La moglie di Dell'Utri: "Nessuno vuole assumersi la responsabilità. Vogliono farlo morire in carcere"

iIranda Ratti, moglie dell'ex senatore Dell'Utri: "È una vergogna, chiediamo solo che possa farsi curare in una struttura adeguata"

Il caso Marcello Dell'Utri continua a restare in sospeso, quasi che nessuno volesse farsene carico. Stiamo parlando dell'istanza di scarcerazione avanzata dai legali dell'ex senatore, per gravi motivi di salute. La decisione è stata rinviata perché la procura generale di Palermo ha sollevato il conflitto di attribuzione. Una vera e propria guerra tra pm, combattuta sulla pelle di un uomo. Prima di tutto, quindi, è necessario stabilire in modo certo chi debba decidere. La moglie di Dell'Utri, Miranda Ratti, è profondamente triste e delusa per quanto sta accadendo. Intervistata dal quotidiano Il Tempo la signora si dice esausta. "Sono esausta, queste cose sono vergognose. Non capisco se è pura cattiveria per far marcire in carcere una persona, se è vendetta ingiustificata nei confronti di un uomo mite come mio marito, o se addirittura sono giochi di potere fra procure. In ogni caso, è davvero uno schifo".

E prosegue dicendosi convinta che lo vogliano "far morire in carcere". Ma c'è qualcosa, se così si può dire, di ancor più grave. "La cosa agghiacciante è che non c’è una persona che si assuma la giusta responsabilità. Continuano a rimbalzarsi la palla, da un rinvio all’altro, da una sezione di tribunale all’altra, dal tribunale al Dap, dal Dap alla revisione, da Caltanissetta a Palermo, e via dicendo. È una vergogna. E la cosa più vergognosa è che i partiti politici non si occupano della situazione della giustizia. Questa, indipendentemente dal fatto che accada a mio marito o a un’altra persona, è veramente malagiustizia".

Ricordiamo che a dell'Utri è stato diagnosticato un tumore e non ha ancora iniziato alcun tipo di terapia per curarsi dal male. In più soffre di ipertensione, diabete e problemi al cuore. E lo stress derivante dalla carcerazione sicuramente non aiuta il suo organismo. La signora Dell'Utri racconta che suo marito abbattuto perché non sta bene ed è preoccupato. Vuole essere curato. Chiediamo solo di avere il diritto alle cure, il diritto di andare in una struttura dove possa curarsi in modo degno, facendo la radioterapia, i controlli cardiologici, per il glaucoma agli occhi, per l’ipertensione, per il diabete. Vorremo solo questo. Credo sia un diritto di tutti, non stiamo chiedendo la luna, non chiediamo privilegi. Oltretutto mio marito ha già scontato quasi cinque anni, gli manca un anno e mezzo".

Vedremo se qualcuno vorrà accogliere questo disperato appello. Prima che sia troppo tardi.

Commenti

cristiani

Ven, 19/01/2018 - 10:19

dové'la Bonina, i radicali, sono impegnati in altri fronti ? Gente incoerente..

Ritratto di I1-SWL527

I1-SWL527

Ven, 19/01/2018 - 10:35

il dottore c'è anche in carcere purtroppo...

Ritratto di adl

adl

Ven, 19/01/2018 - 10:54

RAZZISMO ANTIITALIANO ISTITUZIONALE. Mentre i jiahdisti non ancora pentiti vanno e vengono allegramente e liberamente nei porti ed aeroporti del paese di Pulcinella, l'integerrimo irreprensibile farlocchismo di stato, non concede le cure a codesto innocuo ed ammalato signore.

Ritratto di I1-SWL527

I1-SWL527

Ven, 19/01/2018 - 10:56

cristiani, perchè i radicali dovrebbero occuparsi di un fuorilegge?

apostata

Ven, 19/01/2018 - 11:00

non è eutanasia è delitto

rebella123

Ven, 19/01/2018 - 11:10

E' ora di finirla con queste manfrine TUTTI I SANTI GIORNI UN ARTICOLO SU QUESTO PERSONAGGIO quando se ne stava beatamente in hotel a 5 stelle godeva di ottima salute vero.Quanti carcerati si trovano nella stessa situazione e nessuno ne parla?BASTA non se ne puo piu

electric

Ven, 19/01/2018 - 11:15

Mattarella, hai una buona occasione di fare una cosa buona nella tua vita.

Ritratto di elkid

elkid

Ven, 19/01/2018 - 11:43

--lo stesso dell'utri--in una intervista ha ammesso di aver sbagliato linea difensiva su tutto il fronte--se si fosse fatto giudicare per tempo--sarebbe finito in gattabuia a 50anni ed ora sarebbe libero già da un pezzo---invece assunse una linea di strafottente tracotanza e di sfida nei confronti dei giudici---riuscendo ad evitare il giudizio per anni facendosi eleggere senatore ed usufruendo dell'ombrello dell'immunità--spernacchiando i giudici nelle interviste--affermando col suo ghigno che la mafia non esiste e che vittorio mangano era un signore--a questo aggiungiamoci anche l'affronto della latitanza in libano che ha esacerbato ancor di più gli animi---ora-è vero che la giustizia debba essere fredda -asettica e tutt'altro che emotiva--ma è anche plausibile che qualcuno stia consumando la sua vendetta--faber est quisque-swag

stevenson46

Ven, 19/01/2018 - 11:52

Appena eletto Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano nel 2006 firmò la grazia a Ovidio Bompressi (gravemente malato, in fin di vita, si disse allora) condannato per l'omicidio del commissario Calabresi, tra l'altro senza informarne la famiglia Calabresi che apprese la notizia dai giornali. Non capisco perché non viene graziato anche Marcello Dell'Utri che oltre a essere gravemente malato è stato condannato non per omicidio ma per un reato che non esiste in nessun altro Paese civile?

Pinozzo

Ven, 19/01/2018 - 12:27

Essendo un criminale condannato dove deve morire se non in carcere?

adal46

Ven, 19/01/2018 - 12:57

Qualche "giusto" dovrà rendere conto doppiamente: di non equità e di abuso di potere.

Ritratto di elkid

elkid

Ven, 19/01/2018 - 13:23

---stevenson non dica corbellerie ---è vero che con un atto rarissimo il presidente della repubblica ha la prerogativa di concedere la grazia "motu proprio"--ma di solito un presidente non lo fa mai quando l'imputato si è macchiato di reati gravi--aspetta saggiamente che la richiesta di grazia gli arrivi dall'imputato medesimo -familiari legali ed affini---i familiari di bompressi si dannarono l'anima a chiedere la grazia--procedura che arrivava al ministro della giustizia dell'epoca castelli -che la stoppava di prammatica---dell'utri non ha nessunissima intenzione di chiedere la grazia perchè egli afferma che una richiesta di grazia è una ammissione implicita di colpevolezza--fa dunque bene mattarella a fare l'indiano---

Garombo

Ven, 19/01/2018 - 14:09

E' giusto che muoia in carcere, andate a rivedervi i suoi reati, poi ne riparliamo.

corivorivo

Ven, 19/01/2018 - 14:21

elkid culoritto trinariciuto, non capisce dov'è il problema. lui va dentro e fuori la galera un mese sì e l'altro pure. è calda, mangi a sbafo e trovi altri culiritti come te con cui "passare" il tempo...

stevenson46

Ven, 19/01/2018 - 14:29

Sig. Elkid, Le ricordo che il sig. Bompressi è stato condannato per omicidio ed è stato graziato nel 2006 dopo una massiccia campagna di stampa che riferiva che Bompressi era in fin di vita. Il sig. Bompressi è vivo e credo in buona salute dato che l'anno scorso è stato condannato per una lite con un vicino. E' vero che la richiesta di grazia equivale a un'ammissione di colpa. Infatti Adriano Sofri, complice di Bompressi nell'omicidio del commissario Calabresi, non ha mai chiesto la grazia sostenendo di essere innocente ma è stato scarcerato lo stesso prima di avere scontato tutta la pena. Credo che le decisioni di certi magistrati siano influenzate dalle loro opinioni politiche. Infine, egregio sig. Elkid, mi sa indicare in quali Paesi esiste il reato di concorso esterno in associazione mafiosa reato per cui è stato condannato Marcello Dell'Utri?

PAOLINA2

Ven, 19/01/2018 - 14:39

Non vedo perche' debba uscire con le nefandezze che ha combinato.

Ritratto di Gigliese

Gigliese

Ven, 19/01/2018 - 15:03

Intanto a Riina con 25 (venticinque) ergastoli i perbenisti si erano commossi per poi mandarlo a casa.

linus

Ven, 19/01/2018 - 15:08

Vero,dove sono i radicali,Bonibo,solo quando fa comodo? Ed Esposito del pd si vergogni delle sue parole.Dell'Utri ha solo chiesto di esser curato adeguatamente.

Cheyenne

Ven, 19/01/2018 - 15:16

MAGISTRATI ASSASSINI

giuseppecorbato47

Ven, 19/01/2018 - 16:11

il carcere perché dice che ce il dott.Ci sono dott. ma nn anno l'occorrente per tumori ne assistenza in ciò, e comunque nn sono attrezzati x cure del tumore perché parlate x parlare? patologie nn compatibili con il regime carcerario e chiaro il concetto ,nn venitemi a dire il perché a commesso il reato ? come per dire può morire dentro cari commentatori del menga, deve scontare la pena nn morire dentro leggete ordinamento carcerario prima di sparare cxxxxxe ,altrimenti vi dovrò auguravi di investire qualcuno poi quando sarete dentro capirete i vostri diritti chiaro

giuseppecorbato47

Ven, 19/01/2018 - 16:12

inoltre nn esiste sul codice penale associazione esterna

PEPPINO255

Ven, 19/01/2018 - 16:44

Quando devono rubare e delinquere stanno tutti bene ?!?