Matteo Renzi al Global Citizen Festival: Bill Gates lo presenta ma lui non c'è

Renzi è stato ringranziato da Bill Gates sul palco del Global Citizen Festival, ma è giallo sul rifiuto del premier

Matteo Renzi è stato ringranziato da Bill Gates sul palco del Global Citizen Festival, il mega concerto-evento organizzato al Central Park in concomitanza con l’assemblea generale dell’Onu per attirare l’attenzione sugli Obiettivi di sviluppo del millennio. Per il presidente del consiglio italiano, presentato da Gates come "nuova generazione di leader mondiale" è stato il primo appuntamento a New York. Il premier è rimasto nel backstage dove si è soffermato con Bill e Melinda Gates e con altri interlocutori di spicco come il patron della Virgin, Richard Branson. "Trasformiamo gli obiettivi globali in una realtà globale", ha esortato il segretario generale delle Nazioni Unite Ban Ki-moon durante l’evento al Central Park. Ma la sosta di Renzi nel backstage non sarebbe stata gradita dallo stesso Gates.

Tanto che Bill Gates, uno degli ospiti della serata con la moglie Melinda, alla fine del suo intervento lo ha anche introdotto: "E ora - ha concluso il filantropo e fondatore di Microsoft - ho il piacere di presentarvi uno dei global leader della nuova generazione, il premier italiano Matteo Renzi". Ma sul palco Renzi non è salito mettendo in imbarazzo gli organizzatori. Qualche secondo a luci spente, poi parte un video seguito da uno stacco musicale e si passa a un altro ospite. È giallo sui motivi del rifiuto. Lo staff del premier prova a minimizzare: "È arrivato, ma è rimasto nel “backstage”, ha conversato con Bill Gates e altri ospiti. Quella dell’imprenditore è stata solo una citazione, nessun giallo". Non sarà un giallo, ma l’apparizione di Renzi al concerto era chiaramente indicata nel programma. Oltre ai Gates e a Branson, sul palco si sono alternati durante la serata tanti altri personaggi del calibro del vicepresidente americano Joe Biden, della rockstar Bono Vox e della first lady americana Michele Obama.

Commenti

cgf

Dom, 27/09/2015 - 16:33

Non aveva ripassato le lezioni d'inglese e... aveva paura dei fischi.

cgf

Dom, 27/09/2015 - 16:37

dubito che non abbia capito che fosse il suo turno, sarebbe la dimostrazione che è tutto sc***, a parte che sicuramente non era solo e qualcuno sicuramente gli ha fatto notare che era il 'suo' momento. Come minimo deve restituire l'equivalente di quanto è costato questo viaggio.

swiller

Lun, 28/09/2015 - 06:24

Classico ixxxxxxxe.