Mapei, la resina prodotta è usata per ciclabili, dissuasori e attraversamenti pedonali

AsphaltCoat Traffic HB 136, il prodotto utilizzato per il sito Expo di Milano-Rho, è un rivestimento bi-componente colorabile con specifici toner, a base di resine epossi-acriliche in dispersione acquosa e cariche selezionate, per rivestire pavimentazioni in asfalto nell'ambito di progetti di moderazione del traffico, piste ciclo-pedonali o aree ad arredo urbano. Suoi esempi tipici di applicazione sono gli interventi di moderazione del traffico, gli attraversamenti pedonali, le intersezioni stradali, le piste ciclabili, i percorsi pedonali e tutte le aree ad arredo urbano in asfalto o cemento. AsphaltCoat Traffic HB136 è un prodotto specifico in conglomerato bituminoso che viene applicato preferibilmente su superfici nuove ancora da trattare, ma anche su vecchie superfici usurate, previo impiego di appositi primer. Riveste le superfici proteggendo il sottofondo dal deterioramento e le rende antiscivolo, rispettando la sicurezza di chi ci transita. AsphaltCoat Traffic HB136 ha un'ottima resistenza all'abrasione, garantisce lunga durabilità alle superfici anche se soggette a traffico carrabile o pedonale e resiste a tutte le condizioni climatiche, all'aggressione dello smog e dei raggi solari, conferendo al supporto una protezione durevole nel tempo.Piazze, marciapiedi, parcheggi, isole pedonali: l'asfalto stampato offre la possibilità di riqualificare con estrema semplicità tali contesti: la stesa di 3 centimetri di asfalto nuovo consente di realizzare progetti urbani di riqualifica semplici, esteticamente adeguati al contesto, durevoli e nel contempo a costi contenuti. Tutto questo nel rispetto di parametri economici e funzionali ben precisi: velocità di applicazione, limitata chiusura al traffico, rapida riapertura della viabilità, basso impatto ambientale dei prodotti applicati, elevato contenuto cromatico, manutenzione semplificata anche nel corso degli anni. Con AsphaltCoat Traffic HB136 realizzato da Mapei per Imprexa la fantasia può davvero scendere in strada per rendere meno grigie e più sicure le nostre città.AleGia