Messina, incendio in casa: morti due fratelli di 10 e 13 anni

I genitori sono invece riusciti a salvare la vita degli altri due figli più piccoli, di 8 e 6 anni

Due bambini sono morti a Messina, in un incendio che è divampato nella loro abitazione in via dei Mille, intorno alle quattro di questa mattina.

Avevano 10 e 13 anni, Raniero e Francesco Filippo Messina: vivevano nella palazzina con altri due fratellini di 8 e 6 anni e i genitori, Gianmaria e Chiara, che si sono salvati. Repubblica racconta che durante la notte, il cugino dei Messina e loro vicino di casa ha sentito gridare e poi bussare violentemente alla porta. Quando ha aperto si è trovato davanti i genitori, che si sono rifugiati nella stanza più esterna. La madre urlava e continuava a ripetere che i figli erano rimasti dentro, "che dovevamo salvarli". Allora i due uomini sono scesi al piano di sotto, sono entrati nella stanza e hanno preso i due bambini più piccoli, passndo per il cornicione e mettendoli in salvo nella casa accanto. Nonostante il tentativo del padre di salvare gli altri due figli, per loro non c'è stato nulla da fare. Le fiamme erano erano troppo alte per permettergli di raggiungerli e l'incendio si è propagato ad una velocità troppo elevata.

Ai familiari è sembrato che Francesco Filippo "fosse con noi e che poi sia sceso per cercare il fratello”: il suo corpo, infatti, è stato trovato nel corridoio, mentre quello di Raniero sul soppalco dove dormiva. Francesco Filippo avrebbe dovuto sostenere gli esami di terza media.

Sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco, con undici mezzi e tre squadre. Sono in corso le indagini per accertare la causa dell'incendio, ma secondo una prima ipotesi sembra che le fiamme siano divampate a casa di un corto circuito in cucina.

Anche la politica si ferma di fronte alla tragedia di Messina: i candidati sindaci hanno annullato i comizi previsti per oggi, in segno di lutto per i due fratellini morti nell'incendio di quest mattina.