Il Nobel per la Medicina va a Kaelin, Ratcliffe, Semenza

I tre ricercatori, due statunitensi e un britannico, hanno scoperto come le cellule percepiscono e reagiscono alla disponibilità di ossigeno

Il premio Nobel 2019 per la Medicina va a William G. Kaelin Jr, Peter J. Ratcliffe e Gregg L. Semenza, per le loro scoperte sull'adattamento delle cellule alla disponibilità dell'ossigeno.

I ricercatori statunitensi William Kaelin e Gregg Semenza e il britannico Peter Ratcliffe sono stati premiati per le scoperte sul modo in cui le cellule percepiscono e reagiscono in base alla disponibilità di ossigeno. Si tratta di un meccanismo essenziale per la vita. I tre studiosi, infatti, "hanno stabilito le basi per la nostra comprensione di come i livelli di ossigeno influenzino il metabolismo cellulare e la funzione fisiologica", ha spiegato la giuria. Le loro scoperte "hanno spianato la strada a nuove promettenti strategie per combattere l'anemia, il cancro e molte altre malattie".

A dare l'annuncio, come ogni anno, è stato il Karolinska Institutet di Stoccolma, l'università medica più prestigiosa della Svezia, in diretta sui social. Il premio vinto dagli scienziati corrisponde a 9 milioni di corone svedesi, che in euro sono pari a circa 830mila euro.

L'anno scorso, come ricorda Repubblica, il Nobel per la Medicina era andato all'americano James Allison e al giapponese Tasuku Honjo, che avevano scoperto come attivare il sistema immunitario contro i tumori.

Domani, invece, verranno annunciati i vincitori del premio per la Fisica, mercoledi per la Chimica, giovedì per la Letteratura, che quest'anno saranno due, data la sospensione dello scorso anno a causa degli scandali, e venerdì per la Pace. Poi, il prossimo lunedì, è attesa l'assegnazione del riconoscimento per l'Economia. Uno dei premi più attesi è quello per la Pace: quest'anno tra i favoriti c'è Greta Thunberg.