Mps, derivato Alexandria: assolti in appello gli ex vertici della banca

In primo grado Mussari, Vigni e Baldassarri erano stati condannati a 3 anni e mezzo di reclusione oltre a 5 anni di interdizione

I giudici della corte d'appello di Firenze hanno assolto gli ex vertici di Banca Mps imputati nel filone che li vedeva imputati per il derivato Alexandria per "non aver commesso il fatto". Giuseppe Mussari non era presente alla lettura della sentenza. I tre imputati, l'ex presidente della banca Giuseppe Mussari, l'ex dg Antonio Vigni e l'ex capo area finanza Gianluca Baldassarri, erano accusati di concorso in ostacolo alla vigilanza, relativamente alla omessa comunicazione a Banca d'Italia del contratto con i giapponesi di Nomura per la ristrutturazione del derivato Alexandria.

La condanna

In primo grado erano stati condannati, a Siena, a tre anni e sei mesi ed interdetti per cinque anni dai pubblici uffici. Il procuratore generale Vilfredo Marziani aveva chiesto sette anni per Mussari e sei per gli altri ex vertici della banca. Le difese avevano invece sostenuto con forza l'insussistenza del castello accusatorio.

"Ho subito chiamato Giuseppe Mussari al telefono. Era felice anche se estraneo alle accuse di aver ostacolato la vigilanza". Lo ha detto il legale dell'ex presidente di Mps, l'avvocato senese Fabio Pisillo, dopo la lettura della sentenza di assoluzione in appello per gli ex vertici della banca al processo per il derivato Alexandria.

Mentre l'ex capo dell'area finanza di Mps Gianluca Baldassarri, l'unico dei tre imputati presenti alla lettura della sentenza del processo ha affermato davanti ai giornalisti:"Ho fatto otto mesi di carcere".

Commenti

mariod6

Gio, 07/12/2017 - 13:46

Non poteva essere diversamente. Banca rossa, tribunale toscano, giudici rossi, capitale di stato (rosso), funzionari che vengono suicidati, inchieste che si insabbiano, debitori che stanno di casa in Svizzera (De Benedetti) coperture politiche rosse....!!! Cosa vi aspettavate ????

Massimo Bocci

Gio, 07/12/2017 - 13:51

Una procura sempre più UGULE (Clone) a quella Milanese,una copia conforme (di fatto e di atti) per compagni e compagnie,delle opere di regime dei compagni di merende,e merendero,Forteti,centri sociali e compagnia di compagni e ladri vari di regime.

fifaus

Gio, 07/12/2017 - 14:20

Nessuna sorpresa, del resto i veri colpevoli siamo noi cittaidni che accettiamo questa gestione dello stato (il minuscolo è inevitabile. lo Stato Italiano non esiste più da decenni: fate voi il calcolo ...

FRATERRA

Gio, 07/12/2017 - 14:21

......non era dubitabile; che avrebbero scoperto la verità e ridato dignità e onori a persone oneste e pulite, che hanno subito l'onta di un'indagine.......IN GALERA......

Ritratto di giovinap

giovinap

Gio, 07/12/2017 - 14:23

ma no ; non ci credo! sono stati assolti, a che cifra ?

27Adriano

Gio, 07/12/2017 - 14:31

Lo stato stalinista con i "giudici" stalinisti non poteva non assolvere gli adepti. Dopo aver insabbiato, suicidato e indagato a senso unico, colpevoli sono coloro che sono stati truffati. Il magistrume rosso ha trionfato!!

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Gio, 07/12/2017 - 14:33

E ti pareva! Ai derubati dei loro conti correnti verranno accollate tutte le colpe? Chi rideva continua a ridere, chi piangeva continuerà a piangere? L'avessero fatto dalll'altra parte....si sarebbe scatenata una guerra senza esclusione di colpi.

unosolo

Gio, 07/12/2017 - 14:38

ricorso invece di Siena a Firenze ? come dire : giocare in casa .

veromario

Gio, 07/12/2017 - 14:39

non avevamo dubbi figuriamoci se pensavamo che costoro avessero qualche responsabilità ,in italia si perseguita una signora di 90 anni terremotata che si è costruita una casetta di legno per l'inverno,li si che i magistrati sono integerrimi,vergogna vergogna e ancora vergogna.

27Adriano

Gio, 07/12/2017 - 14:41

Qualcuno riesce a togliermi dalla testa che probabilmente c'è una occulta regia di re giorgio??

Romolo48

Gio, 07/12/2017 - 16:29

Ma allora, 'sto fatto chi l'ha commesso?

Massimo Bocci

Gio, 07/12/2017 - 16:48

Per Romolo48,......... come chi l’ha commesso,ho che domante la fa’, ma il Bunga, Bunga qader di regime,derubricato feriale a Esposizione (richiamato in servizio dal regime), insomma l’importante che gli appioppino le spese.

VittorioMar

Gio, 07/12/2017 - 17:12

... QUANDO NELLE INDAGINI MANCA UN SOGGETTO, ,UN NOME A CASO ? BERLUSCONI ,MANCA L'INTERESSE,IL MORDENTE,MANCA IL COINVOLGIMENTO POLITICO E PERSONALE,QUINDI ANCHE CON IL DOLO (SONO BRAVI RAGAZZI DI SINISTRA)NON HANNO FATTO TANTO MALE, SI QUALCHE CORRENTISTA ,MILIARDO PIU' MILIARDO MENO PER MPS COSA VOLETE CHE SIA ...NON SONO MICA QUEL RIVOLUZIONARIO FASCISTA DI BERLUSCONI !!

angelovf

Gio, 07/12/2017 - 17:24

Giudici vergognatevi per quello che state facendo all'Italia, dove sono finiti i soldi?????

demetrio_tirinnante

Gio, 07/12/2017 - 18:51

A questo punto mi domando.... "di Grazia", visto che "di Giustizia" non è stato possibile, se costoro sono stati assolti per "non aver commesso il fatto".... il "fatto" - che è accaduto - chi l'ha commesso?

Yossi0

Gio, 07/12/2017 - 20:10

Per caso il giudice aveva una t-shirt rossa ?

kytra1936

Gio, 07/12/2017 - 23:49

Si però gente, non è che siccome questi stavano in una banca rossa che ci sta antipatica, allora possiamo scordarci che uno s'è fatto 8 mesi di galera per niente. C'è già la sinistra che spera nei giudici per affossare quelli che non gli vanno bene; e non bisogna fare lo stesso errore.