Migranti, M5S: "Ad Alghero l'accattonaggio è un fenomeno dilagante. Il comune deve agire"

I consiglieri comunali del M5S di Alghero hanno sollevato in città la questione dell'accattonaggio in città dei migranti dei centri di accoglienza

Gli esponenti del Movimento 5 Stelle di Alghero hanno sollevato in città una questione sentita in tutti i principali centri della Sardegna: quella dell'accattonaggio dei migranti.

Cosa induce i migranti a chiedere la carità per strada, considerando che spesso sono ospiti di strutture di accoglienza e destinatari di progetti d'integrazione sociale? I consiglieri comunali Graziano Porcu e Roberto Ferrara hanno così rivolto un'interpellanza al sindaco Mario Bruno e all'assessore ai Servizi sociali.

"C'è da tutelare la dignità di queste persone e, al contempo, monitorare ed evitare lo svilupparsi di un sistema, quello dell'accattonaggio, che va a ledere la dignità della persona stessa, diventando causa di problemi per l'intera comunità", hanno dichiarato.

"A seguito di alcuni brevi interviste realizzate, risulterebbe che, in realtà, i giovani migranti che chiedono l'elemosina", precisano i consiglieri M5S in riferimento a quelli che si vedono sempre più numerosi davanti ai supermercati e ai centri commerciali di Alghero, "non siano fra quelli ospitati nella struttura di accoglienza sita ad Alghero, bensì siano ospiti di altre strutture in comuni limitrofi".

A Sassari e a Porto Torres, infatti, è stato vietato con un'ordinanza l'accattonaggio molesto e questo spiegherebbe lo spostamento dei migranti verso altre località per chidere l'elemosina.

"Chiediamo all'amministrazione di accertare in primis le motivazioni che inducono i migranti a chiedere la carità per strada", spiegano i due esponenti M5S. "Le persone bisognose possono ricevere aiuto dal comune, dalla Caritas, dalle Associazioni di volontariato o dai singoli cittadini che possono donare i loro beni primari, instaurando anche un rapporto umano e di fiducia. Le forme di accattonaggio rischiano, invece, di favorire fenomeni di sfruttamento di minori o disabili, dando adito a comportamenti che limitano la libera fruizione degli spazi pubblici".

Commenti

blackindustry

Mer, 26/04/2017 - 14:45

Il fatto e' che le Leggi gia' in vigore non vengono applicate per i non italiani. Basterebbe applicarle e si risolverebbe tutto d'un colpo. Ma se manca la volonta'...

mariod6

Mer, 26/04/2017 - 19:01

Non è solo Alghero, provate a fare un giro a Bergamo e nella sua periferia. Nei parchi pubblici, con una pioggia torrenziale, un magrebino in bicicletta e berrettino gira nel parco attorno ai gazebo dove si rifugiano i ragazzi delle scuole aspettando che qualcuno lo chiami per vendergli la droga. La polizia è ferma al semaforo vicino e fa finta di non vedere la donna straniera con un cartello con cui chiede la carità e che passa tutte le macchine ferme. In tre o quattro le danno una moneta e lei sorride. per forza, ogni giorno fa dai 50 ai 100 euro, in nero e senza pagare una lira di tasse e contributi. Io per portare a casa 50 euro al giorno ne pago altrettanti di tasse e contributi. Chi è il pezzente ?? Istituzioni assetate di denaro dai contribuenti ma incapaci di proteggere gli italiani !!! Che schifo !!!