Il marito cercò di ucciderla: "Per lui la semilibertà e io vivrò nella paura"

Parla l'ex moglie (viva per miracolo) di Andrea Loro, condannato a 13 anni di carcere con l'accusa di tentato omicidio e ora prossimo alla semilibertà

"Ero preparata. Sapevo che a metà della pena avrebbe potuto chiedere delle misure alternative. L'ansia però si rinnova: un giudice legge le carte e può pensare che quella persona sia cambiata". A parlare è Matilde Ardia, l'ex moglie di Andrea Loro, salva per miracolo.

Sei anni fa l'uomo ha cercato di ucciderla provando a strangolarla, simulando un incidente in auto e dando poi fuoco alla vettura. Condannato in Appello a 13 anni di carcere con l'accusa di tentato omicidio, ora l'uomo potrà godere della semilibertà. "Il condannato ha mantenuto una condotta regolare e ha partecipato a corsi e attività", ha scritto il tribunale di Sorveglianza di Venezia accordando la scarcerazione del 40enne.

"All'epoca nessuno avrebbe mai immaginato potesse arrivare a tanto, quindi io non avrò mai la garanzia che un domani non possa succedere di nuovo - ha affermato l'ex moglie al Corriere -. So di dover convivere con la paura, ma al momento è altro che mi fa male. I giudici hanno riproposto la storiellina secondo cui a far salire la rabbia del signor Loro vi sia stata la scoperta di una camicia non stirata e della divisa da calcetto non lavata. Si tratta di una tesi portata dalla difesa e smontata pezzo per pezzo durante i processi e si è ampiamente dimostrato che non c'è stato alcun raptus bensì una preordinazione. Sentirmi riproporre la storia della cattiva moglie mi fa cadere le braccia. Sapere che venga tirata in ballo ancora una volta mi offende profondamente".

"Non passa giorno in cui non ci pensi - ha concluso la donna -. Io avrò per sempre paura del signor Loro perché mi ha mostrato quello di cui è stato capace".

Commenti
Ritratto di Zagovian

Zagovian

Sab, 03/08/2019 - 16:31

Altro Caino,che alla prima occasione si "vendicherà"!Nel frattempo questa povera donna,a parte quanto già subito e sofferto(vita rovinata),continuerà a "vivere"(per modo di dire),nel terrore!Non credo assolutamente alla "redenzione" di soggetti del genere.Ancora uno volta Caino ha la meglio su Abele!

vince50

Sab, 03/08/2019 - 16:36

In questi casi ammesso che si abbia diritto alla semilibertà,bisognerebbe fargli capire a chiare lettere che se mai dovesse dare il minimo fastidio all'ex moglie si beccherà l'ergastolo e senza sconti.

Renee59

Sab, 03/08/2019 - 17:05

Certo, tutti in carcere hanno una condotta regolare, ma poi i una volta usciti..i In Italia non c’è la certezza della pena, ormai la Legge è dalla parte dei delinquenti.

Falcon20

Sab, 03/08/2019 - 17:11

13 anni + il taglio di entrambi gli avambracci.

Ritratto di Zagovian

Zagovian

Sab, 03/08/2019 - 17:42

@vince50 1&:36...certamente!E' lui che dovrebbe vivere "nel terrore" di fare un minimo "passo falso",che potrebbe riportarlo in galera per tutto il resto della sua vita(senza sconti)!Gli passerebbe la voglia di fare il "furbo"!

blackbird

Sab, 03/08/2019 - 18:18

Cosa ? Una camicia non stirata e una divisa da calcetto non lavate lo hanno irritato tando da cercare di uccidere la moglie? E queste sarebbero attenuanti? Semmai aggravanti! Non aveva due mani e due braccia per stirarsela lui la camicia e lavarsi una tuta da calcetto se ci teneva tanto! Questo va tenuto in carcere fino alla fine della pena e 13 anni sono troppo pochi per quello che ha fatto!

rodolfoc

Sab, 03/08/2019 - 18:26

Bisognerebbe fare una raccolta di denaro per ingaggiare un ex-MOSSAD. Fanno lavori puliti senza lasciare tracce.

Ritratto di navajo

navajo

Sab, 03/08/2019 - 18:30

Ma come i difensori si inventano la motivazione di un atto ignobile in una camicia non stirata e qualcosa di non lavato e il Giudice non li prende a pedate nel didietro da qui all'eternità?

Ritratto di pulicit

pulicit

Sab, 03/08/2019 - 18:50

rodolfoc:Condivido è la unica via.Regards

Ritratto di cicciomessere

cicciomessere

Sab, 03/08/2019 - 19:20

@rodolfoc Unica cosa di buon senso in questo paese che difende i delinquenti e non le vittime