McDonald's non sarà più lo sponsor delle Olimpiadi

Dopo oltre 40 anni McDonald's interrompe la partnership commerciale che aveva con il Cio e non sarà più alle Olimpiadi

McDonald's ha interrotto anticipatamente la partnership commerciale che aveva con il Comitato olimpico internazionale (Cio) da 41 anni. Tradotto: niente pubblicità alle prossime Olimpiadi.

"Come parte del nostro piano di crescita globale, stiamo riconsiderando tutti gli aspetti della nostra attività e abbiamo deciso, in collaborazione con il Cio, di concentrarci su priorità diverse", ha dichiarato Silvia Lagnado, responsabile del marketing globale di McDonald's, colosso del fast food che sta abbandonando la sua sponsorizzazione di 40 anni del Comitato Olimpico Usa.

La multimazionale aveva un contratto in essere per le Olimpiadi di Tokyo 2020 ma era diventata uno sponsor olimpico nel 1976 e ha contribuito con oltre di 1 miliardo di dollari in ogni ciclo di quattro anni dei Giochi. McDonald's è diventato un partner di primo livello nel 1996 ed è stato partner di tutte le Olimpiadi dal 1998.. Ad eccezione di McDonald's, tutti gli accordi di partnership di alto livello arrivano al 2020 o vano anche oltre, come con Bridgestone, Panasonic e Toyota che hanno stipulato accordi fino al 2024, con Alibaba fino al 2028 e Omega fino al 2032, secondo il Cio.