Messina, sindaco caccia due senzatetto stranieri. E scoppia la polemica

Pioggia di polemiche da parte dei cittadini contro il sindaco Cateno De Luca. Lui risponde: "Siete ipocriti"

Continuano le polemiche contro il sindaco di Messina, Cateno De Luca. Pochi giorni fa alcuni clochard immigrati che dormivano davanti al "Palacultura", la galleria d’arte moderna e contemporanea del capoluogo siciliano, sono stati cacciati dalla polizia locale.

Su Facebook è diventato virale il video del blitz pubblicato dal primo cittadino sulla sua pagina. "Palacultura: sgombero in corso dei nuovi padroni della struttura! Si inizia ad applicare l'ordinanza (anti-bivacco, ndr) del sindaco De Luca!", si legge nel post che accompagna la pubblicazione del breve video, in cui è possibile vedere nitidamente anche i volti dei due clochard che dormivano in condizioni precarie davanti all'edificio destinato alla cultura a Messina.



Dopo la pubblicazione delle immagini si è scatenata una pioggia di polemiche sui social. "Ogni essere umano ha diritto alla sua dignità soprattutto i più sfortunati" il commento più significativo di un cittadino. Ancora, "Questo video è molto triste... non si tratta di fontane, strade o spazzatura, sono persone, come noi. Tutti abbiamo diritto ad un letto sul quale dormire. Spero che il nostro sindaco possa aiutarli", scrive un altro. I sostenitori del sindaco, però, non sono mancati. "Bisogna mettere a conoscenza di tutti lo schifo che lasciano. Tutti a casa devono andare e non sono razzista. Ordine e pulizia per i nostri figli". Un altro cittadino, tra i commenti sulla pagina del sindaco, aggiunge: "Non mi sembrano proprio dei poveretti, il primo sulla branda ha due (non uno) cellulari, il secondo cellulare e cuffie che si rilassa. A me onestamente non sembrano affatto due poveracci, bensì due clandestini venuti nel nostro paese perché sanno che qui è tutto lecito".

Cateno De Luca, sindaco di Messina dallo scorso anno, ha risposto alle polemiche. "Fa sorridere che le mie misure a tutela del decoro urbano siano strumentalizzate sia dal M5S che da insigni esponenti della sinistra", ha detto, "Sbaglio o i primi sono gli stessi che hanno fiancheggiato per un proprio tornaconto politico l'approvazione dei decreti sicurezza che l'Unione Europea ha più volte ammonito? Per gli afflitti intellettuali di sinistra, sbaglio o siete gli stessi che hanno sostenuto nella precedente legislatura il decreto Minniti, il quale prevedeva severe azioni repressive proprio contro il bivacco e l'ambulantato?" E ha aggiunto "Non faccio lo spaccone contro i poveri, sono il sindaco e come tale devo garantire la sicurezza e il decoro della città, contro chi la imbratta, la sporca e la deturpa con ogni forma di azione che violi la legge".

"A tutti quelli che si sono indignati per il video del blitz mattutino al Palacultura, in cui la polizia municipale intima a due extracomunitari di non utilizzare uno spazio pubblico come propria dimora dico: 'Siete degli ipocriti'", ha continuato De Luca, "L'alternativa c'è, si chiama 'Casa di Vincenzo', una struttura di accoglienza che offre un ricovero notturno, purtroppo snobbato da questi individui. Gli stessi, tra l'altro, sono stati più volte redarguiti, ma continuano a fare i propri comodi. Fanno parte di una vasta organizzazione che proviene da Catania". De Luca ha sottolineato, inoltre, di aver ricevuto tante segnalazioni in riferimento alla zona del Palacultura.

"Si tratta di cittadini che temono per la propria sicurezza, specie quando il numero dei senza dimora cresce in modo esponenziale" ha detto il sindaco, spiegando: "Non abbiamo offeso né malmenato nessuno: esiste un'ordinanza contro il bivacco e deve essere rispettata". "La differenza tra noi e gli altri è che noi facciamo tutto alla luce del sole, documentandolo pubblicamente, a prescindere dal colore della pelle o dall'atteggiamento che mette in discussione il decoro urbano. - ha detto ancora -Altri purtroppo consumano i peggiori delitti nei confronti di queste persone, utilizzando le armi dell'ipocrisia e dell'indifferenza, non avendo il coraggio di rendere pubblico il proprio comportamento. Paghiamo le colpe della nostra trasparenza. Io non accetto che il territorio venga deturpato. - e conclude - Chi viola la legge, locali o extracomunitari, dovrà assumersi le proprie responsabilità".

Commenti

kennedy99

Ven, 16/08/2019 - 13:43

se erano due italiani nessuno avrebbe detto niente anzi avrebbero dato ragione al sindaco. questa è l'italia che abbiamo oggi e che sicuramente non meritiamo di avere.

Ritratto di giangol

giangol

Ven, 16/08/2019 - 13:53

Ormai sono intoccabili qualsiasi cosa facciano

ziobeppe1951

Ven, 16/08/2019 - 14:21

Le zecche rosse sempre pronte a criticare (quando il Sindaco non è della stessa razza)...però..però si lamentano poi se stazionano sotto il portone di casa

Reip

Ven, 16/08/2019 - 14:49

BRAVO IL SINDACO!!!

scorpione2

Ven, 16/08/2019 - 15:41

ZPEPP51,SONO GIU' AL PAESE, SE SCENDI CI FACCIAMO UNA BIRRA AL BAR CENTRALE.

baronemanfredri...

Ven, 16/08/2019 - 16:58

BISOGNA CONOSCERE I FATTI. VIVO A MILANO SONO INFORMATISSIMO DELLA MIA EX CITTA'. IL SINDACO NON LI HA CACCIATI COME DETTO CD BUONISTI, HA CHIESTO L'INTERVENTO DELLA CASA DI SAN VINCENZO CHE SI OCCUPANO DI PERSONE SFORTUNATE C'ERA ANCHE 'U TAPPINARU IL PRECEDENTE SINDACO CAMMINAVA COI SANDALI. IL PALAZZO DELLA CULTURA E' COSTATO AI CITTADINI OLTRE 50 MILIONI DI €. DAL 1976 IL PALAZZO IN ACCIAIO E CRISTALLO PROGETTATO IN AMERICA CON PALIFICAZIONE OLTRE MT 25 DI PROFONDITA' IL 1^ STANZIAMENTO 1976 5 MILIARDI DI LIRE, UNO DI 12 MILIONI DI € E ALTRO NON RICORDO OLTRE ACQUISTI MATERIALI. HA DETTO QUI NON POSSONO STARE DE LUCA NON E' SALA IL CALZINO COLORATO VUOLE LA PERSONA CURATA (CASA DI AN VINCENZO) E IL DECORO. LA SINISTRA MESSINESE VUOL FARE COME QUI AL NORD. HA RAGIONE PRENDETEVI CURA DELLE PERSONE, COSI' SONO ABBANDONATE AD USO E COSTUME DELLA POLITICA DI SINISTRA

baronemanfredri...

Ven, 16/08/2019 - 17:25

SCORPIONE2 CON LA BUONISSIMA BIRRA LOCALE DEL 1922 SI TROVA QUI A MILANO LA COMPRO BAR CENTRALE O VIALE SAMMARTINO, VERO NOME SAN MARTINO. SONO NATO IN QUELLA CITTA' UNO DEGLI ULTIMI VERI MESSINESI DISCENDENTI. SONO DI QUEL QUARTIERE STORICA CHIESA IMMACOLATA PIAZZA S. FRANCESCO D'ASSISI. DE LUCA HA MODI DA CLINT EASTWOOD QUANDO ERA SINDACO NELLA SUA CONTEA. NON GIUDICO DE LUCA NON APPARTENGO PIU' ALLA DECADENTE CITTA' DAL 1972 HA MODI SBRIGATIVI O SPICCIATIVI. NON SI PUO' VEDERE PERSONE TRA L'EX TORRENTE BOCCETTA O VIALE BOCCETTA CON LA VIA XXIV CHE DORMONO ABBANDONATI. PRIMA C'ERANO MAROCCHINI CHE NASCONDEVANO LA MERCE NEL CANTIERE CHIUSO DA OLTRE 30 ANNI. PRIMA C'E' LA PERSONA POI LA POLITICA. MESSINA LA VOGLIONO COME MILANO ROMA TORINO BOLOGNA I BABBASUNI LA VOGLIONO CAMBIARE COME MILANO

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Ven, 16/08/2019 - 17:26

Chi vuole scommettere che la polemica è stata innescata da due parassiti comunisti?

Ritratto di DVX70

DVX70

Ven, 16/08/2019 - 18:07

È così che preti e PD vorrebbero ridurre l'Italia intera: un immenso, sterminato campo profughi.

ziobeppe1951

Ven, 16/08/2019 - 19:32

Ssscccorpione2....15.41...quindi l’amico baronemanfredri...mi sconsiglia di venire a bere una birra da te...che brutti posti che frequenti

claudio faleri

Ven, 16/08/2019 - 21:18

gli ipocriti sono certo del pd, non gli piace quello che è stato fatto, se li prendano a casa loro, con il c.....o degli altri si fa presto a dettare legge

Ritratto di Rudolph65

Rudolph65

Sab, 17/08/2019 - 08:04

Grande Sindaco.Ordine e disciplina.

baronemanfredri...

Sab, 17/08/2019 - 08:12

ZIOBEPPE1951 FORSE NON MI SONO SPIEGATO BENE, O NON HAI CAPITO, NON HO DETTO CHE SCONSIGLIO DI VENIRE, PRIMO PERCHE' NON RITORNO PIU' NELLA MIA EX CITTA', SECONDO HO SCRITTO CHE E' UNA CITTA' IN DECADENZA SENZA FINE FIN DAL 1972. RIGUARDO ALTRO E' BELLISSIMA, COMPRESA LA CUCINA. LA BIRRA E' FENOMENALE PER ME E' LA MIGLIORE, FIGURATI CHE CAMIONISTI TEDESCHI COMPRAVANO QUESTA BIRRA E LA CARICAVANO NEI LORO CAMION E LI PORTAVANO FINO IN GERMANIA. QUI A MILANO SI PUO' COMPRARE. FREQUENTO POSTI BELLI, PURTROPPO E' STATA LA POLITICA, SOPRATUTTO COLORO CHE SONO "CALATI" DALLA PROVINCIA O ALTRE PARTI CHE HANNO DISTRUTTO QUESTA CITTA'. PER MOTIVI NON HO PIU' L'OCCASIONE DI SCENDERE, CERTO E' PEGGIORATA, MA NON PER COLPA MIA. UN INCONTRO PER LA BIRRA E' LECITO IN OGNI POSTO. MI DISPIACE CHE NON SONO STATO COMPRESO. PROSIT LA CITTA' ERA PIENA IL POMERIGGIO DELL'ODORE DELLE ZAGARE E DEL MARE, DA DIVERSI DECENNI NON C'E' PIU' NIENTE. ERA BELLO ALLORA.