Niente risarcimento per morte dovuta al fumo: "Libera scelta"

La Corte di Cassazione ha respinto il ricorso di una vedova calabrese. Per il Palazzaccio, la morte è causata dalla volontà del fumatore. Un monito per tutti i consumatori di tabacco italiani

Il fumo uccide. Ma non ci sarà risarcimento per una donna calabrese rimasta vedova a causa dell'eccessivo consumo di sigarette da parte del marito. I giudici della Corte di Cassazione hanno respinto la richiesta della donna nei confronti della British American Tobacco - Italia spa.

Un esito giudiziario che, per l'Italia, sembrava abbastanza scontato. Non vi è alcun dubbio che la morte del marito della donna sia stata causata dal fumo. È stato infatti appurato che al marito della ricorrente era stato diagnosticato un tumore alla laringe, causato dal fumo di sigarette, nel 1991. E questa patologia ne ha provocato la morte dopo otto anni.

Ma i giudici di primo e secondo grado in Calabria hanno ritenuto che "il danno va ascritto esclusivamente alla condotta negligente del fumatore". In sostanza i giudici non negano, ovviamente, che sia stato il fumo a causare la morte dell'uomo. Ma per la Corte, la malattia è da ascriversi alla volontà di esporsi ai rischi della nicotina in maniera del tutto autonoma. E quindi, questo elemento esclude la responsabilità delle aziende che producono e commercializzano sigarette.

La difesa della ricorrente si è basata anche sul fatto che "la libera determinazione dei consumatori di sigarette è influenzata e compressa dalla dipendenza psico-fisica provocata dalla nicotina", spiega Il Tempo. E quindi, di conseguenza, "in presenza di una dipendenza da fumo, non si può parlare di libera scelta". E a nulla sono valse le teorie difensive sul fatto che l'ambiente in cui viveva il soggetto avessero creato una sorta di costrizione psicologia.

I giudici della Cassazione hanno confermato la linea di Tribunale e Corte d'Appello definendo la malattia e la morte dell'uomo come "il frutto di una sua libera e volontaria scelta" di consumare sigarette. Una posizione che conferma una linea ormai consolidata della giurisprudenza del Palazzaccio che già a maggio avevano pronunciato un provvedimento quasi identico.

I fumatori italiani sono avvertiti: il diritto non dà giustificazioni. Chi vuole fumare, ne paga le conseguenze non solo fisiche, ma anche giuridiche. Un segnale però che serve anche a far capire i danni che provoca il fumo e che serve a responsabilizzare i consumatori di tabacco. L'ultimo rapporto del ministero della Salute afferma che sono attribuibili al fumo di tabacco dalle 70mila alle 83mila morti l'anno. Una cifra enorme e che, nel 25% dei casi, riguarda persone di età compresa fra i 35 e i 65 anni.

Commenti

giancristi

Ven, 12/10/2018 - 10:56

"Il fumo uccide." C'è scritto su tutti i pacchetti di sigarette. Ma la gente se ne frega e continua imperterrita. Non è che poi può dare la colpa agli altri e chiedere risarcimenti. Chi è colpa del suo mal, pianga se stesso.

Gianca59

Ven, 12/10/2018 - 11:09

Ma se uccide, perché lo vendono ?

Ritratto di gzorzi

gzorzi

Ven, 12/10/2018 - 11:40

Si dovrebbero mettere anche tutte le spese sanitarie a carico dei fumatori, drogati e alcolizzati.

Ritratto di gattomannaro

gattomannaro

Ven, 12/10/2018 - 12:32

Salire su un barcone fatiscente, è libera scelta? Allora perché s'impone il 'salvataggio' anche quando non vi sono condizioni di pericolo imminente, nel qual caso è ovviamente doveroso?

Ritratto di Flex

Flex

Ven, 12/10/2018 - 12:33

Mi sembra giusto se fumi è una tua libera scelta perciò ti arrangi. Semmai andrebbero messe al bando totalmente le sigarette con filtro. E' noto a tutti il grande inquinamento prodotto dai "filtri delle sigarette", sporcano strade piazze e inquinano in modo permanente corsi d'acqua e mare.

dagoleo

Ven, 12/10/2018 - 13:02

Anche il vino se ne bevi troppo ti può uccidere. Non vendiamo più vino? Anche lo zucchero se ne consumi troppo ti causa il diabete. Non vendiamo più zucchero?

bremen600

Ven, 12/10/2018 - 13:20

le multinazionali del tabacco sono come le banche,non possono essere aggredite da un giudice.........

Alessio2012

Ven, 12/10/2018 - 14:10

UN CONTO E' QUALCOSA CHE IN GROSSE QUANTITA' UCCIDE, MA BASTA ANCHE SOLO UNA SIGARETTA PER MODIFICARE IL DNA...

Ritratto di stenos

stenos

Ven, 12/10/2018 - 14:18

Giusto. Finalmente ne fanno una giusta.