Migranti, calano gli sbarchi in Grecia ma è record in Italia

Il 2016 è un anno record per gli sbarchi: la nuova rotta abbandona la Grecia e privilegia l'Italia

Il principale canale di arrivo dei migranti in Europa attraverso il Mediterraneo resta la Grecia, ma il numero su quel versante è in forte calo, mentre salgono gli arrivi sul versante italiano.

Lo dice un rapporto Frontex sul 2016, secondo cui nell'anno appena concluso il numero di migranti in arrivo in Grecia è calato del 79%, attestandosi a 182.500. Al contrario, l'Italia - seppure in termini assoluti si attesti su una cifra inferiore - ha registrato un record, toccando quota 181mila, il più alto numero mai registrato.

Il calo di arrivi in Grecia nel 2016 è dovuto in buona parte all'accordo Ue-Turchia. Lo riferisce Frontex, ricordando che l'intesa è entrata in vigore a fine marzo. Il calo riflette anche la chiusura delle frontiere lungo la rotta balcanica.

Commenti

DuralexItalia

Ven, 06/01/2017 - 14:18

Che bei record ha l'Italia in Europa. Siamo i migliori.

risorgimento2015

Ven, 06/01/2017 - 14:34

Dove E` la fanteria e artiglieria leggera a proteggere i confini !

Ritratto di nando49

nando49

Ven, 06/01/2017 - 14:45

Ormai è una invasione! Determinata dagli ultimi governi (non eletti) PD. C'è forse un ipotesi di reato per questo mancato controllo?

venco

Ven, 06/01/2017 - 15:31

E certo, se vanno a prenderli appena salpati coi gommoni possono venire a milioni e con qualsiasi tempo.

Una-mattina-mi-...

Ven, 06/01/2017 - 15:32

"L'ITALIA COL SEGNO PIU'" che piace al PD

Ritratto di gianniverde

gianniverde

Ven, 06/01/2017 - 15:45

Avanti c'è posto,ieri sera ascoltavo su rete 4 ed una signora classica operatrice culturale diceva che non bisogna concentrarli in un posto ma mettendone un po sparsi si riusciva a disturbare la vita un po di tutti e non creare disparità.

kayak65

Ven, 06/01/2017 - 15:52

meno male che almeno un clandestino lo abbiamo rimandato a casa nella sua Toscana. le bugie vengono sempre scoperte

Vigar

Ven, 06/01/2017 - 16:01

Ma di che cosa stiamo ancora parlando? Lo vogliamo capire o no che siamo diventati l'immondezzaio d'Europa? E non manca certol'occasione per farcelo notare. Cosa fanno i nostri parlamentari europei oltre che percepire il loro lauto stipendio?

dakia

Ven, 06/01/2017 - 16:15

Ma quale 181.000, se sono sbarcate perfino carrette 4 al giorno zeppe fino ai bordi, ancora state con numeri da pallottoliere se le grandi città sono allo stremo e i luoghi più piccoli peggio ancora, cie, hotel, stazioni,case e cantine e fabbriche in disuso, caserme, rive di fiumi giardini+sottopassaggi,ospedali, carceri e conventi! ma finitela di fare tonta la gente non sottovalutatela credendovi assai intelligenti per aver presto di straforo una poltrona, fate il vostro dovere se ve la dovete mantenere,rinviando i clandestini come lo stanno facendo in altri luoghi, agite da persone serie che le cose non si mettono affatto bene!

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Ven, 06/01/2017 - 16:19

A meno di miracoli..... l'Italia presto sparirà dalla Storia. E' un genocidio... morbido ma sempre genocidio. La storia ha dimostrato che le invasioni portano alla distruzione delle civiltà.

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Ven, 06/01/2017 - 16:39

La soluzione a tutto ciò? Tribunali speciali con corti marziali ad hoc. Dove per "hoc" s'intenda: alto tradimento.

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Ven, 06/01/2017 - 16:45

Nulla in ciò è spontaneo. Questi africani non avrebbero mai i soldi per il viaggio. E' tutto organizzato dall'elite finanziaria, feccia come Soros. E' una tratta degli schiavi con finalità genocide.

lappola

Ven, 06/01/2017 - 19:22

Bene Bene, che vengano, ma in tanti e sempre di più finché abbiamo un Governo che li incoraggia. Che portino droga, armi, che violentino, che delinquano, al Partito Democristiano non importa assolutamente niente; li protegge e li mantiene sottraendo risorse agli Italiani; vedi il caso di Avellino oggi, quel poveretto aveva chiesto aiuto senza ottenerlo, ma se fosse stato un clandestino lo mettevano in albergo 5 stelle. Grazie Istituzioni Italiane ...