Milano, decine di immigrati occupano uno stabile. E il parroco li denuncia

Il parroco della chiesa di Villa San Giovanni, poco lontano dal luogo dove è stato ucciso l'attentatore di Berlino, denuncia l'occupazione abusiva degli immigrati: "Clandestini e senza controllo"

Decine di maghrebini e africani da alcune settimane occupano abusivamente l’ex sede della ditta grafica De Marco di via Fortezza, in zona Villa San Giovanni, a Milano. Lo stabile si trova a poca distanza da dove, la scorsa settimana, due agenti della polizia hanno ucciso in uno scontro a fuoco Anis Amri, l’attentatore di Berlino. Forse anche per questo, padre Francesco Inversini, parroco della chiesa del Cristo Re, si è deciso a recarsi, martedì scorso, con alcuni parrocchiani, al commissariato Greco-Turro, per denunciare i migranti alle forze dell’ordine.

La goccia che ha fatto traboccare il vaso, secondo quanto riporta il quotidiano Repubblica, sarebbe stata la scoperta, da parte del sacerdote, delle cassette delle offerte della chiesa forzate da ignoti. “La gente è preoccupata perché non sa darsi ragione di quanto avviene”, scrive padre Inversini nella lettera-denuncia pubblicata da Repubblica, "e anche perché dubita che gli occupanti siano persone clandestine, senza alcun controllo e lasciati liberi di agire a piacimento”. “Gli avvenimenti recenti creano sospetti ed inquietudine nella popolazione”, scrive ancora il sacerdote, riferendosi alla sparatoria in cui, poco lontano dalla parrocchia, è rimasto ucciso l’attentatore tunisino che lo scorso 19 dicembre si è lanciato con un tir su un mercatino di Natale in centro a Berlino. Lo stabile occupato abusivamente dai migranti, ricorda ancora il parroco nella lettera depositata al commissariato, si trova proprio dinanzi ai locali della parrocchia e all’oratorio. Per questo, il parroco della chiesa del Cristo Re, ha ritenuto opportuno “segnalare e sollecitare un intervento delle autorità competenti per chiarire e sanare una situazione che può diventare incontrollata e potenzialmente generare reazioni incontrollabili”.

Padre Inversini, in realtà, si è fatto portavoce dei molti cittadini del quartiere che chiedono maggiore sicurezza e rispetto della legalità. Alcuni di loro hanno anche accompagnato il parroco al commissariato. Il commissariato Greco-Turro, del resto, era già intervenuto nello stabile occupato dai migranti nordafricani. A maggio scorso, infatti, ricorda il sacerdote nella denuncia, “c’era già stata una segnalazione per atti vandalici, abitazione abusiva e furti”. “Purtroppo, da una quindicina di giorni a questa parte il problema si è ripresentato in forma molto più preoccupante: decine di magrebini e africani si sono introdotti nella palazzina suscitando la preoccupazione degli abitanti del quartiere", denuncia Silvia Sardone, consigliere comunale di Forza Italia, che ha portato la protesta del quartiere all'attenzione di Palazzo Marino. "A lasciare stupiti, oltre al numero elevato di persone è la sfacciataggine con cui si comportano, arrivando a presentarsi nei bar come i nuovi vicini di casa, o scaricando materiale da dei furgoni come se stessero entrando in casa loro”, ha proseguito la Sardone, che ha denunciato come i migranti abbiano “forzato la porta dell'ingresso principale”. “Uno di loro si atteggia a custode indirizzando i nuovi venuti verso gli uffici dove prendere alloggio”, continua il consigliere di Forza Italia, denunciando il fatto come una “vera e propria invasione che ha gettato nello sconforto la comunità locale, preoccupata per il comportamento strafottente dei nuovi arrivati dei quali nessuno conosce identità, precedenti e intenzioni”.

Commenti

mariod6

Ven, 30/12/2016 - 15:23

Sono tutti parassiti da cacciare via a pedate. Se lo Stato (in questo caso Palazzo Marino - sic !! - che se ne fregherà bellamente) non interviene prima o poi ci penseranno i cittadini, e allora saranno guai.

Albius50

Ven, 30/12/2016 - 15:42

Se le cercata il clero cattolico con il loro buonismo.

Ritratto di aresfin

aresfin

Ven, 30/12/2016 - 15:52

Padre Inversini Papa subito, altro che franceschiello che non sa e non capisce una mazza.

Ritratto di mariosirio

mariosirio

Ven, 30/12/2016 - 16:13

E qui ci vuole una riforma edile che imponga una licenza a tempo. Quando il proprietario lascia lo stabile deve riconvertirlo o abbatterlo. Mica possiamo tenerci ogni genere di rudere, svaluta il patrimonio di tutti, limita il rinnovamento e da adito disordini come questi.

Ritratto di hernando45

hernando45

Ven, 30/12/2016 - 16:15

Se continuano ad andarne a TRAGHETTARE migliaia al giorno, da qualche parte poi devono metterli e quindi episodi come questo sono destinati a moltiplicarsi in tutto il paese, FERMATELI (MIAMOLI) alle prossime elezioni altrimenti saremo (rete) PERSIIII!!!!

Keplero17

Ven, 30/12/2016 - 16:48

Accoglienza, lo dice sempre il Papa, e anche il sacerdote deve accettare i furti nelle cassette. O no?

gneo58

Ven, 30/12/2016 - 16:51

per mariosirio - esatto

lavieenrose

Ven, 30/12/2016 - 17:10

Non avrei mai pensato di peensarlo in vita mia, ma a questo mi hanno ridotto i fatti attuali: quattro calci nel sedere da parte dei parrocchiani con un bel bastone in mano nel caso non capissero. La carità cristiana è anche questa

maurizio50

Ven, 30/12/2016 - 17:11

Ecco i risultati dei governi degli intelligentoni di sinistra, (Renzie) associati al partito dei cerca sedie (Alfano).Fossi il prete segnalerei il fatto al suo comandante in capo che definisce i selvaggi "doni del Signore "!!!!!

MgK457

Ven, 30/12/2016 - 17:29

Finalmente un prete serio, i clandestini vanno denunciati e cacciati , te capì Bergoglio??? Non sono profughi che scappano da guerre!!!

Fermantiport

Ven, 30/12/2016 - 17:38

Ed ora cosa si inventerà in nostro Arcivescovo dimissionario? Visto che si fa vanto di andare presso le Parrocchie della Diocesi, vada (senza preavviso e pre-visita di collaboratori zelanti che dicono cosa si deve dire), vada ed incontri senza "filtri" i Cittadini/Fedeli della zona. Senta dalle loro voci cosa ne pensano del "meticciato" (è proprio brutta anche la parola) e dell'integrazione a senso unico. Forse capirebbe quale frattura si è creata tra i Cttadini/Fedeli e, quello che una volta si definiva, l'alto clero. E capirebbe quanto grande è stato, purtroppo, il suo contributo a questa situazione negativa.

piazzapulita52

Ven, 30/12/2016 - 17:42

Caro Inversini! Questo è il risultato di chi, come te e la tua chiesa, ha fatto propaganda per farci invadere dai clandestini! Anche per voi ormai è troppo e ne pagherete le tristi conseguenze! Siete complici della rovina di'Italia.

Ritratto di nando49

nando49

Ven, 30/12/2016 - 18:17

In Italia se gli extracomunitari o i rom occupano una casa c'è bisogno di una denuncia che il più delle volte non produce effetti. Se un italiano che ha perso il lavoro occupa un appartamento arriva subito la polizia per farlo sgomberare. È la politica del PD !

Fjr

Ven, 30/12/2016 - 18:22

Come minimo si prenderà del fasciocattolico, comunque bravo al Padre Inversini

ilbelga

Ven, 30/12/2016 - 18:39

milanesi, votate a sinistra no e allora teneteveli. mi dispiace solo per chi non ha votato i sinistrati...non si meritano questa gentaglia.

timoty martin

Ven, 30/12/2016 - 18:44

Finalmente un parroco intelligente, altro che.... sono tutti fratelli

Yossi0

Ven, 30/12/2016 - 18:52

non ci credo questo reazionrio sarà scomunicato

Ritratto di navigatore

navigatore

Ven, 30/12/2016 - 18:53

caro Parrocom con questa tua azione hai fatto incvxxxare la BOLDRINI e FRANCESCHIELLO e mo so cxxxi ,aspettati di tutto e di piu´, non dovevi agire in tal modo contro ordini superiori anche se a danno dei tuoi parrocchiani (italiani seri ed onesti )

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Sab, 31/12/2016 - 01:24

Ma non sarebbe ora di farla finita con queste storie? Tutti i giorni fatti di questo genere, che di civile non hanno nulla. Bravi governanti, di male in peggio.

istituto

Sab, 31/12/2016 - 07:36

Gazzettino Padano Radio 1 Rai ore 07:15 di questa mattina. Un abitante del quartiere di Villa San Giovanni intervistato alla Radio e proprietario di un negozio è stato contattato da un ragazzo (una preziosa "risorsa" Boldriniana diversamente bianca) e gli è stato richiesto il permesso di poter dormire nel suo negozio la notte perché altrimenti non sapeva dove andare a passare la notte. Siamo arrivati a questo. Poi ci chiederanno di passare le notti a casa nostra. Detto questo, lo ribadisco un'altra volta , dico che dobbiamo andare a votare alle prossime ELEZIONI in MASSA , COMPATTI e possibilmente per la DESTRA visto che FI sull'immigrazione non batte più un colpo da diverso tempo. Vediamo se mi pubblicate il post,vediamo.

pensaepoiagisci

Sab, 31/12/2016 - 08:08

E' UN DRAMMA PER NOI ITALIANI..E BASTA ! E NON CI SARA' SOLUZIONE..ANDRA' SEMPRE PEGGIO..CE LI TROVEREMO IN CASA..VEDRETE !

routier

Sab, 31/12/2016 - 12:52

x istituto 7,36 Concordo su tutto. Per ora ci chiedono ospitalità nei negozi, poi ci chiederanno i nostri letti ed infine arriveremo alla richiesta dello: "ius primae noctis". AUGURI E FIGLI MASCHI!