Morti sul lavoro, allarme Inail: "Aumentate del 16% nel 2015"

L'anno scorso le persone che hanno perso la vita facendo il proprio mestiere sono state 1.172, +16,15 per cento rispetto al periodo gennaio-dicembre 2014, a cui si sommano i 184 infortuni fatali che si sono verificati in Italia dall’inizio dell’anno

Nel 2015 sono state 632.665 le denunce di infortunio sul lavoro pervenute all'Inail, con una flessione del 3,9% rispetto alle 658.514 dell'anno precedente. Il dato è in linea col costante andamento positivo registrato nel Paese negli ultimi anni che, nel solo quinquennio 2010-2014, ha visto una contrazione complessiva delle denunce pari al 23,9%. In controtendenza risultano, invece, le denunce di infortunio con esito mortale del 2015: gli Open data Inail evidenziano, infatti, un aumento di oltre il 16% dei casi rispetto al 2014 (1.172 a fronte dei precedenti 1.009). Il dato, certamente preoccupante, interrompe un andamento comunque positivo, che, sempre nel periodo di riferimento 2010-2014, ha registrato una flessione del 24,21%.

L'Inail precisa in una nota che i dati del 2015 si riferiscono a denunce oggetto di procedimenti istruttori ancora in corso e, dunque, da considerare di carattere provvisorio. Soltanto, infatti, in esito a tale attività istruttoria sarà possibile accertare quali e quanti di questi casi debbano essere ricondotti a cause di lavoro. Per il 2016 le ultime rilevazioni disponibili in Open data Inail registrano che, nel periodo compreso tra il 1° gennaio e il 31 marzo, le denunce di infortunio - compresi i casi mortali - sono state 152.573, con una riduzione dello 0,8% rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente. Le denunce di infortunio con esito mortale sono state 176, con un calo del 14,6% rispetto all'analogo periodo del 2015. Anche per le rilevazioni del primo trimestre 2016 l'Inail sottolinea che si tratta di dati provvisori.

Si ricorda che l'interpretazione nei confronti dei dati di periodo richiede cautele. I dati sono stati diffusi in occasione del 1° maggio, Festa del Lavoro, e della tradizionale cerimonia di celebrazione alla presenza del Presidente della Repubblica presso la sede della direzione generale di piazzale Giulio Pastore, a Roma. L'Inail ribadisce il proprio impegno per l'efficace tutela della salute e della sicurezza dei lavoratori e per la diffusione e promozione della cultura della prevenzione. Solo in termini di risorse economiche dedicate ai finanziamenti per il miglioramento degli ambienti di lavoro, l'Inail ha investito più di un miliardo e 300 milioni negli ultimi cinque anni. Il sistema di finanziamenti prosegue nel 2016, anche con iniziative speciali per settori a maggior rischio. A cominciare dalla bonifica dell'amianto, inserito nel bando ISI di dicembre 2015, cui sono stati destinati 83 milioni di euro. All'innovazione tecnologica in agricoltura sarà dedicato, invece, entro l'anno un bando di finanziamento per 45 milioni di euro

Commenti
Ritratto di stenos

stenos

Sab, 30/04/2016 - 14:29

Cominciano a dare i primi frutti le politiche dei governi tecnici non eletti a maggioranza pd.

linoalo1

Sab, 30/04/2016 - 17:06

Morti aumentate??Però non viene detto dove sono successi i fatti e nemmeno la provenienza degli sfortunati!!

rossini

Sab, 30/04/2016 - 19:11

Certo che i comunisti al governo fanno miracoli in favore di pensionati e lavoratori. La vita media si sta abbassando. Gli infortuni sul lavoro stanno aumentando. E la gente con l'anello al naso continua a votare per il PD.