Musica, arte e cibo E il made in Italy sbarca a Montecarlo

Fra le città ospiti Isernia, Matera, Cuneo e Mondovì. In mostra de Chirico e Guttuso

Arte, storia, turismo, musica, letteratura, moda, cinema, teatro, enogastronomia e artigianato. Da qualsiasi angolazione lo si analizzi il made in Italy colpisce e stupisce sempre, soprattutto all'estero. Sarà per questo che il Principato di Monaco ospita, ormai da quattro anni, il «Mese della cultura e della lingua italiana», evento ideato dall'ambasciatore Antonio Morabito, promosso dall'ambasciata italiana a Monaco e realizzato con il sostegno del governo del Principato di Monaco. Dal 1 ottobre (fino al 31) Monte Carlo celebra l'eccellenza tricolore con un tripudio di iniziative autofinanziate e sostenute da istituzioni monegasche, associazioni, sponsor e aziende italiane. Sul tema dominante del legame «cultura-diplomazia-impresa» e con un logo ispirato al portale di Arnaldo Pomodoro (collezione privata Timm Bergold) il Mese della cultura e della lingua italiana nel Principato di Monaco si aprirà con «Se(e) a», installazione luminosa sul porto dell'artista Marco Nereo Rotelli, il balletto «Passione» (di Guendalina Fazzini) con i primi ballerini del Teatro alla Scala Beatrice Carbone e Leon Cino e un concerto del duo Roberto Orengo (flauto) e Diego Campagna (chitarra).

Quest'anno le città ospiti sono Isernia, Matera, candidata a capitale europea della cultura nel 2019 che proporrà una mostra fotografica dedicata agli storici sassi, Cuneo e Mondovi che presenteranno un progetto di restauro e valorizzazione del patrimonio urbanistico e una sfilata delle creazioni dell'Accademia delle Belle Arti, in collaborazione con i Maestri Vetrai degli «Ori di Venezia». Sarà dedicato un grande spazio all'arte, con una «Collettiva di artisti contemporanei italiani» in collaborazione con Yacht Club Monaco, nel contesto dell'evento Yachting&art «YA! 2014» curato da Paola Magni che esporrà, tra le altre, opere di Giorgio de Chirico, Renato Guttuso.

Seguiranno esposizioni fotografiche, una delle quali sugli Anni '50 di Fabrizio La Torre, sfilate di moda, con la casa Sarli e una collezione di giovani designer, promossa dalla Camera nazionale della moda, un omaggio cinematografico al «Marchese del Grillo» di Alberto Sordi e il cortometraggio «Metamorfosi non chiamarmi amore» curato dal nostro Ministero dell'Interno.

Per il teatro, il Comitato Dante Alighieri offrirà «Dall'Inferno all'Infinito» con Monica Guerritore e lo Spazio Teatro No'hma metterà in scena la pièce «La danza degli alberi» di Teresa Pomodoro. La musica si esibirà con «Le Donne di Vivaldi», direttore Maestro Francesco Fanna e la «World Youth Chamber Orchestra», guidata dal Maestro Damiano Giuranna. Lunedi 20 ottobre inaugurerà la XIV Settimana della Lingua Italiana nel Mondo, promossa del Ministero degli Affari Esteri e dedicata al tema: «Scrivere la Nuova Europa: editoria italiana, autori e lettori nell'era digitale», con la presenza degli scrittori Roberto Ceré, Paolo Gambi, Paolo Aldo Rossi, Ida Li Vigni, Samuel Patellaro, Ivan Borserini, Adolfo Panfili e Vittoria Mangani.

Chiuderà, in bellezza, la manifestazione un evento enogastronomico, organizzato dall'Accademia Italiana della Cucina, delegazione di Monaco.

Un mese intenso, insomma, quello che si prepara a vivere il Principato di Monaco che servirà a «promuovere l'Italia attraverso un'immagine articolata, fatta di concerti, esposizioni d'arte, cinema d'autore, teatro, letteratura, design e moda, oggetti d'arte, economia, imprenditorialità ed enogastronomia» come dichiara l'ambasciatore italiano nel Principato di Monaco, Antonio Morabito.

Tutta la programmazione del mese è consultabile sul sito: www.mcitmc.org.