Modena, nigeriano armato di coltello crea il panico tra i passanti

Il facinoroso è stato denunciato per porto di oggetti atti ad offendere e resistenza a pubblico ufficiale. Non è andata meglio all’amico e connazionale che faceva da paciere: sprovvisto di permesso di soggiorno, è stato segnalato

Grazie alle segnalazioni di alcuni residenti del quartiere Musicisti di Modena è stato possibile mettere fine alla follìa di uno straniero che, armato, stava seminando il panico tra i passanti.

Una volante della polizia di Stato è pertanto giunta in via Crespellani intorno alle 16, con lo scopo di riportare l’ordine. Gli agenti si sono ritrovati dinanzi ad una scena che vedeva protagonisti due africani, che urlavano in mezzo alla strada. Il primo, con solo un paio di mutande indosso, brandiva in mano un coltello da cucina con lama lunga 34 centimetri, mentre il secondo gridava contro di lui tentando in ogni modo di disarmarlo e di placare la sua ira.

Visto che non pareva esistere un modo per riportare l’extracomunitario a più miti consigli, i poliziotti si sono trovati davanti alla necessità di intervenire. L’uomo tuttavia, per nulla intenzionato a collaborare, si è immediatamente rivoltato contro gli agenti che tentavano di bloccarlo, aggredendoli. Dato che il facinoroso era armato, per evitare rischi di qualunque tipo, è stato utilizzato lo spray al peperoncino in dotazione. Per fortuna nessuno è rimasto ferito dalla affilatissima arma da taglio, poi sottoposta a sequestro.

Al momento dell’identificazione lo straniero, un 30enne di nazionalità nigeriana, ha rivelato agli agenti di aver agito in modo così scomposto a causa del trauma subìto per la notizia della morte del fratello. Ai suoi danni le denunce per porto di oggetti atti ad offendere e resistenza a pubblico ufficiale.

All’amico di quest’ultimo, nigeriano di 37 anni, non è comunque andata meglio, pur essendo intervenuto solo nel tentativo di placare i bollenti spiriti del connazionale. Trovato sprovvisto di regolare permesso di soggiorno, l’uomo è finito negli uffici della questura di Modena ed è scattata per lui una denuncia.

Commenti
Ritratto di Leonida55

Leonida55

Mar, 09/10/2018 - 18:28

Quanta gente raffinata ci hanno portato i comunsiti. Perchè loro non li accolgono in casa propria?

venco

Mar, 09/10/2018 - 18:30

L'Italia è aperta a tutti i criminali del mondo, e per tanti di noi questi sono (presunti) profughi

Una-mattina-mi-...

Mar, 09/10/2018 - 18:36

COLPA SICURAMENTE DEL FASCISMO: COME CONTROMOSSA TOGLIEREI QUALCHE RESIDUA CITTADINANZA AL DUCE

VittorioMar

Mar, 09/10/2018 - 18:39

..sono quasi tutti PSICOLABILI secondo il nostro modo di intenderlo !!!

leserin

Mar, 09/10/2018 - 18:53

Prrò che strano: sprovvisti di permesso di soggiorno, di denaro, di tutto, tant’è che campano con i nostri soldi, ma un bel coltellaccio per tagliare la gola a chi dà loro fastidio c’è l’hanno tutti e sempre.

maurizio50

Mar, 09/10/2018 - 19:01

Questi australopitechi hanno sempre la scusa buona per giustificare i loro comportamenti da trogloditi:in realtà si comportano per quello che sono; per l'appunto dei trogloditi!!!!!

Ritratto di Raperonzolo Giallo

Raperonzolo Giallo

Mar, 09/10/2018 - 19:22

"Denunciato" e "Segnalato". In mutande in mezzo alla strada che urlava brandendo coltello con lama di 34 CENTIMETRI. "Segnalato". Quando finalmente farà vittime, probabilmente, avrà una condanna con sospensione della pena. Non vogliamo certo essere rassisti con queste prodigiose risorse culturali.

Giorgio5819

Mar, 09/10/2018 - 20:02

segnalato... denunciato... in attesa che sgozzi qualche italiana, che ammazzi qualche innocente... Per ora ha il lasciapassare comunista per circolare e delinquere ! SVEGLIAMOCI !!