Narcos viola obbligo di dimora e se ne va in crociera con la compagna

Sui social le foto che lo incastrano. Finisce in carcere il 39enne Giacomo Di Pierno. I carabinieri documentano il viaggio e lo arrestano.

In costume nella piscina idromassaggio. Al bar a bere un drink. Poi quell’osservazione a corredo di una foto: “Le cose belle subito finiscono”. Immagini di una rilassante crociera con la compagna, rese pubbliche su un social network. Ma il protagonista, il 39enne Giacomo Di Pierno, non poteva muoversi da casa. Arrestato il primo luglio scorso per traffico di droga dalla Spagna, era sottoposto all’obbligo di dimora a Varcaturo, comune in provincia di Napoli. Nel frattempo, invece, se ne era andato in vacanza, sottraendosi alla misura cautelare disposta nei suoi confronti.

Un rilassante viaggio di sette giorni nel Mediterraneo, con partenza da Napoli e tappe a Genova, Marsiglia, alle Baleari, a Malta e a Messina, in cui non sono mancate le foto. E ad osservare quelle piazzate su un suo profilo virtuale presente in rete c’erano anche i carabinieri di Napoli. Ostentare quei momenti di “libertà” è costato il carcere al presunto narcos: i militari dell’Arma lo hanno arrestato (guarda il video) nelle ultime ore per aver violato il provvedimento restrittivo. Il gip del tribunale di Napoli ha aggravato la misura cautelare disponendo nei suoi confronti la detenzione nell’istituto penitenziario napoletano di Secondigliano.

Di Pierno era sfuggito a giugno scorso ai carabinieri del Nucleo investigativo di Napoli che stavano eseguendo un’ordinanza di custodia cautelare per associazione finalizzata al traffico di droga spiccata contro17 indagati. Fu catturato qualche giorno dopo a Varcaturo. Secondo l’accusa, era tra i responsabili dell’organizzazione che si era occupata di spostare fino a Napoli 1.250 kg di hashish e marijuana facendoli nascondere in doppifondi ricavati su autoarticolati. I carichi arrivavano dalla Spagna. I tir erano scortati da auto-staffetta con targhe straniere con a bordo incensurati. Gli inquirenti ritengono che Di Pierno sia vicino al clan Nuvoletta-Polverino, attivo tra Quarto e Marano.

Commenti

moshe

Gio, 11/05/2017 - 13:21

un'altro che ha usufruito della "giustizia" italiana ... che bella!

Ritratto di mbferno

mbferno

Gio, 11/05/2017 - 13:42

Idiota 2 volte:la prima perché trafficante di droga e pregiudicato,la seconda per le foto postate sui social in latitanza. Che dire,un cervelletto grande come un granello di sabbia. Adesso lo aspettano le docce del carcere....ahahahahah

ziobeppe1951

Gio, 11/05/2017 - 14:02

GIOVINAPatana rossa di secondigliano..non basta il Nord Italia..pure le Baleari andate a impestare

Ritratto di giovinap

giovinap

Gio, 11/05/2017 - 14:57

zipeppe da caserta ,varcaturo si trova in provincia di caserta , la tua terra d'origine , in fondo stai parlando di un tuo paesano !

Ritratto di Fuchida

Fuchida

Gio, 11/05/2017 - 15:48

E' il vincitore della "Volpe d'oro" 2017

maurizio50

Gio, 11/05/2017 - 16:23

Ehi @giovinap. Questo qui non arriva dalla Patania!!!!!!!!!!!!!

Ritratto di giovinap

giovinap

Gio, 11/05/2017 - 17:34

maurizio50 , mi piacerebbe sapere da dove arrivi tu , figlio/nipote di siciliani calabresi o pugliesi ?

Ritratto di ottimoabbondante

ottimoabbondante

Gio, 11/05/2017 - 23:44

Di Pierno, cognome tipico della Val Brembana.

Martinico

Ven, 12/05/2017 - 07:15

In parlamento abbiamo di peggio ma ci speliamo le mani ad applaudirli.