Napoli, minaccia donna col coltello e tenta di violentarla

È finito in carcere un 37enne di Napoli. È accusato di violenza sessuale e rapina aggravata

Salvata da una segnalazione al 113. Così si è evitato che a Napoli una violenza sessuale andasse oltre il palpeggiamento. Erano pressappoco le 5 quando le urla di una donna hanno attirato l’attenzione di una residente che ha immediatamente allertato la Polizia di Stato. Gli agenti, giunti sul posto, in via Largo Ecce Homo, nell’androne di uno stabile hanno trovato un uomo steso sul pavimento che bloccava una ragazza brandendo un coltello da cucina. Gli agenti del commissariato Vicaria-Mercato hanno disarmato l’aggressore e lo hanno arrestato.

Con l’accusa di violenza sessuale e rapina aggravata è finito nel carcere di Poggioreale un 37enne napoletano, A.M.. Il coltello è stato sottoposto a sequestro. La vittima è stata subito condotta al pronto soccorso: i medici l’hanno ritenuta guaribile in 21 giorni per una ferita riportata a una mano e per contusione abrasive multiple. Secondo quanto è stato ricostruito dagli investigatori, la donna era stata sorpresa dal suo aggressore mentre usciva di casa, nel cuore di Napoli. L’uomo, dopo averla trascinata a terra, sotto la minaccia del coltello, con la stessa forza con cui le aveva strappato la borsa che portava a tracolla, aveva iniziato a palpeggiarla e a toccarle le parti intime. L’intervenuto degli agenti avrebbe impedito che si consumasse un rapporto sessuale completo.

Commenti

ziobeppe1951

Sab, 15/12/2018 - 17:34

Dove è successo?

Reip

Sab, 15/12/2018 - 18:20

Se fosse stato marocchino, gli avrebbero dato una medaglia, e il reddito di cittadinanza!

lappola

Sab, 15/12/2018 - 18:25

Questo in galera ci deve andare e ci andrà di sicuro. E' italiano, per lui non esistono attenuanti "a capocchia di magistrato"