Non c'è pace per Genova: sulla via Aurelia si apre un'enorme voragine

A pochi chilometri dal ponte Morandi crollato si chiude un'altra importante arteria stradale. Martedì un altro crollo in centro

Non c'è proprio pace per Genova e per i genovesi: a pochi chilometri dalle rovine di ponte Morandi, sulla via Aurelia, nel tratto compreso fra Voltri ed Arenzano, ieri pomeriggio si è aperta un'enorme voragine di sette metri di larghezza e 20 di profondità.

Un grosso buco nell'asfalto che interrompe la viabilità in entrambe le direzioni, sia verso il capoluogo ligure che verso la riviera di Ponente. La circolazione rimarrà chiusa a lungo e i lavori di riparazione, ha anticipato l'assessore comunale ai Lavori Pubblici, Paolo Fanghella, si concluderanno dopo le feste di Natale.

Il tratto di strada crollato era già stato indebolito dalla mareggiata dello scorso 29 ottobre, quella che aveva provocato enormi danni in tutta la Regione. Dalle prime ispezioni sul posto emerge che a fine ottobre il mare avrebbe distrutto il muraglione che sostiene il tratto di strada crollata, erodendo la terra e la soletta di cemento: dal Comune confermano infatti che il danno maggiore non è stato registrato all'asfalto ma al terreno sottostante e che la voragine visibile sarebbe in realtà molto più piccola del buco che si cela sotto.

Pare inoltre che i cedimenti del manto stradale fossero già stati segnalati dal municipio VII Ponente, che ora lamenta di non avere ricevuto la stessa attenzione riservata ad altre zone della città. "Capisco la difficoltà di gestire tanti problemi contemporaneamente, ma quando è stato fatto il sopralluogo ci era stato detto che la situazione non era di emergenza", tuona il presidente del VII municipio Claudio Chiarotti.

Per fortuna nel crollo di ieri non ci sono stati feriti ma la chiusura dell'Aurelia rappresenta comunque una ferita importante - l'ennesima - per la viabilità di Genova, soprattutto nel Ponente già colpito dal collasso di Ponte Morandi lo scorso 14 agosto. Ora per raggiungere il capoluogo da Arenzano l'unica strada a scorrimento veloce resta l'A10. Ma una volta superato il casello di Voltri, bisognerà uscire dall'autostrada perché l'autostrada si interrompe in corrispondenza del Ponte Morandi: occorrerà tornare sulla viabilità ordinaria. Magari proprio sull'Aurelia, nei tratti ancora integri.

Martedì un altro crollo in via Cesare Battisti

Nella giornata di martedì un'altra voragine si è aperta nell'asfalto, questa volta in via Cesare Battisti, nel quartiere centrale di Albaro. Per fortuna non ci sono feriti. Il Secolo XIX riporta le testimonianze di alcuni residenti del quartiere secondo cui già ieri l'asfalto aveva già parzilamente ceduto. Sul posto sono intervenuti i vigili urbani per chiudere al traffico la strada interessata dal crollo.

Commenti
Ritratto di franco-a-trier_DE

franco-a-trier_DE

Mar, 27/11/2018 - 12:35

avete degli ottimi ingegneri in Italia vedo, chissà perchè in Germania non succedono queste voragini.