Nasce il pandoro con la farina di insetti

Dal 2018 si potrà mangiare la nuova specialità gastronomica creata dal foodblogger trevigiano MasterBug

Natale, tempo di pandoro. Tradizionale, al cioccolato o con gli insetti. Sì perché oltre a burro, uova, latte la nuova specialità gastronomica prevede l'aggiunta nell'impasto del 20% di farina derivata da bachi da seta, allevati per il consumo alimentare umano.

A inventare questa ricetta è stato il foodblogger trevigiano Roberto Cavasin, in arte MasterBug, che ha seguito le indicazioni dell'Europa in tema di insetti commestibili, ricchi di proteine ed ecosostenibili. Dal primo gennaio 2018 infatti entra in vigore il nuovo regolamento Ue sui "novel food" che riconosce gli insetti sia come nuovi alimenti che come prodotti tradizionali dei Paesi Terzi e apre alla loro produzione e vendita anche in Italia.

Il pandoro agli insetti

La nuova specialità gastronomica ha un gusto più deciso simile alla nocciola. Ma, la vera novità sono i valori nutrizionali. Le percentuali di contenuto proteico e lipidico totale per peso secco della farina sono rispettivamente del 55,6% e del 32,2%. Il contenuto nutrizionale della farina di baco da seta per 100 g è composto da proteine 55 g, grassi 8,5 g, fibre 6 g, carboidrati 25,43g con un valore energetico di 389.60 (Kcal/100g). Questi dati evidenziano che la farina di bachi da seta, ma anche gli insetti in generale, è una nuova fonte di proteine di alta qualità.

Commenti

routier

Lun, 18/12/2017 - 19:48

Produce il pandoro alla farina di insetti? Che se li mangi lui!