Mattarella consegna l'onorificenza a Giangrande

Il Capo dello Stato ha conferito l’onorificenza di Cavaliere di Gran Croce a Giuseppe Giangrande, il maresciallo dei carabinieri ferito davanti a Palazzo Chigi nel 2013

Il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha consegnato l’onorificenza di Cavaliere di Gran Croce dell’Ordine "al Merito della Repubblica Italiana" al maresciallo dei carabinieri Giuseppe Giangrande, rimasto ferito nella sparatoria davanti a Palazzo Chigi, avvenuta il 28 aprile 2013. La figlia del maresciallo, Martina Giangrande, era presente alla cerimonia di Palazzo Vecchio, a Firenze, che si è tenuta subito dopo la cerimonia per i 150 anni dall’insediamento della Camera dei deputati. Ad accogliere Mattarella a Firenze, il presidente della Regione Toscana, Enrico Rossi, il sindaco di Firenze, Dario Nardella, il prefetto, Alessio Giuffrida, e altre istituzioni religiose e militari. In prima fila anche il ministro delle Riforme, Maria Elena Boschi.

"Grazie di tutto. Sono contento io di incontrare lei. Voglio ringraziarla e dirle che tutti gli italiani l’abbracciano", ha detto Mattarella durante la cerimonia. Giangrande ha risposto così: "Sono contento per l’incontro di oggi, contento di incontrare una personalità come lei, che è davvero un ottimo presidente". Giangrande ha voluto poi mettere una nota di colore, sottolineando la natura di incontro "tra conterranei, anche perché siamo a pochi chilometri, io sono a Monreale". "Conterranei assai prossimi, grazie di averlo ricordato", è stata la replica di Mattarella, originario di Palermo.

Presente naturalmente anche la figlia del sottufficiale, Martina: "È un grande piacere conoscerla", ha detto rivolgendosi al Presidente. "È un piacere per me, so che per suo padre è un grande sostegno", la replica del Capo dello Stato. "Da allora - ha ricordato il comandante generale dell’Arma, Tullio Del Sette - è sempre al suo fianco, sempre, sempre. Sono il suo bastone, speriamo di continuare", ha concluso Martina Giangrande.

Commenti
Ritratto di moshe

moshe

Mer, 18/11/2015 - 13:21

Ignorante, Giuseppe Giangrande avrebbe sicuramente gradito di più sapere che il suo massacratore fosse stato impiccato! Buonismo di m...a!!!!!

Ritratto di Gios'',,40.

Gios'',,40.

Mer, 18/11/2015 - 14:39

Io direi a questo Mattarella di dare un riconoscimento anche agli Italiani che combattono con i criminali corpo a corpo, nei furti d'appartamento, '' per esempio''sono sempre criminali non vedo nessuna differenza, a parte che non hanno nessuna divisa, é stanno difendento la propria famiglia. Saluti.

linoalo1

Mer, 18/11/2015 - 16:21

Ecco un altro Gravoso compito del Presidente della Repubblica Italiana,oltre a tagliare nastri ed a portare Corone d'Alloro!!!A cosa serva,proprio non si capisce!!!Però è un Costo Fisso non indifferente!!!E chi paga???? Sempre Pantalone,ovviamente!!!!

Ritratto di gianniverde

gianniverde

Mer, 18/11/2015 - 16:36

Noi non ci piegheremo......difenderemo la qualità della nostra civiltà...................Mi piacerebbe sapere come: mantenendo i clandestini,togliendo il crocifisso,abolendo il Natale,oscurando il presepe??????????????????????Con cosa difenderemo la nostra civiltà??? Colle parole?? Non credo che bastino!!!!!!!!!!!!

Ritratto di marco piccardi

marco piccardi

Mer, 18/11/2015 - 17:03

troppo facile lavarsi la coscienza in questo modo.

Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Mer, 18/11/2015 - 17:32

mattarella è un vigliacco! non osa punire i magistrati riottosi o quelli che vanno fuori strada... :-) per esempio quelli che attaccano berlusconi e invece salvano la sinistra!

Ritratto di BenFrank

BenFrank

Mer, 18/11/2015 - 19:22

Probabilmente l'allora appuntato CC Giangrande prestava servizio senza giubbotto antiproiettili, come si vede spesso in foto e filmati. In Italia gli agenti delle forze dell'ordine sono costretti a pagarsi il vestiario e, talvolta a far rifornimento a spese loro per l'auto di sevizio (quando funziona). In Germania nessun poliziotto può uscire in servizio senza indossare il giubbotto protettivo, anche in estate! Il parco-auto viene rinnovato a intervalli regolari e le polizie (stato federale) hanno proprie officine auto. Confrontate nei filmati o nelle foto la differenza di equipaggiamento tra Polizisten e Carabinieri, così come la differenza tra i governi tedeschi e quelli italiani... Lassamo pèrde, va!