Il principe Filippo chiede scusa: "Dispiaciuto per l'incidente"

Dopo le polemiche sollevate dalla vittima dell'incidente stradale da lui provocato ("Non mi ha neppure chiamato per chiedere come stessi"), il marito della regina Elisabetta ha diffuso una lettera in cui si è dichiarato "profondamente dispiaciuto"

"Sono profondamente dispiaciuto" per quanto è successo. È il messaggio di scuse che il Principe Filippo ha mandato in una lettera privata a Emma Fairweather, la donna ferita 10 giorni fa nell'incidente stradale provocato dal marito della regina Elisabetta. Lo riporta il Sunday Mirror. "Vorrei che tu sapessi quanto mi dispiace per il mio ruolo nell'incidente. Nell'attraversare l'incrocio, il sole era basso e mi ha abbagliato. In condizioni normali non avrei avuto difficoltà a vedere il traffico proveniente da quella direzione. È chiaro che non ho visto arrivare l'auto, e sono molto mortificato dalle conseguenze", si legge nella lettera scritta con una penna in inchiostro blu e spedita alla passeggera della Kia che si era scontrata con la Land Rover di Filippo vicino alla Royal Estate di Sandringham.

Il duca di Edimburgo, 97 anni, era uscito illeso dall'incidente nonostante non avesse allacciato la cintura di sicurezza. Non era andata altrettanto bene alle due persone sulla Kia. Secondo i media britannici l'autista aveva dei tagli al ginocchio, mentre la passeggera si era rotta un polso. Qualche giorno dopo, la vicenda era tornata a occupare le prime pagine dei tabloid britannici, specie il Sunday Mirror, dopo che la vittima dell'incidente aveva raccontato di non avere ricevuto una telefonata di scuse dal marito della regina.

"Sono rimasto un po' scosso dall'incidente, ma sono stato molto sollevato dal fatto che nessuno di voi sia rimasto gravemente ferito", ha scritto Filippo nella sua lettera di scuse. "Ho saputo che hai avuto un braccio rotto, sono profondamente dispiaciuto per questo infortunio". Meglio tardi che mai, si potrebbe dire. Il duca di Edimburgo era uscito completamente illeso dal sinistro. Un miracolo, visto che l'arzillo 97enne non indossava le cinture di sicurezza. Una mancanza spiegata da un ex addetto alla sicurezza della famiglia reale con il fatto che i suoi membri devono essere liberi di scappare in caso di pericolo.

Commenti
Ritratto di Aulin

Aulin

Dom, 27/01/2019 - 12:56

Non vorrei sembrare gerontofobico, ma in un paese civile a un 97enne bisognerebbe togliere la patente.

titina

Dom, 27/01/2019 - 17:11

x Aulin. A 80 anni al massimo, direi ( è anche troppo) dopo un'accurata visita.

seccatissimo

Dom, 27/01/2019 - 20:03

x Aulin Dom, 27/01/2019 - 12:56 Vai ad informarti quanti, in %, dei 97enni che guidano hanno fatto incidenti a questa età e quanti, in %, dei 18-20enni che guidano hanno già fatto incidenti !

sparviero51

Dom, 27/01/2019 - 20:06

SE I TEMPI PER LE SCUSE SONO COME I SUOI RIFLESSI ,POVERI SUDDITI !!!