostra, di voi maledetti comunisti.

maurizio50

Mer, 02/08/2017 - 08:39

Bè un mentecatto come il citato Tommaso Grassi dovrebbe star fuori dalle stazioni ferroviarie, considerato che certo appartiene alla schiera di quelli che il biglietto non lo pagano mai!!!

giusto1910

Mer, 02/08/2017 - 08:49

Il signor Tommaso Grassi ha bisogno di una visita psichiatrica urgente. Solo una perversa e distorta immaginazione può elaborare commenti e prese di posizione di quel tipo. Il razzismo é nella mente del diavolo.

novate57

Mer, 02/08/2017 - 09:20

Che tommaso grassi vada a vedere in che schifo e degrado sono le stazioni ferroviarie da quando sono arrivati i presunti "migranti".....anzi che faccia viaggiare i suoi famigliari per treni e stazioni...