Migranti, al Friuli Venezia Giulia presidio permanente dei confini

Dopo la sperimentazione avviata a luglio, Stato e Regione hanno concordato di trasformare i presidi dei confini a tempo indeterminato

Continuità della presenza delle forze dell’ordine sulla porta d’ingresso della rotta balcanica. È il risultato conquistato dal governatore del Friuli Venezia Giulia nel corso della sua visita di ieri a Roma. Massimiliano Fedriga ha così ottenuto dal sottosegretario agli Interni Nicola Molteni il presidio dei confini a tempo indeterminato, dopo la sperimentazione avviata a luglio.

Come ricorda il Piccolo, Fedriga aveva incontrato il ministro dell'Interno Matteo Salvini lo scorso luglio. Da quell'incontro il governatore aveva ottenuto il presidio temporaneo dei confini in prossimità dei valichi di frontiera con l’obiettivo di contrastare i flussi migratori irregolari. Così, in pochi giorni nei territori di Trieste e Gorizia erano state schierate le forze dell'ordine: alle squadre della Polizia di Stato, in supporto alla Polizia di frontiera, si erano aggiunti gli uomini dalla Mobile di Padova e dei reparti prevenzione crimine.

Presidio dei confini

Con la riunione di ieri a Roma, è stato deciso di trasformare la sperimentazione di luglio in un progetto a tempo indeterminato. "Il presidio delle forze dell’ordine sul territorio del Fvg – si legge in una nota che riporta le parole di Fedriga e Molteni –, con particolare attenzione ai confini e alle attività di retrovalico, sarà operativo in maniera continuativa".

"L’attenzione del governo nazionale – aggiungono il presidente e l’assessore regionale alla Sicurezza Pierpaolo Roberti – alle problematiche legate a immigrazione e sicurezza, in particolare nei confronti di una regione come la nostra che è porta d’ingresso rispetto alla rotta balcanica, è totale e condivisa nel pieno rispetto di esigenze reali che abbiamo affrontato insieme con immediatezza e visione prospettica".

Commenti
Ritratto di Suino_per_gli_ospiti

Suino_per_gli_ospiti

Mer, 05/09/2018 - 13:15

Clandestini, non migranti.

Macrone

Mer, 05/09/2018 - 13:39

In FVG, a Trieste, vicino al confine con la Slovenia abbiamo la caserma del Piemonte Cavalleria con dentro i militari. Perchè non li usiamo per pattugliare i confini anche di notte. magari con l'ausilio dei cani?

Malacappa

Mer, 05/09/2018 - 13:48

Invasori non migranti,controllo ferreo non lasciare passare nessuno che non sia in regola

Ritratto di aresfin

aresfin

Mer, 05/09/2018 - 14:47

Porte chiuse finalmente per gli invasori clandestini. Pidioti, prrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrr

CALISESI MAURO

Mer, 05/09/2018 - 14:53

Vanno installate reti elettrificate e uso dell'esercito su tutto il confine. Va re istituito il servizio di leva, la nazione e' sotto attacco... capisco che questo governo, e' al potere solo da 2 / 3 mesi, tuttavia le mosse e politiche vanno inplementate, fra un anno potremmo avere una situazione totalmente diversa.