Milano, fiamme al rifugio dei clochard: 10 persone indagate

Il gesto sarebbe nato da un sentimento di esasperazione per le condizioni di degrado dello stabile e per alcuni episodi di microcriminalità cui è stata data responsabilirtà agli occupanti del dormitorio

Portando con loro diverse taniche di benzina si sono introdotti in uno stabile abbandonato, usato come dormitorio da alcuni extracomunitari a Milano, e hanno dato fuoco ai vestiti e agli effetti personali dei clochard.

Dieci persone sono indagate perchè sospettate di aver partecipato alla spedizione in via Adriano, angolo via Mulas, il 4 settembre. Gli investigatori della Digos di Milano hanno constatato che lo stabile era vuoto quando è stata organizzata l'operazione, avvenuta in pieno giorno.

Le testimonianze di alcuni cittadini e le immagini estrapolate dalle telecamere municipali hanno permesso di appurare che, in quel giorno, un gruppo di dieci individui si è introdotto, in pieno giorno, nello stabile, portando al seguito taniche di benzina e artifizi pirotecnici, alcuni fatti esplodere, altri rinvenuti sul posto.

Le indagini hanno portato all'individuazione di sei persone, tutte residenti nella zona: nei confronti di questi sono stati emessi i decreti di perquisizione, durante la cui esecuzione si è poi risaliti ai quattro individui mancanti, subito sottoposti anche loro a perquisizione. Come ammesso dagli stessi indagati, il gesto sarebbe nato da un sentimento di risentimento ed esasperazione per le condizioni di degrado dello stabile e per alcuni episodi di microcriminalità cui è stata data responsabilirtà agli occupanti del dormitorio: scippi, atti di vandalismo non sempre denunciati.

Alcuni membri del gruppo avrebbero quindi deciso di dare una lezione ai clochard bruciandone i pagliericci e gli effetti personali, e avrebbero coinvolto altri conoscenti. Tra gli indagati, ci sono due dipendenti e alcuni clienti di un bar della zona.

Commenti
Ritratto di elkid

elkid

Ven, 28/10/2016 - 13:50

-----sti casapoundini son proprio dei leoni--

Ritratto di Lissa

Lissa

Ven, 28/10/2016 - 14:25

------sti centri delinquenziali son proprio delle pecorelle---