Napoli, ostruite le condotte fecali al pronto soccorso, "È sabotaggio"

L'episodio all'ospedale "San Giovanni Bosco" già nella bufera per il caso formiche. La denuncia del direttore generale ASL Forlenza

Condotte fecali ostruite al pronto soccorso dell'ospedale "San Giovanni Bosco" di Napoli già agli onori della cronaca per la presenza di formiche all'interno dei locali. Il direttore generale dell'Azienda sanitaria locale Napoli 1, Mario Forlenza, ha presentato un esposto ai carabinieri chiedendo di indagare dopo la relazione giunta sul suo tavolo a firma del tecnico Claudio Pucillo.

Pupillo segnala diversi episodi di sabotaggio delle condotte - nei giorni a cavallo tra il 10 e il 14 gennaio - ricordando che i locali del pronto soccorso si sono allagati. Effettuate le operazioni di espurgo sono stati scoperti oggetti incompatibili con l'uso delle condotte: una bottiglia di plastica, una retina, rotoli di carta igienica, carta assorbente, pannolini e addirittura lenzuola nelle vasche di decantazione. Come dicevamo l'ospedale era finito già sotto i riflettori per la scoperta di formìche nei locali con il corollario di titoli di giornale e polemiche.

Forlenza parla senza mezzi termini di sabotaggio e spiega: "Sono episodi che possono essere ritenuti prove di un preciso disegno con collegamenti con la vicenda delle formiche sicuramente lo scopo era quello di far allagare il pronto soccorso con acqua putrida mentre era in corso l'ispezione della commissione con un altro scandalo mediatico evitato solo per il pronto intervento di spurgo".