Muore il funambolo dei record Dean Potter

Si era lanciato con la tuta alare nella Yosemite Valley. Amava camminare su funi di nylon e arrampicarsi senza protezioni lungo le pareti più impervie. Il corpo trovato senza vita dopo un volo con la tecnica del Base Jumping

Era funambolo, scalatore, angelo. Inseguiva le sfide estreme con una tuta dotata di ali. Camminava su corde di nylon tese tra i picchi del Grand Canyon senza corde di sicurezza, si arrampicava, sempre in assenza di protezione, sulle pareti più difficili del continente, e soprattutto amava buttarsi nel vuoto da altezze strepitose, tentando di aprire il paracadute più tardi possibile, per superare il più azzardato dei record, il volo libero più lungo compiuto da un essere umano, frenato appena dalla tuta alare, un vestito da Batman moderno.

Ieri il corpo senza vita di Dean Potter, l'uomo che sfidava la vertigine, e del suo amico e collega Graham Hunt sono stati trovati senza vita nella Yosemite Valley, nell'omonimo parco nazionale, ai piedi del Taft Point, da cui si erano presumibilmente gettati il giorno prima con il metodo del Base Jumping, il salto nel vuoto da una costruzione, o da un'altura, con la tuta alare. Gli amici non avevano più loro notizie da sabato, e avevano lanciato l'allarme.

Il Base Jumping è una pratica vietata in tutti i parchi nazionali americani, e per questo i due amici avevano deciso di svolgere il loro allenamento di sabato pomeriggio, per evitare i controlli dei rangers. I due corpi sono stati trovati dagli elicotteri ieri sera durante le ricerche.
Potter, 43 anni, e Graham, 29, si sono presumibilmente buttati insieme dal picco ma il paracadute non si è aperto. I loro corpi sono stati trovati in punti differenti, ma il volo sarebbe avvenuto in coppia.

Commenti
Ritratto di faustopaolo

faustopaolo

Lun, 18/05/2015 - 10:40

Se la sono cercata.

Ritratto di gianky53

gianky53

Lun, 18/05/2015 - 11:06

Che dire? Finito di saltare nel vuoto. Una vita spericolata alla ricerca di sensazioni forti, inevitabile che prima o dopo capitasse l'incidente.

cgf

Lun, 18/05/2015 - 11:26

Non so se è voluto, ma Taft Point è il punto dove è inquadrato nella foto.

Ritratto di giangol

giangol

Lun, 18/05/2015 - 12:00

il proverbio dice chi cerca, trova. consapevole del pericolo....contento lui, contenti tutti

Alessio2012

Lun, 18/05/2015 - 12:04

Ci hai regalato emozioni anche a costo della vita... e così è stato.

Ritratto di Alsikar.il.Maledetto

Alsikar.il.Maledetto

Lun, 18/05/2015 - 12:49

E' proprio il caso di dire che, rischia oggi e rischia domani, la corda ad un certo punto si è spezzata. Come sono saggi quelli che riescono a stare tranquilli e nascosti senza dovere dimostrare niente a nessuno.

Ritratto di Cobra31

Cobra31

Lun, 18/05/2015 - 13:43

Queste attività estreme si basano su un principio. L'infallibilità. Poichè al mondo nessuno è infallibile e per quanta attenzione si può avere un imprevisto può sempre accadere prima o poi.