Massacrò di botte la fidanzata, giudici riducono la pena di 4 anni

Fu condannato a 20 anni di reclusione per aver aggredito la fidanzata. Oggi, la corte d'Appello taglia di 4 anni la pena originale

Riduzione di pena per Maurizio Falcioni, l'uomo che massacrò di botte la fidanzata Chiara Insidioso Monda. Il Gup, in sede di rito abbrevviato, condannò l'uomo a 20 anni per tentato omicidio e maltrattamenti.

L'aggressione, avvenuta a Roma nel febbraio 2014, costò alla vittima un periodo molto lungo di coma, superato solo dopo qualche mese. La ragazza, ancora oggi, necessita di cure mediche dopo l'attacco subito del fidanzato. La corte d'Appello ha disposto un taglio alla pena originale: il condannato sconterà 4 anni in meno. In aula, al momento della lettura, non sono mancate le proteste. La madre della vittima si è scagliata contro i giudici e contro il loro giudizio, il padre, invece, ha accusato un malore e si è accasciato a terra. Le contestazioni sono preseguite all'esterno del Tribunale, al grido di "Vergogna, vergogna", portate avanti da amici e parenti della ragazza.

Commenti

autorotisserie@...

Mer, 04/11/2015 - 14:59

CHE MAGISTRATURA..........., FARE IL DELINQUENTE IN ITALIA PAGA SEMPRE PHUAAAAAAAAAAAA.

Tuthankamon

Mer, 04/11/2015 - 15:26

A CASA (questi magistrati)!

Ritratto di lucianoch

lucianoch

Mer, 04/11/2015 - 15:31

Ma cosa hanno in quella testa malata i giudici? Quale ragionamento fanno per liberare un individuo del genere 4 anni prima? A che scopo?

roberto.morici

Mer, 04/11/2015 - 15:33

Sconcertante. Pochi anni ed il delinquente sarà rimesso pure in libertà per "buona" condotta in carcere. La ragazza rimarrà, per sempre, indelebilnente segnata.

Un idealista

Mer, 04/11/2015 - 15:38

Le condizioni di vita di un paese mostrano quanto la giustizia agisca da deterrente. Perciò leggiamo i giornali e ascoltiamo i notiziari, così da farci un'idea di come operi la giustizia in Italia... Fatto? Bene! Adesso abbiamo la risposta.

Ritratto di Franco_I

Franco_I

Mer, 04/11/2015 - 15:44

Altro esempio LAMPANTE della inGIUSTIZIA in ITALIA. Questo Padre avrà PER SEMPRE una figlia allo stato quasi vegetativo che comunica con un solo dito. Quale articolo di LEGGE permette uno sconto di pena ad una BESTIA che ha causato LA MORTE FISICA di una persona? Quale articolo di LEGGE ridarà alla famiglia la vitalità di questa ragazza?? MA DOVE CAXXO STIAMO ANDANDO??? Ma chi CAXXO ci TUTELA??? VERGOGNA!!

Ritratto di gianniverde

gianniverde

Mer, 04/11/2015 - 15:45

Meritano una sola parola:VERGOGNA!!!!!

Libertà75

Mer, 04/11/2015 - 16:04

Credo che 16 anni sia una punizione più che consona, il problema semmai è il sistema premiante in carcere, sommato a quello degli indulti e sconti di pene. Costui rischia di scontare 5 anni e poi di essere libero di ripetere i suoi istinti

Happy1937

Mer, 04/11/2015 - 16:27

Evidente, l'Ingiustizia italiana é sempre dalla parte dei delinquenti.

giovanni951

Mer, 04/11/2015 - 16:37

sempre peggio la nostra magistratura...completamente senza vergogna.

Ritratto di hernando45

hernando45

Mer, 04/11/2015 - 16:38

E nessuno fa niente IN PARLAMENTO per cambiare queste leggi che permettono sconti,patteggiamenti,ecc. CIALTRONI!!!!

Ritratto di illuso

illuso

Mer, 04/11/2015 - 16:39

Pazzesco...

rossini

Mer, 04/11/2015 - 17:17

E' inutile il problema più grande dell'Italia è una Magistratura che pronuncia sentenza "In Nome del Popolo Italiano" ma che sempre più si rivela una Supercasta lontana dal Popolo, irresponsabile e autoreferenziale.

Fracassodavelletri

Mer, 04/11/2015 - 18:01

Giustizia di cacca. Vergogna!!!

vince50_19

Mer, 04/11/2015 - 18:03

Bisognerebbe leggere il dispositivo della sentenza per avere le idee più chiare. Tuttavia, così a naso, gliene avrei aggiunti quattro, non tolti. Quel che ha commesso è stato del tutto inumano. Per non parlare del fatto che qui in Italia regna "a pieno titolo" l'incertezza della pena: fra sconti e quant'altro in galera costui non trascorrerà tutto quel tempo. E' questo che è una vera e propria vergogna. Sono accanto al genitore: fatti forza amico mio, al peggio - questo lo sai - purtroppo non c'è limite!

Ritratto di giangol

giangol

Mer, 04/11/2015 - 18:12

giusto! che solo gli albanesi e rumeni devono avere sconti di pena??

Giorgio Mandozzi

Mer, 04/11/2015 - 18:15

E ci affanniamo ancora a parlare di giustizia? E i magistrati ci fanno anche "gli scazzati"? E' la conferma che lo stato protegge i delinquenti e condanna le vittime. Vale per i furti e le rapine, vale per gli assassini, vale per l'omicidio stradale in stato d'ebbrezza, vale per lo stupro, vale per la legittima difesa e vale, come in questo caso, per violenza fisica subita. Violenza che ha prodotto un irreversibile stato di "vegetale a vita" per la vittima, cui nessuno farà mai alcuno sconto!! VERGOGNA!!!

silvano45

Mer, 04/11/2015 - 18:19

le vittime e i cittadini onesti con questi magistrati che fanno solo politica e che aspirano solo a guadagnare più soldi e ad apparire sono bastonati due volte ...e sono l'unica categoria che non vogliono mai rispondere per i loro numerosi e grandissimi errori quindi il delinquente è più protetto delle vittime complimenti

VESPA50

Mer, 04/11/2015 - 18:26

Ma che giustizia di mxxxxxa c'è in Italia? quel poveretto che ha sparato ai ladri Rom è stato condannato a 4 anni e a risarcire i familiari. A questo delinquente che ha massacrato di botte la fidanzata, che difficilmente riuscirà a tornare come prima, il Giudice gli ha fatto uno sconto di 4 anni. Attenzione che la gente comincia ad averne le palle piene di queste sentenze...

aredo

Mer, 04/11/2015 - 18:56

Ecco un altro grande successo dei magistrati e giudici comunisti. Questa è la sinistra. Blaterano difesa della donna, difesa di questo e quello, diritti.. e poi ecco come difendono le vittime.

cerbiatta753

Mer, 04/11/2015 - 19:50

Ecco....tra magistrati silenziosi e coscienziosi....abbiamo anche individui,senza vergogna ed incommentabili.

Ritratto di Kommissar

Kommissar

Mer, 04/11/2015 - 20:06

Franco_I - Lei dice che siccome la povera ragazza e` in "stato quasi vegetativo", allora la "BESTIA che ha causato LA MORTE FISICA di una persona" non dovrebbe avere uno sconto di pena. Ma siccome invece (come puo` eventualmente leggere nell'articolo) la ragazza si e` fortunatamente ripresa, anche se necessita di cure mediche, dobbiamo forse concludere che la "BESTIA" merita lo sconto? Vede...1. Le condanne non misurano necessariamente la gravita` delle conseguenze fisiche, tranne ovviamente in caso di morte. 2. La giustizia non si amministra pensando al livello del dolore di una padre. 3. I giudici applicano la LEGGE, che non hanno scritto loro, ma i politici. Prendersela coi giudici e` infantile e da ignoranti. Dovreste prendervela con colui che per dieci anni ha cambiato le leggi che non facevano comodo a lui anziche' quelle che sfavoriscono i cittadini normali. Per finire le diro` che se io fossi il legislatore la “BESTIA” sarebbe condannato all'amputazione dei quattro arti.

Ritratto di pascariello

pascariello

Mer, 04/11/2015 - 20:54

Allucinante, mi auguro che i PM e la parte lesa ricorrano in cassazione, è ora di finirla con questi giudici di corte d' appello che quasi sempre, sbollito il clamore mediatico, scontano la pena ad efferati delinquenti come questo. Ciò che ha causato alla ragazza è peggio della morte, un simile spregevole individuo andrebbe impiccato SULLA PUBBLICA PIAZZA con contorno si sputi ed insulti del popolo come usava un tempo!

Ritratto di Runasimi

Runasimi

Gio, 05/11/2015 - 00:37

Ha ridotto la sua ragazza a un vegetale stroncandogli il diritto ad una esistenza normale. A causa di questo individuo la ragazza ha subìto menomazioni permanenti. NON SI CAPISCONO QUALI CRITERI ABBIANO INDOTTO PER L'ENNESIMA VOLTA DEI GIUDICI A EMETTERE UNA SENTENZA INFAME A FAVORE DEL CRIMINALE. C'è una generazione di giudici che sta trasformando i codici a carta straccia. QUESTO È L'EFFETTO NEGATIVO DELL'INDIPENDENZA DELLA MAGISTRATURA TRASFORMATA IN ARBITRIO CONTRARIO ALLE ISTITUZIONI DEL PAESE.

paolonardi

Gio, 05/11/2015 - 04:31

Che giustizia e' questa? Si sta per approvare una pena di 18 anni per quell'obbronrio giuridico che e' l'omicidio stradale ovvero un'omicidio colposo e si condanna a 16 anni un reo di omicidio volontario aggravato da particolare crudelta'.

kug

Gio, 05/11/2015 - 11:34

Think positive, guardiamo il bicchiere mezzo pieno, all' uscita potrebbe sempre trovare qualcuno che lo riempie per bene