"Mia figlia è morta di overdose di ansiolitici. Era vittima di bullismo"

Parla per la prima volta la mamma di Britney, la ragazza di 16anni che si è uccisa a seguito delle ripetute derisioni dei suoi compagni di scuola

La figlia di 16 anni si è uccisa perché non riusciva più a sopportare di essere al centro degli insulti dei compagni di scuola, ora la madre racconta cosa è successo.

"L’abbiamo trovata sul pavimento della sua camera da letto. Sembrava felice quando era andata a dormire, non aveva dato alcun segno di depressione, tanto meno di volontà suicida" - inizia così il racconto della madre di Britney che per la prima volta parla con la stampa di Glasgow. La ragazzina non sopportava più di essere derisa dai compagni, così si è suicidata con un'overdose di ansiolitici.

"Britney era una ragazza sensibile e ha preso le cose a cuore - spiega la madre -. Hanno distrutto la sua fiducia in se stessa e nessun tipo di amore o lode è riuscito a sanare quella ferita. Da due settimane aveva lasciato la scuola nella quale non riusciva più a essere serena e presto avrebbe provato le selezioni per la scuola di polizia. Ma è stato tutti inutile perché quegli insulti l'hanno distrutta".

Come riporta l'Huffingtonpost, nonostante Britney stesse provando a ricominciare, le offese sui social le rimanevano impresse nella mente e proprio a quel mondo virtuale ha voluto lasciare il suo ultimo messaggio: "Le parole fanno male e la gente dovrebbe capirlo prima che sia troppo tardi". La 16enne non ha retto e abusando degli ansiolitici che le erano stati prescritti è andata in overdose.

"Il bullismo è la malattia del 21esimo secolo, bisogna intervenire urgentemente per aiutare le vittime. Parlo con Britney ogni giorno, ma non posso accettare ciò che ha passato. Devo essere forte per gli altri due miei figli. Una madre non ha scelta, deve andare avanti. Chiedo solo che il bullismo venga preso sul serio, prima che qualche altro genitore perda un figlio" - conclude la donna.

La famiglia della ragazzina non riesce a darsi pace e accusa pesantemente la scuola, tanto che ha deciso di seppellire il corpo di Britney lontano dagli occhi dei suoi compagni. I genitori della 16enne non riescono a perdonare quei bambini che sono stati così tanto cattivi con la loro figlia: "Non devono andare sulla sua tomba".

Commenti

marygio

Lun, 03/10/2016 - 16:14

boh...io prima che si suicidasse andavo a scuola e prendevo a sberle tutti...compagni e insegnanti.

wrights

Lun, 03/10/2016 - 19:25

Il bullismo è tipico delle scuole anglosassoni, importato ora con la globalizzazione anche in Italia, dove prima ci si suicidava più per i brutti voti. Però siccome è in dirittura di arrivo, la legge sul cyberbullismo, con dentro anche la censura nel web, trova spazio in Italia la storia di questa povera ragazza (non italiana), per intenerirci nei confronti della futura Legge fregatura (questa italiana). Non mi risulta che in U.K. stiano pensando a varare una nuova legge in materia di bullismo per la morte di questa bella ragazza, ne penso siano affari nostri.

Ritratto di rosario.francalanza

rosario.francalanza

Lun, 03/10/2016 - 20:12

Fermo restando la validità della considerazione di @marygio, io direi che, comunque, la madre di Britney fa bene ad impedire che si consumi la suprema 'presa per il c@@o' delle visite dei bravi compagni sulla tomba della sventurata ragazza! Basta col mondo esibizionista e ipocrita degli applausi ai funerali!

Ritratto di Zagovian

Zagovian

Mar, 04/10/2016 - 09:16

Invece di "Fornire ai giovani le conoscenze essenziali, le capacità, le competenze e i valori di cui hanno bisogno per conoscere la loro sessualità, provando piacere fisico, psichico ed emozionale"(demenziale politica "gender"),laddove queste "conoscenze essenziali",si trasformano in "conoscenze morbose",che distraggono dai temi tipici,meravigliosi di un'infanzia e di una adolescenza,vissuti in modo spensierato....Lavorare su altri TEMI "essenziali",sin da questa età?Il BULLISMO,lo stimolo a PENSARE CON LA PROPRIA TESTA,la FACILONERIA,la IRRESPONSABILITA',LA VIGLACCHERIA,il rapporto CAINO/ABELE,senza coccolamenti "psicologici" del primo(tutto sommato vivo),il DOVERE prima di PRETENDERE",il tutto condito,con altrettanti "libretti".Questo no?Non va bene?Non sono argomenti "politically correct"??

Ritratto di Zagovian

Zagovian

Mar, 04/10/2016 - 09:19

Mi sento distrutto da situazioni del genere!!!Una ragazzina morta,una famiglia morta....."società" del cavolo!!

Ritratto di Zagovian

Zagovian

Mar, 04/10/2016 - 10:06

@rosario.francalanza:concordo!....Quella degli applausi poi....