È morto Nando Orfei, il padre del circo

Si è spento a Milano a 80 anni. Nella sua lunga carriera aveva anche recitato con Fellini

È morto a Milano Nando Orfei, capostipite della cultura circense in Italia. Aveva 80 anni e si è spento all'ospedale San Raffaele dopo una lunga malattia. A dare la notizia sono stati i familiari: la moglie Anita Gambarutti e i figli Ambra, Gioia e Paride.

Ferdinando Orfei era nato a Portamaggiore, in provincia di Ferrara, il 29 luglio 1934. Faceva parte della nota famiglia circense degli Orfei. Fin da piccolo si era interessato alla recitazione ed aveva iniziato a calcare le scene come comico, domatore, giocoliere e clown negli spettacoli della famiglia. 

Recitò in due pellicole di Federico Fellini: nel 1971 nel film "I Clowns". Nel 1973 intepretò il ruolo dello zio della protagonista in "Amarcord". Aveva esordito sul grande schermo nel 1966 con il regista Sergio Bergonzelli, in "MMM 83 - Missione morte molo 83". La sua ultima esperienza nel cinema risale al 1979, con una parte nel film "L'ingorgo" di Luigi Comencini. Poi Orfei abbandonò si dedicò completamente al teatro e al circo.

Il mondo del circo è in lutto e il suo circo in particolare, che in questi giorni si trova a Modena, ha interrotto l’attività: poi, come ha spiegato un portavoce, riprenderà regolarmente venerdì, "come era il suo volere".

Fino a quando ha potuto, Nandino, come veniva chiamato da tutti, è andato in giro con la compagnia. Dopo un inizio, da giovanissimo, come giocoliere abilissimo, era passato nella gabbia dei leoni e delle tigri, come domatore. Da tempo aveva smesso, ma, fino a quando la malattia glielo ha permesso, entrava in scena nel finale dello spettacolo a ogni serata per salutare il pubblico, indossando l’immancabile giacca bordeaux. Con le produzioni "Circo Rama" e "Circo delle mille e una notte" era diventato famosissimo, così come tutta la famiglia Orfei.

Appassionato del circo e della sua vita, Nando Orfei è definito da chi ha lavorato con lui una "persona dolcissima, una persona favolosa".

"Il circo è e sarà sempre il più grande spettacolo del mondo" era la sua frase e, tra le ultime volontà espresse c’è quella cult del mondo dello spettacolo: qualsiasi cosa accada, "the show must go on".

Commenti

pastello

Mar, 07/10/2014 - 19:53

Mi spiace.

giovanni951

Mar, 07/10/2014 - 20:23

RIP per Nando ma spero che sia l'inizio della fine per il circo. Almeno quello con gli animali.

venessia

Mar, 07/10/2014 - 21:29

ciao. sig.re Ferdinando Orfei

Ritratto di marforio

marforio

Mar, 07/10/2014 - 21:53

Altro testimone del dopoguerra ci lascia . R.I.P.

Ritratto di CaptainHaddock

CaptainHaddock

Mar, 07/10/2014 - 22:39

Siamo nel 2014 e si parla ancora di circo? Ma chiudeteli tutti, con quello che costano di sovvenzioni statali! (paga pantalone)

Ritratto di Sarudy

Sarudy

Mar, 07/10/2014 - 22:49

che tristezza !! anche i circensi muoiono. lunga vita agli Orfei

angelomaria

Mar, 07/10/2014 - 23:57

E CON LUI UNA LUNGA TRADIZIONE RIPOSA IN PACE TU CHE HAI DATO TANTA FEKICITA AI TANTI BAMBINI NEL MONDO ENONSOLOCIRCENSI CHE PER SECOLICHI HANNO PORTATO I LORO SPETTACOLI A TUTTI MA TUTTI RIMANGONO SCUOLE ACCADEMIE CREDO MA QUELLO CHE LUI HA LASCIATO PURTOPPO SARA'UN'ERDITA PERDUTA CHI NO HA UNA FOTO DI BAMBINO/A CON UNA SCIMMIETTA LEONCINO TIGRETTINA IN BRACCIO OIN GOPPA ALL'ELRFANTE???AHHHHHRICORDI

claudio63

Mer, 08/10/2014 - 04:33

UN SALUTO DA CHI IL CIRCO NON LO HA MAI COMPRESO DEL TUTTO, MA CON TANTO RISPETTO PER CHI HA DEDICATO UNA VITA A QUESTA FORMA DI ARTE E SPETTACOLO.

paco51

Mer, 08/10/2014 - 08:39

il circo con gli animali va abolito per legge. I leoni devono stare a casa loro, solo trapezisti, cown giochi ecc. basta torturare gli animali. Basta aiuti di stato. presto tutto finirà il circo è roba da ottocento