Migranti, spuntano gli scafisti greci e italiani

Secondo la Dia, la rotta dell'Adriatico è battuta da scafisti georgiani, turchi, ucraini e adesso anche da greci e italiani attratti dagli alti guadagni

Gli europei si scoprono scafisti. Trafficare in vite umane è un affare che fa gola a tanti. E se la rotta mediterranea, quella tra il Nord Africa e la Sicilia continua a rimanere sotto i riflettori, importanti scoperte arrivano, invece, dalla rotta balcanica.

Su questo (lucroso) fronte, sono sempre di più gli europei che, ingolositi dai facili e importanti guadagni, si reinventano scafisti. Secondo l’analisi del fenomeno che fa la Dia sulla seconda parte dello scorso anno, risultano coinvolti nell’affare addirittura greci e italiani.

Questi vanno ad affiancare i gruppi dell’Est, per lo più ucraini e georgiani, che da qualche anno hanno iniziato a battere la pista dell’Adriatico e dei paesi dei Balcani.

“L’elevata remuneratività del settore induce molti soggetti, anche di origine comunitaria, ad inserirsi nella gestione dei flussi migratori. Non di rado – si legge nel documento redatto dalla direzione investigativa antimafia - accanto agli immigrati clandestini vengono fermati georgiani, ucraini, turchi, greci e italiani (prevalentemente salentini del Leccese o del Brindisino) che partecipano alle attività delle organizzazioni come scafisti”.

Non c’è solo la rotta marittima, ma pure le tratte terrestri interessano gli investigatori: “Oltre che presso quelle meridionali marittime, rimane costante il flusso di migranti anche attraverso le frontiere terrestri, liguri e friulane, fenomeno che sembra sottendere, allo stesso modo, l’interesse di più organizzazioni criminali strutturate”. E a tal proposito, il riferimento è a un’indagine dei Ros di Udine che, nell’agosto dello scorso anno, notificarono un’ordinanza di custodia cautelare diretta a quattro cittadini del Pakistan (due dei quali sarebbero tuttora latitanti) accusati di far parte di un’associazione internazionale dedita proprio al traffico internazionale di clandestini.

Per i migranti è un destino triste. Se è vero che, secondo la Dia, la stragrande maggioranza di loro sogna di lasciar subito l’Italia, accade però che “la conseguente dispersione dei migranti sul territorio e il successivo passaggio alla condizione di clandestinità avrebbero accentuato il rischio di una loro cooptazione nei circuiti delinquenziali, compreso quello del caporalato”. Insomma, destinati a una vita da manovali del crimine e dell'illegalità.

Commenti
Ritratto di makko55

makko55

Gio, 27/07/2017 - 13:09

Nuove professioni......... colpa dei voucher .....

Ritratto di Turzo

Turzo

Gio, 27/07/2017 - 13:26

Se gli scafisti pagano le tasse allora è tutto ok, non vedo cosa ci sia di male, Vero komunisti?

risorgimento2015

Gio, 27/07/2017 - 13:32

E` il tanto famigerato FRONTEX dove`?? Ripristinare subito le frontiere nazionali con guardie di fontiera col moschetto /mitra spianato.

Santippe

Gio, 27/07/2017 - 14:17

C'era da aspettarselo. L'immigrazione alla carlona si sta rivelando un potente volano per l'incremento della criminalità a livello internazionale.

il sorpasso

Gio, 27/07/2017 - 14:20

Scommetto che sono del PD ah ah ah

Ritratto di nando49

nando49

Gio, 27/07/2017 - 14:25

Ci vuole un piano di assoluta severità per bloccare quello che ormai è un business. Ma fino a che saremo governati da PD e compagni non cambierà nulla, anzi continuerà l'invasione e continueranno a far soldi i falsi moralisti.

nerinaneri

Gio, 27/07/2017 - 17:04

...ci sono troppi pensionati...

Anonimo (non verificato)

alkhuwarizmi

Gio, 27/07/2017 - 19:10

Se si tratta di un'attività illegale che consente facili guadagni, ovviamente dietro a tutto questo fenomeno c'è qualcuno che paga, e paga bene. A chi conviene, tanto da essere disposto a spendere a piene mani? E perché? Non ci si chiede mai chi possano essere i finanziatori e quali i lori scopi. Soros? solo lui?

Cheyenne

Gio, 27/07/2017 - 20:02

tutti votanti pd e tsipras

Marcello.508

Ven, 28/07/2017 - 00:11

nerinaneri 27/07/2017 - 17:04 - Si, pensionati "esodati" fuori dall'Italia..

Ritratto di mina2612

mina2612

Ven, 28/07/2017 - 05:59

Occorrono nuove risorse umane per pagarci le pensioni.

teo44

Ven, 28/07/2017 - 06:29

magari hanno delle imbarcazioni una partita iva e scaricano le spese del carburante e le riparazioni sarebbe da ammazzarsi dalle risate ma ormai in italia di cosa vuoi stupirti ancora

nerinaneri

Ven, 28/07/2017 - 09:34

Marcello.508: facciamogli fare 3000 volte le rotonde...

Marcello.508

Ven, 28/07/2017 - 11:11

nerinaneri- anche le quadrate..