Mondragone, 17enne marocchino circondato e pestato con le mazze

Lo straniero ha denunciato di esser stato aggredito brutalmente senza alcuna ragione apparente, versione che convince poco gli inquirenti. Giunto in ospedale con diverse ferite e fratture, è stato operato e ne avrà per 30 giorni

Circondato ed aggredito a bastonate nel pomeriggio di ieri sulla Domitiana, nel territorio di Mondragone (in provincia di Caserta).

È questa la versione fornita da un marocchino di 17 anni, accompagnato da un connazionale al pronto soccorso della clinica Pineta Grande di Mondragone con numerose ferite. Secondo quanto riferito dallo straniero, sarebbe stato un gruppetto composto da 3 italiani armati di mazze a circondarlo senza alcun motivo ed a dare il via ad un vero e proprio pestaggio.

Il giovane è giunto nella struttura con diverse escoriazioni su tutto il corpo ed alcune fratture, tra le quali una scomposta agli arti. Troppo grave la situazione per la clinica, pertanto il marocchino, trasferito d’urgenza all’ospedale Cardarelli di Napoli, è stato sottoposto ad intervento chirurgico. Per lui una prognosi di 30 giorni.

I carabinieri della compagnia di Mondragone, ricevuta la denuncia e raccolte le testimonianze della giovane vittima, tentano di far luce sull’episodio ricostruendo l’intera dinamica. Troppo brutale il pestaggio per pensare che, come riferito dal marocchino, sia stata una violenza del tutto immotivata. Questa versione è risultata poco convincente per gli inquirenti, che cercano pertanto di acquisire nuovi indizi.

Tra le ipotesi proposte, al momento, viene esclusa la pista dell’aggressione a sfondo razziale. Ovviamente il giovane marocchino sarà nuovamente ascoltato dagli investigatori, i quali sperano di poter ottenere qualche dettaglio in più rispetto alla prima deposizione che possa aiutare a far luce sulle indagini.

Commenti

mariod6

Lun, 24/09/2018 - 16:21

Ha probabilmente fregato qualcuno con della droga taroccata o ha cercato di fregargliela. Certo non può dare la colpa ai suoi connazionali, quindi si inventa il gruppo di italiani. Buttarlo fuori dal paese e in fretta. In Marocco non ci sono ne guerre ne fame.