Mentana punge Conte "In uno Stato di diritto prima si fanno indagini"

Enrico Mentana mette le cose in chiaro: nessuna revoca delle concessioni prima di un'inchiesta della magistratura che accerti le responsabilità

Enrico Mentana mette le cose in chiaro: nessuna revoca delle concessioni prima di un'inchiesta della magistratura che accerti le responsabilità. È questa in sintesi la tesi del direttore di TgLa7 che in un post su Facebook mette in guardia il governo da scelte affrettate e dettate dalla rabbia dopo quanto accaduto a Genova. Il premier Conte infatti ha comunicato nel corso del Consiglio dei Ministri che si è tenuto a Genova che il governo ha avviato l'iter per revocare la concessione ad Autostrade per l'Italia. Mentana però commenta: "In uno stato di diritto di fronte a una sciagura si accertano le cause, si verificano le responsabilità civili e penali, si agisce in giustizia e poi si prendono le decisioni conseguenti. Il premier Conte è uomo di legge, spero che riaffermi la grammatica della democrazia".

Di fatto secondo il direttore di Tg La7 reputa "sommaria" la "giustizia" fatta dal governo senza il pronunciamento dei magistrati. Conte proprio su questo punto ha sottolineato che l'esecutivo non può attendere i tempi della Giustizia e così è stata portata avanti la linea della revoca della concessione. Intanto Autostrade ha fatto sapere di "aver agito sempre correttamente" e di voler "ricostruire il ponte in cinque mesi". Il braccio di ferro tra l'esecutivo e la concessionaria è solo all'inizio...

Commenti
Ritratto di Zagovian

Zagovian

Gio, 16/08/2018 - 10:08

No mio caro!In uno "stato di diritto",il "diritto" della stragrande maggioranza,deve valere di più del "diritto" di una minoranza!

buppert

Gio, 16/08/2018 - 10:11

mitraglietta c'e' un piccolo pparticolare che ti sfugge. Il ponte e' crollato da solo senza un evento shock. Non doveva succedere e basta.

carpa1

Gio, 16/08/2018 - 10:21

Mentana punge Conte "In uno Stato di diritto prima si fanno indagini". Hai cannato per l'ennesima volta: IN UNO STATO DI DIRITTO, INDAGINI E PROCESSI NON SI TIRANO ALL'INFINITO.

Ritratto di pinox

pinox

Gio, 16/08/2018 - 10:27

quale diritto????....il diritto di sbattendosene le palle della gente che muore perchè tu sei attento solo a fare soldi a palate???.....e tra l'altro senza pagare una lira di tasse allo stato italiano e con un contratto che garantisce utili miliardari certi in qualsiasi caso!!!.....robe da pazzi, la storia di questa concessione è incredibile, nessun paese al mondo è mai stato governato da dementi pari ai nostri.

Ritratto di Tutankhamon

Tutankhamon

Gio, 16/08/2018 - 10:31

Mentana ha torto. In tutti gli stati di diritto, nelle more delle indagini e del successivo eventuale giudizio, esistono le c.d. "misure cautelari". Esempi: l'arresto (in carcere o domiciliare o su cauzione), il ritiro della patente, la sospensione di una licenza, il sequestro di un immobile, ecc. tutte misure che possono essere prese quando gli indizi sono sufficientemente gravi e "lampanti" per giustificarne l'applicazione. Poi, in caso di condanna o assoluzione, verranno o meno convalidate. La revoca della concessione (che non è poi così facile da attuare, sia come procedura che come tempistica) può essere considerata tale.

frapito

Gio, 16/08/2018 - 10:34

In uno stato di diritto prima viene il diritto delle 40 VITTIME. Alternativa alla revoca esiste la sospensione temporanea, almeno così si potrebbe evitare un'altra tragedia, perché ci sono dubbi consistenti di pericolo di ulteriori crolli. Poi la magistratura può stabilire le responsabilità individuali. Mentana faccia il direttore di telegiornale e non il "sapientone" di diritto.

VittorioMar

Gio, 16/08/2018 - 10:38

..in questo caso PRIMA SI DANNO LE DIMISSIONI E POI I CORSI LEGALI....PERCHE' DIFENDE I BENRETTON ??...CHE RAZZA DI INTERESSI HA COSTUI ??...E' DIVENTATO ANCHE GIURISTA "ONORIS CAUSA" ??...UN MOMENTO DI SILENZIO SAREBBE PIU' CHE GRADITO....ma se non si capisce questo....!!

corbin

Gio, 16/08/2018 - 10:38

QUALE STATO DI DIRITTO????????? SI FACCIA ELEGGERE SE VUOLE DECIDERE LUI!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

jaguar

Gio, 16/08/2018 - 10:48

Con gli avvocati che si possono permettere i Benetton, la magistratura impiegherebbe anni per accertare le responsabilità e il tutto finirebbe con un nulla di fatto. Non dimentichiamo che siamo in Italia e si stanno cercando i colpevoli di fatti accaduti 40 anni fa.

Epietro

Gio, 16/08/2018 - 10:48

Cosa si dovrebbe accertare: che il ponte è stato abbattuto dalla pioggia e dal fulmine? O che sono stati spesi "malamente" dieci miliardi sui circa cinquanta incassati dall'autostrada? Troppo comodo farsi belli con le penne dei fessi che pagano in continuazione!

Gianni11

Gio, 16/08/2018 - 10:58

Certo che li difende; si rassomigliano, come tutta la loro tribu'. Mentana e' un sinistroide anti-italiano come tutti loro pero' cerca di camuffarsi. Ma ultimamanete i veri "colori" si vedono.

Ritratto di lange

lange

Gio, 16/08/2018 - 10:58

mi rammarico amaramente per tutti quelli giornalisti che avranno l´ardire di fare i burrocrati di fronte alla nuda evidenza. Per quanto la giustizia deve procedere, di pari passo però il governo di fronte ad una tragedia umana e nazionale. Ergo, i giornalisti facciano il lavoro di indagine piuttosto di mettere paletti di questo genere.

Ritratto di dr.Strange

dr.Strange

Gio, 16/08/2018 - 10:59

giornalisti e "gente che conta" tutti a difendere i Benetton. fate ridere

Franz Canadese

Gio, 16/08/2018 - 11:10

Concordo con Mentana, in linea di principio. Basta proclami sguaiati e giustizialisti che confondono le acque e infiammano gli animi. Io non difendo nessuno, solo pretendo di avere un governo serio e responsabile. E' chiedere troppo? Se e' cosi', se ne vadano a casa.

Ritratto di Jeronimo

Jeronimo

Gio, 16/08/2018 - 11:23

è pur vero... prima di condannare si fan indagini e poi processi, ma il problema sta nella lentezza e nella lungaggine dei processi, dal primo all'ultimo grado di giudizio posson passar decenni e decenni... i colpevoli poi non son solo da ricercarsi in Atlantia ma anche nei vari Ministri e Ministeri competenti da quello dei Trasporti a quello dei Lavori pubblici, agli Enti Locali come Regione Comune e Provincia insomma centinaia e centinaia di possibili chiamati in causa... non ci sarà mai un colpevole, mettiamoci l'anima in pace...

tonipier

Gio, 16/08/2018 - 11:24

" GLI ACCATTONI SONO SEMPRE DAL LATO OPPOSTO...LE ISTITUZIONE A COSA SERVONO? COSA FANNO?.. PARLA DI DIRITTO... PRENDENDOCI PUR SAPENDO, CHE IL DIRITTO IN ITALIA.. VE LO SIETE DA SEMPRE SPOLPATO..... LE RAMMENTO, DI QUESTO PONTE, SI PARLA DA ANNI... EGREGIO DIFENSORE DEI POTENTI? SI DIA ALLA MACCHIA.

Albius50

Gio, 16/08/2018 - 11:31

Lo STATO DI DIRITTO in ITALIA è solo a senso unico caro MENTANA tu sei smemorato ma mi risulta che daL 1992 gli unici che sono usciti con le ossa rotte erano a DESTRA e il PD compreso la sua tessera N.1 è sempre passato INDENNE.

Ritratto di albarca1945

albarca1945

Gio, 16/08/2018 - 11:33

In uno stato di diritto, un processo di tal fatta si chiude in pochi mesi, non in un decennio, se va bene. Quindi , stavolta un " avanti tutta " al Governo.

Riflettiamo

Gio, 16/08/2018 - 12:04

Caro Mentana forse ti sfugge la lentezza della nostra magistratura... un esempio :Ustica, Bologna,Piazza della Loggia etc etc. In Italia ci vuole qualcuno che decida e che lo faccia in fretta.... riflettendo è ovvio, ma che prenda decisioni.

Ritratto di nando49

nando49

Gio, 16/08/2018 - 12:07

In uno "Stato " normale prima si fanno le indagini e poi si prendono i provvedimenti. Ma il nostro è uno Stato normale? Credo proprio di NO!

i-taglianibravagente

Gio, 16/08/2018 - 12:24

lasciali stare i magistrati...soprattutto i militanti rossi e i massoni (spesso le 2 categorie coincidono). Questi sono il paravento dei delinquenti potenti.

colomparo

Gio, 16/08/2018 - 12:42

Mentana si dimentica una cosa....non siamo in uno Stato di diritto "normale", con una giustizia fra le più lente del mondo ! Cosi c'è il rischio reale che i cosiddetti accertamenti si trascinino per anni, bloccando tutto e permettendo ai responsabili di farla franca. Questo è il Governo del cambiamento, bisogna rompere una volta per tutte con meccanisni e procedure arcaiche...deve prevalere la sostanza sulla forma !!

Ritratto di Anna 17

Anna 17

Gio, 16/08/2018 - 12:44

Pure questo è rincoglionito. Lo si sospettava da parecchio, le conferme sono sempre nauseanti in ogni caso. Questo bel tomo vuole prima un'indagine, lui ha parecchie nebbie mentali. Un viadotto caduto per incuria, incapacità o peggio ancora per avarizia, 40 morti non gli bastano a capire, vuole un'indagine. Pesante arrivare ad autoinsultarsi per fare il lacchè dei Benetton. Servile e balordo si faccia fare un chek-up al cervello che è urgente.

MOSTARDELLIS

Gio, 16/08/2018 - 12:51

Caro Mentana, ormai stai invecchiando, non ti riconosco più. Guarda che ci sono stati 40 morti. I responsabili di Autostrade dovrebbero essere già in galera e tu sai benissimo come agisce la magistratura in Italia. Fra 20 anni forse si saprà qualcosa.

map49

Gio, 16/08/2018 - 13:15

perchè non umilia i suoi amici sinistri che comandavano sia Genova la regione e il governo toccava a loro intervenire ma non mossero un dito leggete""dovrebbero essere denunciati tutti i ministri delle infrastrutture del passato sopratutto Delrio se corrisponde a verità"" È questo quanto affermò, durante un'interrogazione(per ben 2 volte) in Senato, l'ex parlamentare Maurizio Rossi di Scelta Civica. Il senatore aveva in quella occasione, siamo a ottobre del 2015, avvertito il ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Graziano Delrio, sul rischio del cedimento del ponte""lo stesso avvertimento lo fece nel 2016, leggere articolo di Franco Bechis su libero vi renderete conto della verità sottolineare che all'epoca i grillini neanche esistevano il lupo perde il pelo ma non il vizio.

fisis

Gio, 16/08/2018 - 13:16

Questo giustizialismo non mi piace. D'ora in poi chiunque sarebbe giustificato a farsi giustizia da sè perchè i tempi della giustizia sono lunghi o perchè il colpevole è "lampante".

Una-mattina-mi-...

Gio, 16/08/2018 - 13:19

DA QUANDO IN QUA L'ITALIA E' UNO STATO DI DIRITTO? FORSE QUANDO COMODA AGLI AMICI DEGLI AMICI?

giusto1910

Gio, 16/08/2018 - 13:32

In uno Stato di Diritto non devono esistere magistrati politicizzati e correnti politiche all'interno della Magistratura.

Tip74Tap

Gio, 16/08/2018 - 13:33

Esattamente lo stesso stato di diritto che manda ai domiciliari i delinquenti presso le case che avevano occupato non permettendo ai proprietari di mandarli via? Quello Stato di diritto che fa andare in prescrizione un sacco di processi anche per reati GRAVISSIMI?..... Ma di cosa stiamo parlandoooo!!!! In Italia il Diritto è morto e sepolto, ora abbiamo solo l'anarchia dei Magistrati.

Luiss

Gio, 16/08/2018 - 13:45

Caro Mentana chi teneva in custodia l'autostrada? Non mi pare si tratti di un crollo dovuto a cause fortuite. Al contrario si conosceva la pericolosità del ponte e gli interventi di manutenzione fatti negli anni si sono rivelati inefficaci e di conseguenza inappropriati. Certamente l'ultima parola spetta alla nostra magistratura, che come il più delle volte accade, fra 50 anni forse ne verrà a capo. Nel frattempo però la responsabilità resta a carico di chi aveva in custodia l'autostrada, che deve dimostrare che gli interventi di manutenzione fatti nel corso degli anni ne garantissero la sicurezza

ludovik

Gio, 16/08/2018 - 13:59

nn mi sembra voglia difendere benetton Mentan piuttosta affermare un ovvio principio che il nostro premier conte dovrebbe ricordare essendo un giurista, evidentemente non è tanto ovvio per qsti cialtroni...sono degli incoscienti a fare delle dichiarazioni del genere senza accertare copiutamente gli effetti delle stesse, non sono più ad un bar ma sono le istituzioni. un conto è essere il popolo bue un conto è essere lo stato. chi vigilava su autostrade??

Nick2

Gio, 16/08/2018 - 14:01

Le scelte del governo non sono dettate dalla rabbia, come sostiene Mentana, ma dalla propaganda continua di Di Maio e Salvini. Pensate che il progetto della Gronda, approvato da pochi mesi dopo decenni di ostruzionismo (soprattutto del M5S), è stato bloccato da Toninelli e, se il ponte non fosse crollato, non si sarebbe mai fatto. Già nel 2009 la società Autostrade aveva presentato un progetto per la demolizione del ponte Morandi. A quanto pare, tutti i controlli di legge sono stati eseguiti da tecnici competenti a spese di Autostrade e sotto la supervisione del Ministero dei Trasporti. Sì aprirà una causa che costerà decine di miliardi alla collettività, solo perché il governo del cambiamento ha capito che, per mantenere i consensi è necessario gettare giornalmente, nel trogolo dei beceri ammiratori, un nemico da combattere o un colpevole da insultare...

mariod6

Gio, 16/08/2018 - 14:12

In uno stato di diritto, il ministro delle infrastrutture (tale Del Rio) che ha ignorato le richieste di verifica del ponte per due anni, dovrebbe essere già in galera assieme al segretario del suo partito, entrambi troppo impegnati a far soldi con i migranti. In sua buona compagnia ci dovrebbe essere Grillo ed i "No Gronda" perfino candidati a sindaco di Genova.

Ritratto di niran 46

niran 46

Gio, 16/08/2018 - 14:14

L'architetto Morandi aveva garantito il ponte per un perodo massimo di 25 anni entro i quali doveva essere SOSTITUITO da uno nuovo. Doveva essere costruita "la gronda" (per alleviarne lo stress) cosa neppure iniziata, tutti gli allarmi lanciati dai vari tecnici sullo criticità dello stato del ponte sono caduti nel vuoto. Chi decide sull'utilizzo o meno di una struttura pericolante? Autostrade o lo Stato? La manutenzione buona o cattiva che sia non può influire sul " collasso " del cemento armato. Se abbiamo una Giustizia lenta non possiamo scaglirci sul bersaglio più facile. Le vittime reclamano "GIUSTIZIA" non giustizialismo.

Ritratto di mariosirio

mariosirio

Gio, 16/08/2018 - 14:39

Tutte le persone dotate di senno sanno che si devono fare le indagini. Ma ci siamo rotti delle magistrature e del fatto che i ricconi comprendono mai. Li vogliamo appesi al ponte più pericolante per più tempo possibile.

zadina

Gio, 16/08/2018 - 14:48

Mentana ha perfettamente ragione prima si fanno i processi dopo alle condanne anche chi governa ha gli stessi obblighi di rispettare le leggi a maggior ragione, se le deve rispettare qualunque cittadino, gli attuali governanti anno cominciato ad urlare troppo presto sotto la rabbia e il risentimento politico può essere anche comprensivo ma loro governano e dovrebbero essere più cauti con gli annunci, anno fatto crollare questa mattina in borsa la ditta Atlantia di un terzo del suo valore, non anno danneggiato solo Beneton ma tutti gli investitori Italiani ed esteri quindi anno impoverito migliaia di persone le parole dei governanti anno un grane effetto sugli investitori.

Perlina

Gio, 16/08/2018 - 17:08

Signor tuttologo, è la mia impressione o sei sempre il primo a difendere l'indifendibile quando "l'indifendibile" è un super personaggio, ovviamente di sinistra?

Ritratto di Professor...Malafede

Professor...Malafede

Gio, 16/08/2018 - 17:57

Sì, ma a prescindere dalle indagini ne abbiamo tutti le tasche piene di dare soldi ai Benetton e ai Gavio da qui al 2040! In Svizzera con 38 euro circoli nelle autostrade per un anno, da noi ci fai a malapena Milano-Roma. Basta con questa esosità! Le autostrade vanno nazionalizzate, le tariffe vanno riportate a livello europeo a tutto vantaggio delle nostre aziende e dei cittadini! Chiaro il concetto Mentana?

Ritratto di Atomix49

Atomix49

Gio, 16/08/2018 - 18:00

Secondo me bisogna andare a vedere bene il contratto di gestione. Voglio dire che qualsiasi contratto di quel tipo contiene la sicurezza e la manutenzione, ma la manutenzione fino a che livello? Il gestore deve rifare il ponte o deve osservare un protocollo che va da qui a qui? Questo deve essere stabilito e lo faranno i periti. ma sopra ho letto qualcuno che parla di maggioranze e minoranze, qualcun altro sa già tutto lui avendo interrogato le viscere di animali, altri sanno la verità in quanto glielo ha detto EGLI in sogno.... meno male che questi non contano una cippa. Purtroppo però tra questi pensieri contiamo anche felpini, Er bibitaro partenopeo e ricciolibelli detto Toninelli. Dio ci scampi e liberi.

Ritratto di Maximilien1791

Maximilien1791

Gio, 16/08/2018 - 18:04

Mentana e la 7 schirati con l'amico del capo Cairo. Non servono indagini per comprendere che la Società Autostrade non ha fatto il suo lavoro di custode del manufatto di proprietà dello stato italiano. Non c'è stato un terremoto o un 747 che si è schiantato sulla struttura. La struttura è collassata perché malgrado i controlli standard quella struttura praticamente unica al mondo come tipologia richiedeva controlli più accurati e costosi. Questa si chiama colpa grave per incuria. Ha ragione Conte e torto Mentana. Certe cose sono evidenti senza bisogno di una sentenza della magistratura.

Bocca della Verità

Gio, 16/08/2018 - 18:43

Non faccia lo "gnorri"! La sua stomachevole petulanza lo accomuna a quelli che tenta maldestramente di perorare. Condividono le stesse due bandiere: quella con la stella a sei punte e quella con la falce e martello. Quest'ultima con sfondo "rosso solidale"... Al circo degli orrori manca soltanto l'aggiunta di King-Kong-Kyenge. Oltre alla proglottide quirinalizia ed all'ex responsabile del malaffare "Autostrade" G. Del(i)rio. Che schifezze. Puáh!

Ritratto di Contenextus

Contenextus

Gio, 16/08/2018 - 18:44

Occorre leggere il contratto integralmente, anche nelle parti finora secretate. Ma a lume di logica Mentana ha ragione. Da subito io farei sborsare dei bei soldi e accoglierei l'impegno del concessionario a costruire in un anno un sostituto maggiorato di quanto crollato.

mistermodus

Gio, 16/08/2018 - 19:02

La cosa che non comprende Mentina è che gli italiani sono ormai sul punto di scoppiare e sono stanchi di belle e anche giuste parole (ma solo parole) che ci propinano da settant'anni per sopirci, andare oltre, dimenticare, mentre nel frattempo questa gentaglia continua a fare solo i propri affari, ben celati dietro il paravento delle regole, del diritto, delle leggi (ma solo per loro). Pregasse, Mentina, che Salvini riesca a placare gli animi con qualche azione ancora entro i limiti democratici, perchè se glie lo impediscono chi prenderà il suo posto a furor di popolo sarà ben più sbrigativo con i salotti buoni (non dimenticate mai le brioches di Maria Antonietta).

Ritratto di Atomix49

Atomix49

Gio, 16/08/2018 - 19:03

Ecco. ha parlato sua eccellenza Maximillien. Tutti in piedi entra la corte. Sua eccellenza ha deliberato che: "Ha ragione Conte e torto Mentana. Certe cose sono evidenti senza bisogno di una sentenza della magistratura" Dopo di questo non ci sono gradi di giudizio ulteriori. Tutti al rogo e promuoviamo sua eccellenza Maximillin Duce d'Italia.

FlorianGayer

Gio, 16/08/2018 - 19:12

I tempi della giustizia non sono velocissimi, anche perché la giustizia si propone di accertare i fatti. Non è una questione di bontà: se mi sento appagato per aver punito comunque qualcuno, potrei tranquillamente ritrovarmi tra poco nella stessa situazione. Non c'è forse bisogno della condanna passata in giudicato, ma almeno una perizia firmata da professionisti stimati, anziché l'"ira funesta" di qualche perfetto incompetente sarebbe utile.

Ritratto di Anna 17

Anna 17

Gio, 16/08/2018 - 19:20

Nauseante leggere commenti che difendono l'indifendibile. Come se il viadotto non fosse crollato per incuria o per avarizia e come se non ci fossero stati 38 morti, ma ne mancano ancora parecchi. Qui si tocca il colmo della stupidità e vogliono reggere la coda ad un lacchè dichiarato come questo squallido Mentana.

Ritratto di d-m-p

d-m-p

Gio, 16/08/2018 - 19:28

il modo di ragionare di Mentana può essere giusto ma è anche giusto che con questo modo di agire non si è arrivati mai a niente , poi dove ci sono tanti soldi in ballo la giustizia..........lasciamo perdere .

Cheyenne

Gio, 16/08/2018 - 19:29

mentana non manca occasione per sparare kastronerie

robertofo

Gio, 16/08/2018 - 19:30

ehi fenomeno, lo sai che in uno stato di diritto, non puoi affermare senza i dovuti accertamenti che l’uovo in faccia all’atleta di colore non è stato un atto razzista e tantomeno fascista come hai affermato tu via facebook? che testa di....

Silvio B Parodi

Gio, 16/08/2018 - 19:48

in uno stato civile se ammazzi vai in galera!!!!dopo ti fanno il processo per quanti anni devi beccarti e per quanti miliardi di danni devi pagare, allora secondo il tuo ragionamento da idiota, prima si indaga, poi dopo un paio d'anni si decide??intanto l'assassino si dilegua cancella le prove compra qualche testimone pagandolo cosi se la sfanga??? Mentana non mentanare!!! sei un idiota ixxxxxxxe ,ma non sei il solo... sei in buona compagnia, a proposito i Benetton son anche azionisti di *La 7????

FlorianGayer

Gio, 16/08/2018 - 19:49

Sarebbe bene tener presente che, al momento, l'indagine è contro ignoti, poiché non si sa che cosa sia effettivamente successo al ponte. Mancata manutenzione? Di che parte? Che cosa sarebbe previsto di fare e non è stato fatto? Quando una persona muore, di solito, non si indaga sul medico; qualche volta anche sì, ma in base a dati precisi. Altrimenti si perde la causa e si paga salato. NB c'è anche un'altra possibilità: il fatto di cronaca che colpisce l'opinione pubblica viene usato come grimaldello, per bypassare stabilmente la giustizia ordinaria. Le parole di Conte al riguardo sono minacciose.

papillon50

Gio, 16/08/2018 - 19:55

Caro sig. Mentana ma quali indagini. E' crollato un ponte che era sotto la diretta responsabilità del concessionario e quindi dei Benetton, i quali attraverso la holding che controlla Autostrade hanno distribuito (soprattutto a se stessi) miliardi in dividendi risparmiando sugli investimenti e sulla sicurezza. Se avessero fatto il contrario il ponte non sarebbe caduto. Punto. Tutto il resto sono caxxate.

Anonimo (non verificato)

mariod6

Gio, 16/08/2018 - 20:23

Tutti a disquisire sulle responsabilità dei Benetton o sulle ragioni di Conte o Mentana. Nessuno però parla del ministro Del(i)Rio che ha snobbato le interrogazioni parlamentari sulle condizioni del ponte. Il primo responsabile criminale è lui ed è lui che ha sulla coscienza i 40 e passa morti. Un applauso a Del(i)Rio, e al suo amico Renzi che si scaglia contro chi accusa i suoi finanziatori occulti o meno che siano.

Garganella

Gio, 16/08/2018 - 20:27

Pochi commenti intelligenti! Tanti commenti beceri!

Ritratto di Atomix49

Atomix49

Gio, 16/08/2018 - 21:01

IO consiglierei ai periti di ingaggiare nel loro team anche la nostra magnifica Anna17. Nella sua tesi tecnica, da cui si evincono indubbie capacità di calcolo strutturale e dimensionale, tutte qualità che la includono di diritto nel gabinetto... un attimo, lasciatemi finire, non nel gabinetto inteso come cesso, ma nel gabinetto di direzione e gestione delle indagini. Lei si che conosce la materia, tanto che ha già bella e pronta la sentenza. Anzi ora metterà su uno studio privato con la collaborazione di un certo Maximillien.... Un altro che con i "momenti di rottura" ci va a nozze. Altrove ci ha edotti circa l'aumento del momento di break-point di un trave precompresso tanto che è stato lui a fare i calcoli per i nuovi stralli.

Anonimo (non verificato)

Ritratto di Maximilien1791

Anonimo (non verificato)

ted

Gio, 16/08/2018 - 21:55

Il ponte é crollato! Più prova di così!!!!

alfa553

Gio, 16/08/2018 - 22:02

Prima si sequestra poi si fanno le indagini.Equitalia prima ti sequestra il c/ c poi aspetta le giustificazioni.Caro mentana e con i tuoi sistemi che in italia nessuno paga per le proprie responsabilita',ma si sa i tuoi padroni sono industriali del terzo tipo.

Emigrato64747

Gio, 16/08/2018 - 22:16

Credo che di fronte all’evidenza del disastro causato sia impossibile lasciare le cose come sono e attendere mesi o anni per avere un verdetto della magistratura. Qui si dimentica che è in atto un’emergenza con decine di morti. Tra l’altro, l’affermazione di poter ricostruire il ponte in cinque mesi per me è completamente insensata, solo fumo negli occhi (occorrono sei/sette mesi per una casetta monofamiliare)

rokko

Gio, 16/08/2018 - 23:02

Ma chi cxxxo lo ha detto ad Anna17, Maximilien vattelapesca ed altri intelligentoni qui che il ponte è caduto a causa dell'incuria o della scarsa manutenzione? Senza una perizia, un'indagine, nulla? E se fosse crollato a causa del troppo carico? Io non ho parole.

Ritratto di elkid

elkid

Gio, 16/08/2018 - 23:06

---mentana come al solito ha ragione---e non è la prima volta che lo dico--quando un giornalista ha un q.i mediamente maggiore della massa---diventa oggetto di attacchi di scimmie pazze incontrollate che non ci arrivano--i magistrati non avranno solo bisogno dei chili di faldoni tecnici stilati da ingegneri e periti di una parte e dall'altra o quand'anche nominati direttamente dal giudice--ma avranno bisogno anche di scandagliare i meandri dell'azienda e vedere come sia costituito l'organigramma--c'è un tomo enorme che si intitola "La delega di funzioni e la giurisprudenza"--che significa?--significa che i boss di grossissime aziende spesso e volentieri non danno solo delega di esecuzione a terzi ma anche delega di funzioni--ed una delega di funzione se conferita con determinati principi- ha l'effetto di trasferire la posizione di potere e quindi la responsabilità penale dal delegante al delegato--chi vuol capire capisca

Ritratto di Arduino2009

Arduino2009

Ven, 17/08/2018 - 00:57

Nella tua lingua biforcuta komunista lo chiami "Stato di Diritto" ????

Triatec

Ven, 17/08/2018 - 01:15

Negli ultimi 5 anni, i ponti crollati in Italia sono stati ben 10. Accertamenti, indagini, perizie, intervento della magistratura, così come giusto in uno stato di diritto. Qualcuno ha pagato? Continuiamo così.

WebCop

Ven, 17/08/2018 - 02:09

Mentana fa confusione. Lo Stato di Diritto non esclude le responsabilità. Non eccedere in un senso non implica eccedere nella direzione opposta. La magistratura accerterà eventuali responsabilità penali, il Governo ha il Diritto di esercitare l'azione amministrativa, meglio se evitando sovraesposizioni mediatiche urlate e demagogiche.

routier

Ven, 17/08/2018 - 06:46

"In uno Stato di diritto prima si fanno indagini" In uno Stato di diritto non si arriva a sentenza definitiva dopo trenta o quarant'anni! Ma certi giornalisti vivono sulla terra o vengono da altri pianeti?

routier

Ven, 17/08/2018 - 07:10

I Benetton sono anche azionisti di "La 7"? Non lo so e me lo domando. Comunque a pensar male si fa peccato, ma...!

giovanni951

Ven, 17/08/2018 - 08:08

in uno stato di diritto appunto.....non in Italia.

gabriella.trasmondi

Ven, 17/08/2018 - 08:11

mitraglietta spesso parli a vanvera….e vai a vedere perché si dice così.

Elvio GALLO

Ven, 17/08/2018 - 08:11

Elkid, il Diritto ha radici antiche e chi deve indagare su un fatto deve ricondursi alla ragione per cui un determinato negozio giuridico è stato fatto, quindi se è si accerta quanto tu affermi, la responsabilità penale non si trasferisce in quanto questa è personale, altri, che si sono prestati (o sono stati obbligati) sanno indagati per concorso (correità e complicità).

FlorianGayer

Ven, 17/08/2018 - 08:37

In effetti (tirando il discorso per i capelli), se anche l'errore di manutenzione fosse dovuto ad una ditta cui Autostrade ha affidato i lavori, si potrebbe dire che Autostrade si affida a ditte inaffidabili. Ma rimane comunque da vedere se si tratta di manutenzione e ciò non può prescindere da una ricostruzione della dinamica del crollo

Elvio GALLO

Sab, 18/08/2018 - 11:10

X il Webmaster Un mio commento non è stato pubblicato, potrei conoscerne la ragione? Grazie

Elvio GALLO

Sab, 18/08/2018 - 11:12

X il Webmaster Un mio commento (17.08.2017 08:05 circa) non è stato pubblicato, potrei conoscerne la ragione? Grazie