Nel ristorante etnico cucina sporca, utensili a terra e alimenti mal conservati

Dopo ispezione dei carabinieri, chiuso locale situato nella piazza centrale di Palma Campania. Sanzionato il titolare bengalese

I fornelli erano sudici, gli utensili da cucina a terra, sporchi, i pavimenti e le pareti versavano in uno stato indecente. Le condizioni igienico-sanitarie di un ristorante etnico a Palma Campania erano davvero pessime. Il locale si trova in piazza San Martino, la piazza centrale del comune dell’area metropolitana di Napoli denonimato “Bangla Campania”, per la presenza massiccia di immigrati provenienti dal Bangladesh. Ce ne sono circa 6mila in una città che conta 16mila abitanti.

Il ristorante era aperto al pubblico fino alla visita dei carabinieri, che hanno disposto la sua chiusura e alla sospensione delle attività. A gestirlo ci pensava un 34enne originario del Bangladesh, a cui è stata comminata una sanzione amministrativa di 1500 euro. I militari dell’Arma della locale stazione e della sezione Forestale di Roccarainola, insieme a personale dell’Asl Napoli 3 Sud, hanno eseguito un’ispezione nell’ambito di controlli in materia agroalimentare e sull’importazione di prodotti extra Ue. Gli alimenti erano mal conservati, quelli in frigo erano riposti in promiscuità. Pesce, sacchi di legumi, riso, spezie e altro non presentavano indicazioni per la tracciabilità e sono stati sottoposti a sequestro amministrativo. Inoltre i servizi igienici non erano a norma.

Commenti
Ritratto di anticalcio

anticalcio

Sab, 30/06/2018 - 17:06

fortuna che non hanno parlato delle mani di queste gente..altrimenti passa la fame per un paio di settimane!!