Motovedetta tunisina tenta sequestro di peschereccio italiano

Il secondo caso in pochi giorni. L'armatore: "Lavorare è diventato pericoloso"

Un tentativo di sequestro mentre si trovava in acque internazionali. Questo è accaduto ieri sera, intorno alle 21, al peschereccio Aliseo di Mazara del Vallo, improvvisamente aggredito da una motovedetta tunisina a 30-35 miglia a nord-est di Zarzis, non lontano dal confine libico.

Secondo l'armatore Manuel Giacalone i tunisini avrebbero sparato contro il peschereccio, con a bordo "11 uomini di nazionalità mista". I tracciati chiariscono, spiega, che "si trovava in acque internazionali quando è stato preso d'assalto".

Nessun ferito nel tentativo di sequestro, nonostante l'abbordaggio sia andato avanti per circa un'ora. Una situazione simile si era riproposta lo scorso 2 agosto, quando una motovedetta aveva preso di mira un'altra nave, l'Anna Madre, sempre di Mazara, i cui uomini hanno vissuto il tentativo di sequestro perché si trovavano nelle vicinanze.

Il tentativo di sequestro è stato confermato anche alla capitaneria di porto dalla Marina tunisina. "I danni economici sono enormi - denuncia Giacalone - così come quelli psicologici e sociali, tanto che sto seriamente valutando, dopo quattro generazioni, di fare altro".

Commenti

Demy

Dom, 20/08/2017 - 12:34

Sequestrano i pescherecci e poi chiedono il riscatto. In qualche modo devono "recuperare" quanto stanno perdendo con il calo dei clandestini.

Ritratto di ager

ager

Dom, 20/08/2017 - 12:41

Da "MARE NOSTRUM" a MARE LORO.

mborrielli

Dom, 20/08/2017 - 12:57

Ho controllato la posizione del peschereccio su Marinetraffic.com e trovato che la sua posizione era all'interno della zosiddetta ZEE come definito a pagina 67 di http://www. europarl.europa.eu/RegData/etudes/etudes/join/2009/431602/IPOL-PECH_ET(2009)431602_IT.pdf

Ritratto di giordano49

giordano49

Dom, 20/08/2017 - 13:13

che dire....? siamo costantemente nelle mani di delinquenti, e li aiutiamo pure....! minniti....docet , non nerita di coprire quell'incarico...VA DESTITUITO...e predica pure, come il " renz_son_un " manifesta " la scuola da cui proviene " e il Presidente continua A NON VOLER SAPERE , quello che già sapeva...! prova ne sia, CHE SONO BEN 4 (QUATTRO) GOVERNI CHE SI SUSSEGUONO SENZA IL RICONOSCIMENTO DEL ...POPOLO SOVRANO.. ( come previsto dalla NOSTRA Costituzione ) che costantemente viene VOLUTAMENTE CALPESTATA DALLE " ISTITUZIONI "

Ritratto di giangol

giangol

Dom, 20/08/2017 - 13:28

ma nostra marina è tutta concentrata e traghettare invasori della savana

FRATERRA

Dom, 20/08/2017 - 13:55

Siamo la BARZELLETTA del mondo intero........

Ritratto di zanzaratigre

zanzaratigre

Dom, 20/08/2017 - 14:21

Incredibile, gli africani ci sparano nelle acque internazionali e noi li andiamo a prendere con servizio taxi. Qualche volta, a ben ragione, dovremmo sparare pure noi! Chissà che non la smetterebbero di invaderci!

vince50

Dom, 20/08/2017 - 14:40

Per queste situazioni e in queste situazioni,ammiro profondamente i Russi.Non discutono,non si fanno domande inutili,sparano abbondantemente e affondano persone e cose punto.

killkoms

Dom, 20/08/2017 - 14:55

ma i barconi coi clandestini chissà perché non li fermano mai?

Ritratto di hernando45

hernando45

Dom, 20/08/2017 - 15:22

I Tunisini, sparano ai pescherecci e NON alle navi ONG!!!!AMEN.

Piermin

Dom, 20/08/2017 - 17:36

Purtroppo fino a quando i pescherecci nostrani andranno a pescare all'interno dell'area economina esclusiva della Tunisia (fascia di 200 miglia) senza i necessari permessi, saranno sempre soggetti a questo genere di problemi

Ritratto di karmine56

karmine56

Dom, 20/08/2017 - 18:18

Cosa fa il ministro degli esteri...dorme?

Ritratto di do-ut-des

do-ut-des

Dom, 20/08/2017 - 18:55

loro sparono e magari sono pure giustificati, a Bruxelles stanno zitti e noi non possiamo sparare 2 colpi ai barconi degli invasori.Ma poi che ci fanno sempre vicino alle loro coste? Forse trattano il pesce a poco prezzo dai pescerecci tunisini? Guarda un po', anche nell'Adriatico i nostri pescherecci vanno fino alle coste della ex Iugoslavia, proprio dove lo scambio è vataggioso.

seccatissimo

Lun, 21/08/2017 - 03:26

Sono convinto che i pescatori di Mazara Del Vallo facciano un pò troppo e troppo spesso i furbetti ! Come dice il noto detto ? "Tanto va la gatto al lardo finchè ci lascia lo zampino !"