Momenti gourmet tra piste e panorami

Notte chiara a 2.478 m di quota, con la neve che turbina così scomposta da creare un effetto siderale. Il rifugio Luigi Gorza, all'arrivo della funivia di Porta Vescovo (Arabba), sembra galleggiare nello spazio. Complici l'architetto Nerino Meneghello, che gli ha dato eleganti e calde sembianze di nave/astronave, e della sua proprietaria, Manuela Gorza, che ha curato ogni dettaglio della ristrutturazione con particolare attenzione alla cucina. Un self service di alta qualità con area ristorazione-lounge che propone antiche ricette di casa, piatti gluten-free, e il «panino senza» con salumi privi di antibiotici (www.megliosenza.it).

La chicca è il piccolo ristorante Viel dal Pan (da qui passava l'antica «Via del Pane», che collegava le valli dell'Isarco e dell'Agordino) con soli 10 tavoli capitanato dal talentuoso chef Ivan Matarese, dove si può scegliere il menù «… di nuovo sugli sci in 38 minuti», che prevede un benvenuto, zuppa del giorno, tagliatelle al ragù di coniglio e la piccola pasticceria della casa, o deliziarsi con la «carte», mentre intorno svettano la Marmolada e il gruppo del Sella. Da provare il «Mercoledì sotto le stelle»: apertura fino alle 23.30 e menù-degustazione di 6 portate. Già il cestino dei panini ai pinoli e vin brülé, ai pistacchi e al latte, alle patate e al formaggio, accompagnati da fior di burro leggermente affumicato, lascia intendere il livello dell'esperienza che spazia dalla tartare di cervo con uovo poché di quaglia, mela verde, senape e pistacchi, fino al rombo con sedano rapa, mandorle, zenzero e clementine.

E dopo cena, meteo permettendo, si osserva il cielo alle postazioni telescopiche (95 euro a persona, escluse le bevande, inclusi shuttle e funivia). Il gusto prosegue in località Pescoi alla Cesa da Fuoch (cucina in ladino), vicino alla stazione intermedia della telecabina, dove la cucina a vista propone piatti freschi, gustosi e ricchi aperitivi. A disposizione: 11 piste per ogni livello che fanno parte di due tra i più scenografici itinerari alpini sugli sci: il Sella Ronda e lo skitour della Grande Guerra. Info: www.dolomitiportavescovo.it.