Moratti: "A Forte dei Marmi ho perso la mia pineta"

Moratti affranto per i danni nella città toscana: "Che dolore". Il sindaco: "Sembra esplosa una bomba nucleare"

"Mi hanno mandato delle fotografie, è pazzesco: quello che è successo fa davvero impressione...". Massimo Moratti va a Forte dei Marmi da una vita. Mai si sarebbe aspettato di vedere immagini del genere: la devastazione che la tempesta di vento abbattutasi sull'elegante località delle Versilia, con un migliaio di pini abbattuti, ha disegnato, gli provoca "grande amarezza e dispiacere".

Sono almeno un migliaio i pini e gli alberi caduti al Forte dei Marmi dove, secondo il sindaco Umberto Buratti, in alcune zone la città ha cambiato volto: "Sembra passata un’esplosione nucleare". La tempesta di vento che ha colpito dalla notte tutta la Versilia ha causato una catastrofe al Forte: almeno il 50% degli alberi ha subito danni. Una cosa così non la ricordano neppure i più anziani. "Facciamo le nostre vacanze al Forte - racconta Moratti all'Ansa - da tanti anni, e prima eravamo a Viareggio, quindi non molto lontano". Una cosa del genere non l’ha mai vista. "L'aspetto incredibile - continua - è che il vento pare avere mirato proprio Forte dei Marmi: da quello che so Viareggio non è stata colpita". All’interno della sua proprietà, Moratti ha una pineta. "Iniziammo a tirarla su proprio noi una trentina di anni fa - continua - era bellissima ed ora è crollata quasi tutta. Un dolore, ma c’è anche il desiderio di ricostruire e riportare tutto alla bellezza di prima, come immagino sia nello spirito di tutti coloro che sono a Forte dei Marmi". "È stato come un terremoto - conclude Moratti - il vento si è concentrato sul Forte e non ha mollato fino a che non ha fatto tutti questi guai. Comunque, se riapriranno le strade chiuse per gli alberi caduti, già domani proverò ad andare a controllare di persona i danni".