Mi arrabbio a fin di bene

«Lei mi piace quando vannia», mi dice una signora incontrata per strada a Catania. È lo sfogo liberatorio di chi è felice che un altro dica quello che lui vorrebbe dire. Protestando contro il mondo e le ingiustizie, ma costretto dalla prudenza a trattenersi. Così la mia reazione assume il senso di una delega, che è propriamente quella attribuita a un «deputato». Il quale, a sua volta, per opportunismo o per non farsi danni, si contiene. Dà soddisfazione incontrare qualcuno che, a suo rischio e pericolo, ti rappresenta. Anche se questo non è propriamente nella mia indole, che sarebbe socievole e persino mite se non dovessi misurarmi con la quotidiana e diffusa imbecillità, alla quale non mi sembra giusto rimediare con distacco e indifferenza. Io, la mattina, mi alzo contento, poi sono costretto a soffrire per il disordine del mondo. Da questa contrarietà deriva il mio comportamento irruente e talvolta iroso: una difesa irrazionale della ragione. E se il destinatario del mio vanniare non migliora o non si corregge, e quindi la mia reazione violenta non è una soluzione utile, quelli che assistono si sentono però sollevati, vengono presi dall'euforia di quella signora catanese. È quindi utile agli spettatori che fanno il tifo la mia incazzatura: un effetto consolatorio intrinsecamente democratico. Ed è un doppio risultato: perché così i puniti, illesi, invece di soffrire, godono, e cercheranno di risparmiarsi di essere colpiti anche loro. Alla fine della giornata mi addormento tranquillo.

Commenti
Ritratto di marcopedroni

marcopedroni

Lun, 11/12/2017 - 13:42

Quando Vittorio s'incazza ci sentiamo sollevati, empi di euforia, consolati. Lui ha interpretato pubblicamente anche la nostra, spesso inutile, incazzatura. Alla fine della giornata come Vittorio, ci addormentiamo tranquilli.

Antonio43

Lun, 11/12/2017 - 16:11

Così, all'improvviso abbiamo trovato un amico, ok, meglio!

DIAPASON

Lun, 11/12/2017 - 17:09

ti arrabbi principalmente per marketing, e qualche volta per pensieri molli e labili

corivorivo

Lun, 11/12/2017 - 17:12

da ragazzo in collegio, dai Fratelli delle Scuole Cristiane, per sette anni, mi offrivo di bestemmiare per chi ne avesse avuto bisogno ma temeva di peccare...una mela, una figurina ecc.- l'effetto era reciprocamente soddisfacente, ricordo. si sorrideva di quei finti peccati e si valutavano veri peccati quelli dei pretacci predatori d'anime e di corpi... Vittorio interpreta sublimamente il mio agire di fanciullo! un abbraccio

Ritratto di tex 103

tex 103

Lun, 11/12/2017 - 17:21

Come tutti I grandi GENI,sei grande grande grande come te sei grande solamente tuuuuu!!!!!!!!!

Morion

Lun, 11/12/2017 - 17:50

Un giorno troverai qualcuno che ti ricaccerà in gola gli insulti e tutta la serie di zoticaggini che ti escono dal riparo dei denti. Imparerai contenerti e correre come una lepre! Allora ci addormenteremo tranquilli. L'ignoranza ha mille volti e atteggiamenti. C'è chi li cinge in toto!

corivorivo

Lun, 11/12/2017 - 18:08

se inverti Moiron esce Noi Rom... è tutto detto!

moichiodi

Lun, 11/12/2017 - 19:43

Prof Sgarbi, lei non si arrabbia. Fà finta. Con le sue finte provocazioni lei ci campa. Perché c'e chi le compra.

Ritratto di dellelmodiscipio

dellelmodiscipio

Lun, 11/12/2017 - 20:15

Ma Sgarbi è un deputato? Credo di no, ma con questo scritto, che è potente e direi sublime come il roboante Manifesto del Partito Comunista, preannuncia la sua volontà o la sua vocazione a diventarlo insediandosi a Montecitorio o Palazzo Madama. Almeno così mi suona lo scritto. Anch'io ho questa intenzione, e (come si dice), ora o mai più. La legge elettorale, anche se sfacciatamente partitocratica, consente a ogni volenteroso italiano di candidarsi singolarmente in un collegio e se si è abili con un po' di campagna elettorale possiamo farcela. Se non altro, un utile esempio di lotta alla partitocrazia.

6077

Lun, 11/12/2017 - 20:58

sulle tastiere la "i" e la "o" sono vicine, a volte succede di pigiarle assieme. sospetto quindi che "morion" si sia registrato con una "i" di troppo.

1234

Lun, 11/12/2017 - 21:49

egregio Sgarbi, nel leggerla avvertivo un fastidioso rumore di fondo che non riuscivo ad identificare. Poi ho capito. Era il rumore degli specchi rigati dalla sua faticosa arrampicata. Cordialità

Ritratto di dellelmodiscipio

dellelmodiscipio

Lun, 11/12/2017 - 22:04

In questo breve articolo Sgarbi sinteticamente dichiara la sua vocazione a deputato, nel senso proprio del termine. Se fossi in lui, supererei la pigrizia e mi candiderei in un collegio uninominale (opportunamente individuato) per la Camera o per il Senato. Passando avanti a ogni Partito, anche al "meno peggio". Avrebbe successo, perché gli italiani agognano proprio a loro rappresentanti che sappiano esporre nel luogo più adatto e con il più adatto PARLARE le loro scontentezze.

Silvio B Parodi

Lun, 11/12/2017 - 22:50

Sgarbi, Sei non grande,, sei Immenso! Grazie

Ritratto di ellebor0

ellebor0

Mar, 12/12/2017 - 07:23

Strepitoso Sgarbi, avanti così !

Ritratto di Menono Incariola

Menono Incariola

Mar, 12/12/2017 - 08:32

Morion, inizialmente un elmo spagnolo, e` anche il nome di un centro sociale veneziano...

luigiB3

Mar, 12/12/2017 - 10:37

A questo mondo siamo tutti degli attori per cui ad ognuno la propria parte. A lui l'inkaxxatura quotidiana e a noi la sonnolenza. PERENNE..? Se dopo tutto quel che succede siamo li' ancora nel sonno o vaganti nella nebbia piu' o meno padana ha poco da incazzarsi il Vittorio... Con l'andazzo che ci troviamo, se tutto va bene siamo rovinati..!! Auguri...

ORCHIDEABLU

Mar, 12/12/2017 - 10:43

SEI SOLO ISTERICO AHAHAHAHAHAHAHAHAH

rrobytopyy

Mar, 12/12/2017 - 12:12

solita censura....

mzee3

Mar, 12/12/2017 - 12:37

Lei Sgarbi dice : "E se il destinatario del mio vanniare non migliora o non si corregge, e quindi la mia reazione violenta non è una soluzione utile, quelli che assistono si sentono però sollevati". Non mi trova d'accordo Sgarbi...la violenza verbale è sempre e comunque VIOLENZA. Lei lo fa perché ormai è persona nota e ha le spalle "coperte" da denaro e personaggi che la possono difendere. La violenza verbale o fisica non dimostra né intelligenza né autorevolezza. Lei viene chiamato in TV solo ed unicamente per fare odiens e se mi cincede, anche per reclamizzare le i suoi libri e le sue mostre. Il resto è solo una farsa che fa dire alla gente con poco cervello : "Questo si che finalmente dice quello che penso". Questa massa informe che la segue è quella massa che non ha coraggio di cambiare l'Italia né con i metodi legali che "illegali".Una massa incapace di critica e spera sempre che sia qualcun altro a indirizzarla nelle scelte.

Luigi Farinelli

Mar, 12/12/2017 - 12:46

Uno degli interventi che più ho apprezzato (anche se non ho potuto assistervi in diretta ma tramite registrazione) è stato quando Sgarbi ha interrotto una di quelle trasmissioni tv (credo fosse della RAI) politicamente corrette in cui le bufale (fra cifre di comodo ed ideologia pura eletta a riferimento assoluto) sono ammannite alla gente che assorbe il tutto senza accorgersi del raggiro. In tema di "violenza alle donne" la conduttrice di una trasmissione (non ne ricordo il titolo ma è facilmente rintracciabile) aveva posto il problema delle "seimile donne stuprate in Italia". Sgarbi reagì veementemente: "ma dove c...zo le trovate seimila donne stuprate in Italia in un anno!" La trasmissione fu interrotta, con supremo godimento mio e di tutti coloro che hanno le palle piene delle balle truffaldine del Pensiero Unico e dei raggiri con i quali l'opinione pubblica non viene informata ma COSTRUITA letteralmente, per incanalarla sui binari del politicamente corretto. "progressista"

Ritratto di Carelia

Carelia

Mar, 12/12/2017 - 13:07

Ci sono metodi per imparare a gestire la rabbia proveniente da un’energia distruttiva in energia costruttiva. Ci pensi e non umilii la sua intelligenza cercando scuse. I risultati si ottengono argomentando pacatamente, tutto il resto è (fastidioso) show.

Ritratto di marcopedroni

marcopedroni

Mer, 13/12/2017 - 14:20

A me pare che molti di coloro che scrivono non comprendano un punto fermo del pensiero di VS che diffonde da anni. VS non vuole sostenere pacatamente la ragione. VS vuole sostenere con Passione la Ragione. E non una qualsiasi ragione bensì, la propria Ragione. Bisogna battersi per la propria idea perché spesso argomentare pacatamente come comincia sempre per fare, non basta se l'interlocutore insiste nel rimanere di diversa idea. In quel scatta la Passione. Da quel momento all'incazzatura è un attimo.