Migranti, De Corato: "I clochard italiani dormono per strada per paura dei tanti stranieri nei centri di ricovero"

Secondo l'assessore regionale alla Sicurezza e Immigrazione, molti senzatetto italiani avrebbero paura di dormire nei centri di accoglienza del comune di Milano per l'elevata presenza di stranieri

"Ci sono molti italiani che dormono all'aperto piuttosto che andare nei centri di accoglienza del Comune di Milano perché c'è un'elevata presenza di stranieri negli storici centri che ospitavano i clochard. Alcuni muoiono fuori di freddo perché hanno paura di essere derubati". La denuncia è di Riccardo De Corato, assessore regionale alla Sicurezza e Immigrazione, intervistato dall'Agi. Secondo l'ex vicesindaco meneghino "i senzatetto italiani sono in aumento, non c'è dubbio. Del resto basta andare in giro per Milano di notte e vedere sotto i portici che cosa c'è".

E proprio qualche settimana fa ilGiornale.it era andato a fare un giro sotto i portici di via Vittori Pisani, tra Piazza della Repubblica e la Stazione Centrale, trovando numerosi senzatetto italiani accampati e avvolti da coperte per affrontare l'ennesima notte al freddo.

Le persone che avevamo avvicinato ci avevano parlato proprio delle difficoltà quotidiane nel vivere e dormire al gelo, raccontandoci però di sentirsi proprio scavalcati dagli extracomunitari. "La situazione è drammatica, perché le temperature incominciano a calare e c’è tanto freddo. Abbiamo fatto alcune domande per un ricovero al coperto, ma purtroppo essendo italiani siamo presi in considerazione un po' diversamente…", ci avevano spiegato.

E ancora: "Quando sono andato a chiedere aiuto, ho detto che sono di Venezia e mi hanno risposto: 'Perché non ritorni a casa?'. Su questo versante loro (gli stranieri, ndr) ci passano davanti, hanno una sorta di corsia preferenziale".

Commenti
Ritratto di mbferno

mbferno

Gio, 17/01/2019 - 18:59

Ohibo'.....ma allora non siamo solo noi di destra,borghesi,fassisti e nassisti,a pensar male. Evidentemente le cronache fanno scuola,malgrado qualcuno dica che i migranti portano sicurezza,benessere e felicità.

cesare caini

Gio, 17/01/2019 - 19:00

Ma è logico gli Italiani sempre per ultimi ! Non sono remunerativi come gli stranieri !

Macrone

Gio, 17/01/2019 - 19:01

Ma perchè, vista l'emergenza, non interviene la Regione Lombardia facendo portare questi clochard in un centro di accoglienza specifico solo per loro?

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Gio, 17/01/2019 - 19:13

Dovete sopportare le pretese dei comunisti, che sostengono il motto, prima lo straniero, da razzisti al contrario.

Divoll

Gio, 17/01/2019 - 19:18

Che vergogna! "Perche' non torni a casa" lo devono dire agli africani, non ai senzatetto italiani! Ma quando cominceranno finalmente a cambiare le cose? Quando torneranno a essere "PRIMA GLI ITALIANI"???

ermejodermonno

Gio, 17/01/2019 - 19:20

I SOLITI ITALIANI DI MxxxA ANTEPONGONO AGLI GLI ITALIANI CHE SPESSO SONO STATI RIDOTTI COSI' DALLO STATO LADRO " LE RISORSE" CHE SCHIFO , SOLO DA NOI PUO' SUCCEDERE UNA COSA SIMILE.

claudioarmc

Gio, 17/01/2019 - 19:40

Cosa volete che freghi al comune di Milano o alle coop mica prenderebbero gli stessi soldi

DRAGONI

Gio, 17/01/2019 - 19:58

AD OGNUNO LA PROPRIA PARTE DEI BENEFICI CHE I CLANDESTINI , NOSTRE RISORSE SECONDO LA SIG.RA BOLDRINI E ALTRI,ARRECANO AGLI ITALIANI.

Mauritzss

Gio, 17/01/2019 - 20:04

35 euro agli italiani non andavano bene, vero !!. . . si facciano almeno aree di ricovero separate . . . .

19gig50

Gio, 17/01/2019 - 20:15

Gli italiani, a tutti i livelli, non devono soffrire per le ca@@ate fatte dai sinistri e dai preti. Fuori i parassiti dall'Italia e chi li vorrebbe.

Ritratto di zanzaratigre

zanzaratigre

Gio, 17/01/2019 - 20:16

E come non dar ragione a Salvini? Prima gli ITALIANI!!!

Una-mattina-mi-...

Gio, 17/01/2019 - 20:29

BASTA RAZZISMO, BASTA MANTENERE LE ORDE DI VIOLENTI VITELLONI FANNULLONI! AIUTIAMO PRIMA IL NOSTRO POPOLO DIMENTICATO, LA NOSTRA GENTE SFORTUNATA!

Ritratto di akamai66

akamai66

Gio, 17/01/2019 - 20:32

Anche loro fascisti e razzisti?

edo1969

Gio, 17/01/2019 - 20:58

Ci sono cose su cui non si scherza: i nostri italiani deboli, poveri, indifesi, un tempo detti “barboni” vittime della feccia importata. La colpa dei catto-comunisti è senza fine, la stanno già pagando elettoralmente, la devono pagare di persona.

Ritratto di pierluigiv

pierluigiv

Gio, 17/01/2019 - 21:20

il trio Boldrini-Saviano-Vauro insorgeranno a dare del razzista e fascista ai clochard italiani...

Ritratto di mailaico

mailaico

Gio, 17/01/2019 - 21:21

BOLDRINI CREPA!

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Gio, 17/01/2019 - 21:48

Comandano quelli che seguono il motto "prima gli stranieri".

killkoms

Gio, 17/01/2019 - 22:46

il "prezzo" dell'europa!

Divoll

Gio, 17/01/2019 - 22:57

E' lo stesso anche in altri paesi europei "invasi".

Treviso

Gio, 17/01/2019 - 23:33

Non e gusto che clochard italiano dormono per strada ma i responsabili sono gestori che sono italiani e non stranieri mi domando la colpa di chi e che dormono per strada. Salvini agisci non solo su le navi anche sula tera sistema prima i Italiano e dopo i stranieri

antonioarezzo

Ven, 18/01/2019 - 09:30

che schifo.

V.V.

Ven, 18/01/2019 - 10:01

Lo stato dovrebbe porre tra le priorità l'intervento a favore di coloro che si trovano in stato di indigenza; maggiore è il grado di indigenza e più consistente deve essere il sostegno dell'ente pubblico. Di fatto la politica - soprattutto quella sviluppata dalla sinistra radical chic, che contraddittoriamente rivela atteggiamenti snob nei confronti dei poveri - si è sostanzialmente occupata di foraggiare le clientele. Ed ecco il risultato: in Italia circolano oltre centomila clochard, senza contare quei due milioni di italiani che abitano edifici diroccati e fatiscenti, stamberghe, bicocche e baracche, che possono essere assimilati ai cosiddetti barboni. Questi oltretutto a torto si vergognano del loro status; sarebbero altri a doversi vergonare!

carlottacharlie

Ven, 18/01/2019 - 12:20

De Corato! Noi lettori di giornali lo abbiamo sempre saputo e fa senso che le istituzioni lo scoprano soltanto adesso.