È strage a Secondigliano. Spara dal balcone: quattro morti e sei feriti

Sotto i colpi di un uomo incensurato sono caduti passanti e alcuni parenti. Proclamato il lutto cittadino

L'arresto dell'uomo che ha fatto fuoco con un fucile da un balcone nel quartiere Secondigliano

È di quattro morti e sei feriti il bilancio stilato dalle forze dell'ordine. Sotto i colpi di un uomo che ha aperto il fuoco a Napoli sono caduti la cognata e il fratello del 48enne Giulio Murolo, oltre a un ufficiale della municipale, mentre due poliziotti, un carabiniere, un vigile urbano e due passanti sono rimasti feriti.

Per un'ora e mezzo ha continuato a sparare dal balcone, dopo avere fatto le prime vittime in casa. Sarebbe stata una lite nata per dei panni stesi a scatenare la follia dell'uomo, che si è poi fatto arrestare, senza opporre resistenza, dopo avere scatenato il panico nel quartiere di Napoli di Secondigliano.

Forse in un momento di lucidità, l'uomo aveva chiamato il 113. L'operatore ha avuto la prontezza di bloccarlo al telefono, trattenendolo per circa quaranta minuti, fino a convincerlo a consegnarsi alle forze dell'ordine, disarmato e senza maglietta.

Si è presentato così al dirigente del commissariato di Scampia che lo ha portato via. Non prima di avere minacciato di farsi saltare in aria, con delle bombole di gas che diceva di avere con sé, ma che poi in casa non sono state trovate.

Il tutto è avvenuto in via Miano, nella periferia nord, in un pomeriggio di sangue che ha spinto il sindaco, Luigi De Magistris, a proclamare il lutto cittadino e cancellare le manifestazioni in programma per l'inaugurazione di una stazione della metropolitana e un appuntamento elettorale con il Pd.

L'uomo che ha fatto quattro vittime è un dipendente del reparto di chirurgia toracica al Cardarelli, senza nessun precedente. Introverso, secondo i colleghi, ma nulla avrebbe fatto pensare a quello che è successo oggi. Appassionato di caccia, aveva diverse armi in casa, con un permesso per l'uso sportivo, che sarebbe però scaduto lo scorso dicembre.

Consegnatosi alla polizia, Giulio Murolo è stato salvato dagli stessi agenti, partiti a gran velocità, circondati da una folla inferocita che minacciava di linciarlo.

Commenti
Ritratto di Omar El Mukhtar

Omar El Mukhtar

Ven, 15/05/2015 - 16:59

Ce lo dite se era Islamico o, almeno, africano?

WSINGSING

Ven, 15/05/2015 - 17:50

Lascitelo stare. Risulterà privo della capacità di intendere e di volere.

LiberoDiPensare

Ven, 15/05/2015 - 17:55

Giulio Murolo, 48enne, infermiere dell’ospedale Cardarelli, incensurato, si è messo a sparare dal balcone di un appartamento in via Napoli. Il bilancio drammatico è di 4 morti e 5 feriti. L’uomo lavorava nel reparto di Chirurgia toracica dell’ospedale Cardarelli di Napoli..... questa è informazione.

Mr Blonde

Ven, 15/05/2015 - 17:56

ecco perchè la vendita di armi deve essere bandita

machete883

Ven, 15/05/2015 - 18:56

i poliziotti cadono e muoiono ma qui si pensa solo a teppisti a migranti del c..........!! tra poco scoppia questa nazione alla canna del gas ed il botto sarà grande..anche se l'italiota medio pensa alla birra al calcio ed all'ultimo iohone,,,quando avrà sul collo il piede scalzo di un african people allorà forse capira?....

machete883

Ven, 15/05/2015 - 18:57

comunque è napoli...quindi è tutto nella normalità....

roberto.morici

Ven, 15/05/2015 - 19:40

@ Omar El Mukhtar, famoso monomaniaco. Dorma sonni tranquilli. E' risaputo che all'ombra del Profeta non c'è posto per gli assassini. Sembra, anzi, che sotto la bandiera nera dell'ISIS combattano solo napoletani. Italiani comunque. E' certo che da quelle parti gli islamici non sono graditi: troppo buoni verso gli stranieri, in generale, ed i cristiani in particolare. Vada, vada tranquillo.

Ritratto di Omar El Mukhtar

Omar El Mukhtar

Ven, 15/05/2015 - 20:24

Fosse stato qualche anno fa sarebbe stato normale per Salvini tuonare contro quella fogna di città. Ma ora come fa? Gli servono i voti!!! Anche dei napoletani. Meno male che la settimana è finita. Alla prossima si vedrà.

Ritratto di zanzaratigre

zanzaratigre

Ven, 15/05/2015 - 20:26

Omar El Mukhtar- Ven, 15/05/2015 - 16:59 Si tratta di Giulio Murolo, incensurato di 48 anni, infermiere all’ospedale Cardarelli di Napoli e quindi napoletano doc quindi non un Kabobo e non un Al Baghdadi, ma evidentemente loro pari in fatto di vuoto totale al posto del cervello!

gluca72

Ven, 15/05/2015 - 23:42

Ma cosa centrano gli islamici o Salvini si riesce ogni tanto a commentare le notizie con pertinenza con il rispetto dovuto alle persone morte?

goligo

Sab, 16/05/2015 - 00:43

La maggior parte degli agenti di polizia?? era in borghese, non sembravano nemmeno poliziotti, mah...

Ritratto di 51m0ne

51m0ne

Sab, 16/05/2015 - 07:03

i panni bisogna stenderli bene.

Holmert

Sab, 16/05/2015 - 07:30

Da questo episodio criminale, si capisce per chi ancora ha bisogno di prove, di come sia stata ridotta la nostra polizia. Paura di intervenire anche con le armi. Non possono più sparare, anche quando uno affacciandosi dalla finestra ed impugnando un fucile spara a 'ndo coio coio, all'impazzata. Bastava un tiratore scelto che con un colpo ben assestato lo stendeva per sempre. Impossibile per la legge italiana di rammolliti garantisti e buonisti evangelici; meglio un ispettore per convincerlo a depositare le armi. Ora gli avvocati chiederanno una perizia psichiatrica e tutto finirà a taralloni e grappa alle pere. Si tenga conto che i "manicomi" custodiali per criminali pazzi, sono stati anche chiusi e la fetecchia è servita.

risorgimento2015

Sab, 16/05/2015 - 12:31

il pazzo ha solo fatto un sbaglio grosso? doveva sparare alle "RISORZE" e forse in futuro avra` una medaglia ?

Ritratto di 51m0ne

51m0ne

Dom, 17/05/2015 - 13:17

@risorgimento2015, hai ragione, uno spreco, ha sbagliato target