Massimo Bossetti e le lettere hot: "Vendetta contro la moglie"

Parla Gina, la detenuta a cui scrive Bossetti. Secondo la donna, le missive fanno parte di un piano di vendetta contro la moglie, Marita Comi

Dopo le lettere hot spedite da Massimo Bossetti ad una detenuta, emergono nuovi retroscena sulla vicenda. A parlare questa volta è proprio lei, Gina, la donna che ha ricevuto le missive da parte di Bossetti. E lo fa in un'intervista al settimanale Giallo. La donna sostiene che quelle lettere siano state scritte da Bossetti per vendicarsi sulla moglie dopo aver scoperto alcuni presunti tradimenti. "Parla Gina, la detenuta a cui scrive Bossetti. Secondo la donna, le missive fanno parte di un piano di vendetta contro la moglie, Marita Comi”, spiega su Giallo la detenuta.

Ecco chi è "Gina", la detenuta a cui scrive Massimo Bossetti

Ma chi è la "signora Gina"? Ha un passato da truffatrice. una delle sue prime vittime fu un direttore di banca che cerdendola veterinaria le affidò per delle cure il suo cane. La donna non sapendo cosa fare somministrò al cane un'aspirina. L'animale cominciò a stare meglio e così la donna riuscì a conquistarsi la fiducia del direttore da cui ottenne diverse cifre di denaro. Poi comincia la sua carriera da "ladra". Furtin in serie: in una pescheria ha rubato due astici e poi li ha infilati negli slip. Infine negli ultimi anni ha truffato sul web alcuni acquirenti di auto di lusso che le giravano somme di denaro perdendo ovviamente la cifra investita. Finirà di scontare la sua pena nel 2020.

Commenti

Raoul Pontalti

Ven, 03/06/2016 - 21:01

La degna comare del muratore e infatti a truffato pure lui...

Audit

Ven, 03/06/2016 - 22:59

"Ma chi è la "signora Gina"? Ha un passato da truffatrice" beh proprio una persona cristallina e di cui fidarsi completamente. Se questo è riuscita a truffare un direttore di banca, uno che in genere è abituato a truffare gli altri, che ne sappiamo noi se questa non è una truffa a un povero muratore che ha invece come mandante la procura.