"Nadia morta per asfissia, non è stata strangolata"

Svolta nelle indagini sull'omicidio di Nadia Orlando. La ragazza sarebbe stata soffocata: non è morta per strangolamento

Svolta nelle indagini sull'omicidio di Nadia Orlando. Francesco Mazzega, l'uomo accusato dell'omicidio ha sempre sostenuto con gli investigatori di aver strangolato la ragazza. Ma adesso, dopo l'autopsia sulla 21enne cambiano parecchie cose sulla dinamica del delitto. La ragazza infatti sarebbe morta per asfissia e non dunque per strangolamento come sostenuto da Mazzega. L'uomo infatti ha sempre sostenuto di aver strangolato Nadio in un impeto di gelosia. Nadia però sarebbe stata soffocata e quindi cadrebbe così la tesi sostenuta da Mazzega. E proprio sui nuovi esiti dell'inchiesta è intervenuto il pm che segue le indagini: "Non possiamo mai prendere per oro colato le prime dichiarazioni degli indagati. Le indagini proseguono andando oltre le sue dichiarazioni. Faremo di tutto per accertare cosa è accaduto". Nella sua confessione, Mazzega ha sostenuto di aver ucciso Nadia perché lei avrebbe avuto un altro. Circostanza in seguito smentita dalla famiglia. Adesso gli inquirenti, alla luce dei risultati dell'autopsia, dovranno capire quale sia stata l'esatta dimanica dell'omicidio.