Morto il premio Nobel Imre Kertész

È diventato famoso con il romanzo "Essere senza destino". Aveva 86 anni

È morto a 86 anni nella sua casa di Budapest lo scrittore ungherese, Imre Kertesz, premio Nobel per la Letteratura nel 2002.

Nato il 9 novembre del 1929, ebreo, deportato nel 1944 prima ad Auschwitz poi a Buchenwald e sopravvissuto ai campi di sterminio nazisti, Kertesz è stato il primo scrittore di lingua magiara a ottenere il premio nobel, che gli fu assegnato nel 2002. È diventato famoso con il romanzo "Essere senza destino" che descrive l'esperienza di un ragazzo ungherese di quindici anni nei campi di sterminio di Auschwitz, Buchenwald e Zeitz. Kertész ha scritto la sua opera tra il 1960 e il 1973 ma la pubblicazione fu respinta in un primo momento sotto il regime comunista ungherese. Nel 1975 viene stampato, ma resta ignorato dal pubblico. Solo con la caduta del Muro di Berlino la sua opera e il suo talento come scrittore vengono riconosciuti e accolti dal pubblico.