Minacciò di morte il Giornale, islamista espulso da Alfano fa ricorso per tornare in Italia

Oussama Kachia, l'operaio marocchino residente nel Varesotto, era stato espulso per le sue posizioni a favore del jihadismo radicale. Ora fa ricorso al Tar: vuole tornare in Italia

Ricordate la storia di Oussama Kachia, il trentenne marocchino residente nel Varesotto espulso da Alfano per le dichiarazioni su Facebook a favore dell'Isis e dell'estremismo più radicale?

Un islamista, definito dal Viminale un intollerante religioso vicino al jihadismo militante. Tra le altre cose, arrivò a scrivere minacce rivolte al Giornale: "Siete degli zombie che camminano, vermi, squallidi, spregevoli, codardi". Parole che mettono i brividi. Frasi che ci riportano ad anni bui, che nessuno vorrebbe rivivere.

Ora, come riporta il sito VareseNews e come già anticipato da ilGiornale, Kachia presenta ricorso contro quella espulsione. Lui si trova in Marocco, ma l'avvocato milanese Michele Spadaro ha fatto ricorso al Tar del Lazio al posto suo. La richiesta è quella di annullare l'espulsione che lo dovrebbe tenere lontano dal nostro Paese per dieci anni.

Come scrive il sito di notizie varesino, il ricorso attacca la decisione del Viminale di espellere un cittadino regolarmente residente in Italia in assenza di una condanna del tribunale. Il legale di Kachia contesta alle autorità italiane un provvedimento che sarebbe stato preso "solo sulla base di alcune segnalazioni fatte da internauti che non condividevano le idee del marocchino" in merito ad alcune questioni di geopolitica internazionale.

L'avvocato Spadaro contesterebbe poi il fatto che "mai il Khachia ha moralmente condiviso le azioni terroristiche" e insinua che l'espulsione, se il ricorso non dovesse venire accolto, stabilirebbe un pericoloso precedente, uno "strumento formidabile per sanzionare qualunque straniero, anche per puro capriccio, senza doverne rendere conto, e soprattutto appropriandosi del potere giudiziario nell’impartire la sanzione."

Se il ricorso dovesse venire accolto, Kachia potrebbe fare ritorno in Italia. A meno che la prefettura non impugni il ricorso, rendendo necessario un nuovo pronunciamento dei magistrati.

Commenti

piertrim

Gio, 23/04/2015 - 19:13

Con quali soldi paga il ricorso e quante tasse ha pagato in Italia?

eternoamore

Gio, 23/04/2015 - 20:52

ATTACCATELO DALLE PALLE AD UN ALBERO. QUESTA MERDA CHE PUZZA INSIEME A QUELLI CHE LA PENSANO COME LUI

Ritratto di Runasimi

Runasimi

Ven, 24/04/2015 - 00:28

Vuoi vedere che qualche giudice trinariciuto lo fa tornare di nuovo ad insultarci e minacciare i nostri giornalisti? Ormai da come si è ridotta una certa parte della magistratura DOBBIAMO ASPETTARCI DI TUTTO. Hanno sostituito le leggi con un vomitevole sociologismo sinistroide. NON GIUDICANO PIÙ NEL NOME DEL POPOLO ITALIANO MA IN QUELLO DEL PD.

marco46

Ven, 24/04/2015 - 00:31

se mai dovesse rientrare i nel nostro paese va sterilizzato subito assieme a chi pronuncerà la sentenza di rientro.

Giorgiopin

Ven, 24/04/2015 - 06:23

Per quanto mi riguarda puô marcire in Marocco!!!

emigrante

Ven, 24/04/2015 - 07:36

Riammetterlo in Italia? Ecchec...Kachia!

NON RASSEGNATO

Ven, 24/04/2015 - 07:41

Non solo caleranno le brache, ma gli pagheranno anche i danni.

elalca

Ven, 24/04/2015 - 08:21

complimenti avvocato! è bello sapere che c'è gente come lei in italia

giovauriem

Ven, 24/04/2015 - 08:22

il buon t.a.r. lo farà rientrare in pompa magna e a nostre spese , in qualla specie di tribunale , non ne fanno una questione di giustizia e verità ma questione di ieologia .

scarface

Ven, 24/04/2015 - 08:32

Che provi a rientrare in Italia...

buri

Ven, 24/04/2015 - 10:56

per prima cosa respingere il ricorso, "risorse" come quel tizio ne abbiamo anche troppo, che rimanga a casa sua se vuole continuare a minacciare di morte i cittafini italiani, e poi fateci sapere il nome dell'avvocato patrocinante, di modo che potremo evitarlo e che nessuno si metta in testa di nominare un legale d'ufficio per una causa del gebere

michele lascaro

Ven, 24/04/2015 - 11:46

Sono sicurissimo, al 1000%100, che il ricorso del lestofante sarà accettato, con la Casta che abbiamo!