Milano, falsa cieca per 25 anni: percepiva l'assegno di invalidità

La donna, di 71 anni, ha finto la cecità assoluta per un quarto di secolo, incassando più di centomila euro

È stata denunciata dai finanzieri di Milano la donna di 71 anni che da 25 incassava mensilmente l'assegno di invalidità totale, a causa di quella che sulla carta era riportata come "cecità assoluta". Le indagini, svolte dal gruppo di Milano e coordinata dalla Procura del capoluogo lombardo, hanno consentito di individuare la finta invalidità e di porre sotto sequestro preventivo l'equivalente delle somme indebitamente percepite, per un totale di 124 mila euro.

A quanto si apprende, la guardia di finanza ha seguito per diversi giorni gli spostamenti di A.R. - queste le iniziali della donna -, notificando come non avesse nessun problema di cecità: prendeva i mezzi pubblici, faceva la spesa e girava per negozi senza l'ausilio di bastone o di cane guida, con disinvoltura. La donna è proprietaria di un patrimonio da mezzo milione di euro, ma pare che nonostante questo percepisse ugualmente l'assegno di invalidità.

 

 

Commenti

piedilucy

Ven, 28/03/2014 - 16:12

vorrei di grazia sapere nome e cognome di questa falsa cieca, come pubblicate i nomi e cognomi dei ladri che vengono presi o degli assassini altrimenti sorge il dubbio che siano solo fandonie come al solito per poter giustificare il fatto REALE che l'inps non da nemmeno la pensione d'invalidità a chi è veramente invalido...ma certo bisogna avere conoscenze ....

Ritratto di semovente

semovente

Ven, 28/03/2014 - 16:37

Tutto il mondo è paese.

Ritratto di franco-a-trier_DE

franco-a-trier_DE

Ven, 28/03/2014 - 18:00

semovente non tutto il mondo qui in Germania questi furti non succedono forse a banche ma non questi.

lucianissimo

Ven, 11/04/2014 - 01:08

Ma questi giudici assatanati solo contro una persona, perchè invece non mandano in galera a vita tutti i membri del collegio medico e il medico curante che ha attestato l'invalidità della falsa cieca? Sarebbe gradito il commento di un magistrato, se non diversamente impegnato. Non si sente mai dire che i medici che hanno certificato le false invalidità sono stati condannati. Eh, no, poverini... La giustizia ha un solo, unico pensiero. Indovinate quale.